3 Giugno 2023

Migliorare performance e salvaguardare dischi SSD e nVME grazie all’utilizzo della RAM

Sfruttare la Potenza della RAM per Ottimizzare Performance e Longevità dei Dischi SSD e nVME tramite utili best practices.

La necessità di velocità e resilienza nel mondo dei server

In un’epoca in cui la tecnologia permea ogni aspetto della vita quotidiana e professionale, l’efficienza e la velocità dei server sono diventate questioni di importanza cruciale. Questo si riflette nella crescente domanda di query MySQL ultra veloci, nell’elaborazione di script in tempo reale e nell’accesso istantaneo a file con una latenza minima e un elevato throughput. Ogni microsecondo conta quando si tratta di performance dei server, con le aziende che cercano continuamente modi per ottimizzare i tempi di risposta e garantire un servizio impeccabile.

Parallelamente a questa esigenza di performance, c’è una necessità crescente di archiviazione dati. La quantità di dati generati e consumati è in costante aumento, a un ritmo che sembra quasi inarrestabile. Con un sempre maggiore volume di richieste concorrenti, il carico sulle prestazioni degli hard drive aumenta in modo esponenziale. Questo afflusso incessante di richieste può mettere a dura prova gli hard drive, che devono cercare di mantenere il passo senza compromettere la velocità o la sicurezza dei dati.

Tuttavia, l’elevato numero di operazioni di lettura a livello di disco può, col passare del tempo, portare a un deterioramento del loro corretto funzionamento. Questo potrebbe trasformarsi in un punto di fragilità all’interno della resilienza complessiva dell’infrastruttura IT, con possibili ripercussioni negative sulla continuità delle operazioni aziendali.

Per rispondere a queste sfide, l’industria tecnologica ha sviluppato soluzioni all’avanguardia che combinano velocità e affidabilità. Tra queste, un ruolo di primo piano è rivestito dalle memorie a stato solido: i dischi SSD e i dischi nVME. Queste tecnologie rappresentano un salto qualitativo significativo rispetto agli hard disk tradizionali, promettendo velocità di accesso ai dati più rapide e una maggiore resistenza all’usura. Eppure, come vedremo, anche questi dispositivi avanzati hanno i loro limiti e richiedono una gestione attenta per sfruttare al meglio le loro potenzialità.

SSD e nVME: Un salto di qualità con limiti da non sottovalutare

I dischi SSD (Solid State Drive) e nVME (Non-Volatile Memory Express) rappresentano un gigantesco passo avanti nella tecnologia di archiviazione dati rispetto agli hard disk tradizionali. Questi dispositivi di memoria a stato solido hanno rivoluzionato l’industria informatica, portando performance eccezionali in termini di velocità di lettura e scrittura, affidabilità e resistenza.

Gli SSD, in particolare, hanno una struttura totalmente diversa dagli hard disk meccanici. Invece di fare affidamento su piatti rotanti e testine di lettura/scrittura meccaniche, gli SSD utilizzano celle di memoria a stato solido per memorizzare i dati. Questo elimina il ritardo meccanico, aumentando notevolmente la velocità di lettura e scrittura dei dati.

Ancora più all’avanguardia, i dischi nVME sfruttano l’interfaccia PCIe (Peripheral Component Interconnect Express) per connettersi direttamente al processore del computer. Questo bypassa completamente l’interfaccia SATA (Serial ATA) utilizzata da SSD e hard disk tradizionali, consentendo velocità di trasferimento dati ancora maggiori.

Nonostante i vantaggi indiscutibili di questi dischi a stato solido, è importante ricordare che non sono esenti da limiti. Come ogni dispositivo di archiviazione, anche gli SSD e gli nVME hanno un limite fisico al numero di cicli di lettura e scrittura che possono gestire. Questo limite è definito come TBW (Terabyte Written) e rappresenta la quantità totale di dati che possono essere scritti sul disco prima che possano iniziare a manifestarsi problemi di prestazioni o affidabilità.

Ad esempio, un disco nVME di punta come l’Samsung 980 PRO offre una durata stimata di 600 TBW. Questo significa che, teoricamente, potrebbe scrivere 600 terabyte di dati prima che la sua affidabilità cominci a diminuire. Questo può sembrare un numero enorme, e in effetti lo è, ma in un ambiente di server ad alto traffico dove vengono letti e scritti grandi volumi di dati ogni giorno, questo limite può essere raggiunto più velocemente di quanto si possa pensare.

La RAM: Velocità e performance a livello superiore

Quando si parla di velocità e performance nel mondo dei server, una componente di hardware che emerge come un vero game changer è la RAM (Random Access Memory). Questa forma di memoria volatile gioca un ruolo cruciale nell’ottimizzazione della performance dei server, portando le prestazioni a livelli veramente impressionanti, specialmente con l’arrivo delle memorie DDR4 e, più recentemente, delle DDR5.

Le memorie DDR4 e DDR5 sono l’evoluzione delle precedenti DDR3, offrendo velocità di trasferimento dati significativamente superiori. Ciò permette una maggiore larghezza di banda e quindi una maggiore velocità di elaborazione dei dati. Quando si tratta di prestazioni, questi tipi di RAM rappresentano attualmente il vertice della tecnologia di memoria.

Per dare un’idea della differenza di velocità, consideriamo questo confronto. Un disco nVME molto veloce può raggiungere velocità di lettura/scrittura fino a 7000MB/s. D’altro canto, una memoria DDR5 può arrivare a una velocità di 6400MT/s (Mega Trasferimenti al secondo). Questo valore, però, non rappresenta direttamente la velocità di trasferimento dei dati come nel caso del nVME. In realtà, grazie alla struttura interna della RAM che permette trasferimenti di dati in entrambe le direzioni simultaneamente, questa velocità si traduce in una larghezza di banda di 51.2 GB/s. Questo significa che una DDR5 può gestire un flusso di dati quasi sette volte superiore rispetto a un disco nVME.

Ecco, quindi, che emerge il potenziale della RAM. Ma come si può sfruttare questa incredibile velocità per migliorare le performance dei server e, allo stesso tempo, ridurre il numero di accessi inutili al disco, salvaguardando così la longevità di SSD e nVME? La risposta risiede nell’adozione di strategie intelligenti e tecniche avanzate, tra cui l’uso di opzioni di montaggio come noatime e nodiratime e l’impiego di tmpfs per la creazione di “partizioni” in RAM. Esploriamo questi argomenti più in dettaglio.

Le Opzioni di Mounting noatime e nodiratime

Un sistema operativo Linux ben configurato può fare una grande differenza nel migliorare le prestazioni dei server e la longevità degli SSD e nVME. Tra le numerose tecniche a disposizione, l’uso delle opzioni di mounting noatime e nodiratime rappresenta una soluzione molto efficace.

Questi due attributi, noatime e nodiratime, possono essere impostati nel file di sistema fstab di Linux. Il file fstab è un elemento cruciale del sistema operativo, poiché contiene informazioni su come il sistema deve montare le partizioni del disco. Modificando le opzioni in questo file, è possibile ottimizzare le prestazioni del disco e ridurre l’usura.

noatime nodiratime

L’opzione noatime è particolarmente utile. Quando viene attivata, disabilita l’aggiornamento automatico dell’ora dell’ultimo accesso ogni volta che un file viene letto. In un sistema Linux di default, ogni volta che si legge un file, il sistema aggiorna l’ora dell’ultimo accesso a quel file. Mentre in certi contesti questa informazione può essere utile, in molti scenari, come ad esempio un server web, può risultare superflua e comportare un accesso in scrittura non necessario al disco.

In modo analogo, l’opzione nodiratime disabilita l’aggiornamento dell’ora dell’ultimo accesso per le directory. Anche in questo caso, ciò riduce gli accessi di scrittura non necessari, limitando così l’usura del disco.

In un contesto di server con un elevato volume di accessi ai file, l’utilizzo di queste due opzioni può portare a un notevole miglioramento delle performance. Infatti, riducendo il numero di scritture sul disco, si libera una quantità significativa di risorse del sistema, che possono quindi essere utilizzate per altre operazioni. Inoltre, la diminuzione dell’usura del disco può contribuire a estendere la vita utile dei dischi SSD e nVME, rappresentando una soluzione vantaggiosa anche dal punto di vista economico.

L’Uso di tmpfs: Un trucco per creare “Partizioni” dinamiche in RAM

Un’altra strategia efficace per ottimizzare le performance del server e salvaguardare la longevità dei dischi SSD e nVME è l’uso di tmpfs, una particolare feature offerta dal kernel di Linux. Tmpfs sta per “temporary file system” ed è una potente funzionalità che consente di creare un sistema di file in memoria volatile, ovvero in RAM, anziché sul disco fisso.

L’idea di base è semplice ma rivoluzionaria: invece di scrivere e leggere dati direttamente dal disco, si utilizza una porzione di RAM come se fosse un disco. Questo sistema di file in RAM è detto tmpfs e funziona esattamente come un normale file system, con la differenza che i dati vengono memorizzati in RAM invece che sul disco fisso. In questo modo, si possono ottenere velocità di lettura e scrittura molto superiori rispetto a quelle di qualsiasi disco fisso, SSD o nVME.

Tmpfs è estremamente utile per gestire dati che cambiano frequentemente e che sono temporanei. Ad esempio, si può utilizzare tmpfs per la cache di un server web o per creare tabelle temporanee in MySQL. In queste situazioni, tmpfs può fornire una significativa accelerazione delle operazioni di lettura e scrittura, contribuendo a migliorare notevolmente le performance del server.

Inoltre, l’uso di tmpfs riduce la quantità di scritture sul disco fisso, contribuendo a salvaguardare la longevità di SSD e nVME. Questo è particolarmente importante in ambienti dove si effettuano molte operazioni di scrittura, come i database di grandi dimensioni o i server web ad alto traffico.

Prendiamo come esempio la creazione di una cache per un WebServer NGINX. Creare un punto di mount in tmpfs per la cache di NGINX può migliorare notevolmente le performance del server. Ecco un esempio di come potrebbe essere configurato:

# Aggiungere questa riga a /etc/fstab
tmpfs /var/cache/nginx tmpfs defaults,size=1G 0 0

# Montare il nuovo file system
mount /var/cache/nginx

In questo esempio, viene creato un filesystem tmpfs di 1 GB per la cache di NGINX. Questa cache risiede interamente in RAM, offrendo performance molto superiori rispetto a un disco.

Conclusioni

Nell’universo della tecnologia, le performance dei server e la longevità dei dispositivi di archiviazione sono di fondamentale importanza. L’esigenza di velocità e resilienza è in continua crescita, e l’uso sapiente della RAM può fare la differenza in entrambi questi ambiti. Sfruttando al meglio le risorse della memoria volatile, è possibile non solo migliorare le prestazioni dei server, ma anche preservare l’integrità e la durata dei dischi SSD e nVME.

Le opzioni di mounting noatime e nodiratime, da un lato, e l’uso di tmpfs, dall’altro, rappresentano strumenti efficaci a tal proposito. Grazie a noatime e nodiratime è possibile ridurre significativamente il numero di scritture inutili sui dischi, limitando l’usura e liberando risorse preziose per altre operazioni. D’altro canto, tmpfs consente di creare “partizioni” in RAM, permettendo un accesso ai dati molto più rapido e fluido rispetto a quello offerto da qualsiasi disco fisso, SSD o nVME.

Tuttavia, è fondamentale sottolineare che l’uso di queste tecniche richiede una certa competenza e una gestione attenta. L’implementazione di queste soluzioni, infatti, deve essere adeguata alle specifiche esigenze di ciascun sistema e deve tenere in considerazione l’equilibrio tra le risorse disponibili e le necessità operative.

In un mondo sempre più esigente e veloce, l’opportunità di poter contare su server performanti e dispositivi di archiviazione duraturi è un vantaggio inestimabile. L’adozione di strategie come l’uso di noatime, nodiratime e tmpfs rappresenta una mossa vincente, che può portare a benefici significativi sia in termini di performance che di conservazione dei dispositivi di archiviazione.

In conclusione, la RAM si configura non solo come un componente essenziale del sistema, ma anche come una preziosa alleata per ottimizzare le prestazioni e preservare la longevità dei dischi SSD e nVME. Con l’avanzamento della tecnologia e l’aumento delle esigenze di prestazione, queste tecniche offrono un valido supporto per rispondere alle sfide del presente e prepararsi per quelle del futuro.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto