29 Maggio 2023

Microsoft ha reso Azure Linux pubblicamente disponibile. Ripeto, Azure Linux.

Azure Linux, una distribuzione Linux specifica per Kubernetes ed i Container

Azure Linux

Dopo aver utilizzato Azure Linux internamente per due anni e averlo eseguito in anteprima pubblica da ottobre 2022, Microsoft questa settimana ha finalmente reso la sua distribuzione Azure Linux disponibile.

Azure Linux è un sistema operativo host per contenitori open source per il servizio Kubernetes di Azure (AKS) che è ottimizzato per Azure e mira a semplificare l’utilizzo degli strumenti Microsoft per implementare e gestire carichi di lavoro contenitore. Questo è sostanzialmente: Azure Linux è progettato per essere implementato nel cloud e per eseguire più contenitori.

La distribuzione di Azure Linux deriva dal progetto CBL-Mariner dell’IT Giant, CBL sta per Common Base Linux. Microsoft ha avviato CBL-Mariner perché aveva bisogno di una distribuzione Linux interna e di una piattaforma coerente per i numerosi carichi di lavoro che gli ingegneri stavano eseguendo su Azure, secondo Jim Perrin, responsabile del programma principale per Microsoft Azure Linux.

La distribuzione open source personalizzata da Microsoft “ci permette di avere un focus su Azure molto definito, molto opinabile e di sintonizzare i componenti della distribuzione per essere esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per supportare un host contenitore e cercare di mantenere le dipendenze, i pacchetti extranei, cose del genere al minimo“, ha detto Perrin durante una sessione Q&A al Build 2023, dove Redmond ha annunciato la disponibilità generale di Azure Linux.

La parte “molto opinabile” di ciò significa che il ruolo principale di Azure Linux è come host di contenitori per AKS. È ottimizzato per l’hypervisor Windows Hyper-V di Microsoft e viene eseguito in una macchina virtuale (VM), supportando sia x86 che Arm, ha detto.

Ottimizzato per Azure, ma con una certa portata Detto questo, ha una certa applicabilità generale.

L’host contenitore Azure Linux fornisce affidabilità e coerenza dal cloud all’edge attraverso i prodotti AKS, AKS-HCI e Arc“, ha scritto Microsoft in una pagina di supporto. “È possibile implementare pool di nodi Azure Linux in un nuovo cluster, aggiungere pool di nodi Azure Linux ai vostri cluster Ubuntu esistenti o migrare i vostri nodi Ubuntu a nodi Azure Linux.

La leggerezza della distribuzione è un punto chiave, ha detto Perrin. Il piccolo footprint include un’immagine core di 400MB e 300 pacchetti, che Microsoft ha detto funziona bene sia per le prestazioni che per la sicurezza.

La sicurezza era un focus, ha detto Perrin in un post sul blog, notando che tutti gli aggiornamenti all’OS vengono eseguiti attraverso test di convalida Azure e la suite di test viene costantemente aggiornata.

Inoltre, dato che ci sono molti meno pacchetti nell’host del contenitore, il volume delle patch di sicurezza richieste è inferiore, e questi problemi vengono patchati prontamente“, ha scritto. “Monitoriamo attentamente e curiamo completamente la catena di fornitura del software, il che consente una maggiore garanzia di qualità e resilienza da un capo all’altro.”

Queste erano tutte buone ragioni per Microsoft per sviluppare la sua propria distribuzione Linux piuttosto che adattarne una da Fedora, CentOS, o altre scelte commercialmente disponibili. L’azienda ha preso in prestito il codice da alcuni di loro ma Redmond si è fermato prima di forcare le distribuzioni.

Azure Linux è una sua distribuzione separata“, ha detto.

Riguardo quel piccolo commento… La storia ha anche giocato un ruolo nella decisione di Microsoft di farlo relativamente da sola, ha detto Perrin, richiamando una citazione del 2001 dell’allora CEO Steve Ballmer:

Linux è un cancro.

Microsoft ha una sorta di storia con Linux“, ha detto Perrin durante la Q&A. Quelle citazioni e quell’animosità sono abbastanza vecchie da bere adesso… ma molto del sentimento persiste ancora oggi, quindi parte del motivo per cui non abbiamo scelto di iniziare con una distribuzione e forcarla per le nostre esigenze è che non volevamo essere visti come se stessimo facendo di nuovo la cosa dell’abbraccio e dell’estensione. Non volevamo risvegliare niente di tutto ciò.

Abbiamo pensato, costruiscilo da zero. Possiamo adattarlo alle nostre esigenze. Stiamo facendo i cambiamenti man mano che ne abbiamo bisogno e, francamente, è un po’ quello che è l’ecosistema Linux. Stiamo grattando un prurito che avevamo e lo stiamo offrendo alla comunità.

Un numero di attori tecnologici si sono iscritti come partner di Microsoft per Azure Linux, tra cui Tenable, DataDog, HashiCorp, e Dynatrace.

Palo Alto Networks sta supportando Azure Linux come host contenitore AKS attraverso il suo Prisma Cloud, ha detto Derek Rogerson, senior product marketing manager presso il fornitore di sicurezza di rete, notando che la dimensione dell’immagine più piccola significa una maggiore.

Il risultato per i clienti è una superficie di attacco ridotta e una utile eliminazione del patching e della manutenzione che richiedono molto tempo e che non sono più necessari a causa della rimozione dei pacchetti non necessari“, ha scritto Rogerson in un post sul blog.

Applicazioni Kubernetes in vendita nel Marketplace Sempre al Build, Microsoft ha annunciato che le applicazioni Kubernetes, una collezione di offerte open source di terze parti per la piattaforma AKS, sono generalmente disponibili nel Marketplace di Azure.

Le applicazioni Kubernetes, che sono entrate in anteprima pubblica nell’ottobre 2022, permettono implementazioni con un solo clic, automazione CI/CD, gestione automatizzata del ciclo di vita, e supporto. Ci sono anche opzioni di consumo flessibili.

Le app disponibili sono verificate e certificate da Microsoft e scansionate per vulnerabilità, un passo necessario in un momento in cui il numero di attacchi alla catena di fornitura continua ad aumentare.

Tutto ciò è avvenuto circa una settimana dopo che Azure Container Storage, un servizio completamente gestito per la creazione e la gestione di volumi di storage a blocchi per contenitori, è stato messo in anteprima pubblica. Il servizio di storage progettato per il software permetterà alle imprese di eseguire carichi di lavoro di produzione su AKS, secondo Microsoft. ®

L’ingresso di Microsoft nel mondo Linux con Azure Linux solleva una serie di interrogativi intriganti. Riuscirà Microsoft a scalfire il predominio di aziende consolidate come RedHat nel settore Linux? Questo passo segna una svolta significativa per Microsoft, noto per il suo sistema operativo Windows. Tuttavia, rimane da vedere se la sua distribuzione Linux personalizzata avrà l’impatto e l’accoglienza che l’azienda spera. Inoltre, in che misura questo muoverà le acque nel panorama dei fornitori di cloud?

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto