13 Settembre 2023

Errore 502 Bad Gateway su WordPress: Una guida dettagliata per risolverlo

Esplora le cause e le soluzioni per l’errore 502 Bad Gateway su WordPress: una guida completa per diagnosticare e risolvere questo comune problema, con strategie passo-passo per ogni scenario.

Stai affrontando l’annoso problema dell’errore 502 Bad Gateway sul tuo sito WordPress e non sai come risolverlo? Sei nel posto giusto. Questo tipo di errore è piuttosto comune nella comunità WordPress, ma la sua diagnosi può trasformarsi in un vero e proprio rompicapo. Le cause potenziali sono numerose e variano da un sovraccarico del server a problemi legati al browser, passando per blocchi impostati dal firewall o anche incompatibilità con temi e plugin.

La buona notizia è che non devi preoccuparti. In questo articolo, non solo esploreremo in dettaglio le cause più frequenti che stanno dietro all’errore 502, ma ti guideremo anche attraverso una serie di soluzioni testate e affidabili. Queste strategie sono state progettate per coprire un’ampia gamma di scenari problematici; quindi, ti consigliamo di applicarle una ad una. In questo modo, potrai identificare con precisione quale soluzione è più efficace nel tuo caso specifico, permettendoti di ripristinare il normale funzionamento del tuo sito web il più rapidamente possibile.

Cos’è l’Errore 502 Bad Gateway su WordPress: Significato, Cause e Varianti

L’errore 502 Bad Gateway appare tipicamente quando tenti di caricare una pagina o un post sul tuo sito WordPress. Vediamo cosa significa, perché si verifica e quali sono le sue varianti.

502 bad gateway nginx

Che Cosa Significa l’Errore 502 Bad Gateway?

Per comprendere l’errore 502, è necessario capire come funziona il caricamento di una pagina web. Quando apri una pagina, il browser invia una richiesta al server del sito.

Il server è il luogo in cui sono ospitati i file e le cartelle del tuo sito WordPress.

Di solito, il server risponde fornendo il contenuto richiesto dal browser. Tuttavia, a volte, per vari motivi come sovraccarico del server, blocchi del firewall o problemi del browser, il server non riesce a fornire il contenuto. In questi casi, appare l’errore 502 Bad Gateway.

Quali Sono le Cause dell’Errore 502 Bad Gateway su WordPress ?

Le cause più comuni dell’errore 502 su WordPress includono:

  • Sovraccarico del server: Quando il server riceve troppe richieste, può sovraccaricarsi e non rispondere correttamente, generando un errore 502.
  • Problemi del browser: Browser obsoleti o file corrotti nella cache del browser possono causare l’errore.
  • Blocco del firewall: Il firewall installato sul tuo sito potrebbe bloccare il tuo provider di servizi Internet o il tuo indirizzo IP, innescando l’errore.
  • Problemi temporanei del server: Il server potrebbe essere temporaneamente inattivo, causando l’errore 502.

Varianti dell’Errore 502 Bad Gateway

L’errore 502 Bad Gateway è un problema comune che può manifestarsi in diversi modi, a seconda delle specifiche del server web, del sistema di gestione dei contenuti o delle personalizzazioni apportate al sito. Di seguito, esploriamo in dettaglio le varianti più comuni di questo errore:

Errore 502

Questa è la forma più semplice e generica dell’errore. Di solito, appare quando il server non riesce a ottenere una risposta valida da un altro server. Non fornisce dettagli specifici, rendendo la diagnosi del problema un po’ più complicata.

HTTP 502

Simile all’Errore 502, questa variante include il protocollo “HTTP” per indicare che l’errore è legato al protocollo di trasferimento ipertestuale. Anche in questo caso, la mancanza di dettagli aggiuntivi rende difficile identificare la causa esatta.

502 Proxy Error

Questo errore è specifico per i casi in cui un server proxy è coinvolto. Indica che uno dei due server (il proxy o il server di origine) ha restituito una risposta non valida o incompleta. È comune in ambienti aziendali o quando si utilizzano servizi VPN.

502 Bad Gateway

Questa è una delle forme più comuni dell’errore e indica che uno dei server nel percorso di rete ha restituito una risposta non valida. È un messaggio generico che non fornisce dettagli sul server specifico che ha causato il problema.

502 Bad Gateway NGINX

Questa variante indica che l’errore è stato generato da un server che utilizza NGINX come software per il web server. È utile per restringere la gamma di potenziali problemi, focalizzandosi sulle peculiarità di NGINX.

HTTP Error 502 Bad Gateway

Questa è una forma più descrittiva dell’errore, che combina elementi delle varianti precedenti. Indica che l’errore è legato al protocollo HTTP e che una delle entità nel percorso di rete ha restituito una risposta non valida.

502 Service Temporarily Overloaded

Questa variante suggerisce che il server è temporaneamente sovraccarico e non può gestire la richiesta. È un indicatore utile che il problema potrebbe risolversi da solo una volta che il carico sul server diminuisce.

502 Server Error: The server encountered a temporary error and could not complete your request

Questa è una delle descrizioni più dettagliate dell’errore 502. Indica che il server ha incontrato un errore temporaneo e non è in grado di completare la richiesta. Fornisce un contesto utile per iniziare la diagnosi del problema.

502 That’s an error. The server encountered a temporary error and could not complete your request. Please try again in 30 seconds. That’s all we know.

Questa variante è particolarmente frustrante perché, pur fornendo un suggerimento su come procedere (“Riprova tra 30 secondi”), non offre alcuna informazione su quale sia il problema effettivo.

Ora che hai una comprensione chiara di cosa sia l’errore 502, perché si verifica e le sue varianti, passiamo alle soluzioni per rimuoverlo dal tuo sito.

Come Risolvere l’Errore 502 Bad Gateway su WordPress

Affrontare l’errore 502 su WordPress può essere una sfida, ma ci sono diverse strategie che puoi adottare per identificare e risolvere il problema. Ecco una guida dettagliata su come affrontare ogni possibile causa:

1. Ricarica la Tua Pagina Web

Prima di tutto, prova a ricaricare la pagina web. A volte, l’errore 502 può essere il risultato di un piccolo intoppo temporaneo nel server o nella rete, che si risolve da solo. Ricaricare la pagina è il modo più rapido per verificare se il problema è stato effettivamente risolto.

2. Svuota la Cache del Browser

La cache del browser memorizza dati e risorse del sito web per velocizzare i caricamenti futuri. Tuttavia, se la cache è obsoleta o corrotta, potrebbe mostrare una versione errata del sito, perpetuando l’errore 502. Vai nelle impostazioni del tuo browser e cerca l’opzione per svuotare la cache; quindi, riavvia il browser e prova a ricaricare la pagina.

Ecco come svuotare la cache del browser in Chrome:

  1. Clicca sull’icona dei tre puntini situata nell’angolo in alto a destra.
  2. Espandi l’opzione “Altri strumenti” nel menu a discesa.
  3. Seleziona “Cancella dati di navigazione” nell’elenco delle opzioni.
  4. Scegli “Tutti i periodi” come intervallo temporale.
  5. Spunta la casella per “Immagini e file memorizzati nella cache” (e deseleziona le altre caselle).
  6. Clicca sul pulsante “Cancella dati”.

 

3. Svuota la Cache DNS

Il Domain Name System, noto come DNS, è un sistema che funge da traduttore tra i nomi di dominio che inseriamo nel browser e gli indirizzi IP dei server su cui risiedono i siti web. A volte, la cache DNS può diventare obsoleta o corrotta, indirizzando il browser verso un indirizzo IP errato e provocando errori come il 502. Per risolvere questo problema, è possibile svuotare la cache DNS del sistema operativo.

Se stai utilizzando Windows, puoi farlo aprendo il prompt dei comandi e digitando il comando “ipconfig/flushdns“. Se invece sei su un Mac, apri il terminale e inserisci il comando “dscacheutil -flushcache”. Eseguendo questi comandi, eliminerai tutte le informazioni DNS precedentemente memorizzate, costringendo il sistema a recuperare nuovi indirizzi IP, il che potrebbe risolvere l’errore 502.

4. Verifica Problemi del Server di Hosting

Prima di tutto, è fondamentale controllare la dashboard del tuo provider di hosting o la tua casella di posta elettronica per vedere se ci sono notifiche riguardanti interruzioni del servizio o manutenzioni programmate. Se il tuo hosting è la causa dell’errore, l’unica cosa che puoi fare è attendere che il problema venga risolto dal team tecnico.

Tuttavia, se non trovi alcuna notifica o informazione che possa spiegare l’errore 502, un altro passo cruciale è esaminare i file di log del server. Questi file, come error.log, possono fornire dettagli preziosi su ciò che potrebbe essere andato storto. Sia il webserver (ad esempio, Apache o NGINX) che l’interprete PHP generano questi file di log.

Per accedere ai file di log, potrebbe essere necessario abilitare il flag log_errors on nel file di configurazione PHP (php.ini). Una volta abilitato, gli errori verranno registrati e potrai esaminarli per individuare problemi specifici.

Se non sei familiare con la sistemistica o lo sviluppo, la lettura dei file di log potrebbe sembrare complicata. Tuttavia, ci sono alcuni indicatori che possono aiutarti a identificare la causa del problema. Ad esempio, un “Fatal Error” nel log di PHP è un segnale chiaro che c’è un problema a livello applicativo che necessita di ulteriori indagini.

Ricorda che la comprensione dei file di log richiede una certa dimestichezza con lo sviluppo e la sistemistica. Se trovi termini o errori che non comprendi, è consigliabile contattare il supporto tecnico del tuo provider di hosting, fornendo loro tutte le informazioni raccolte, inclusi gli estratti dei file di log, per accelerare il processo di diagnosi e risoluzione del problema.

5. Disabilita CDN e Firewall per un’Indagine Approfondita

I servizi di Content Delivery Network (CDN) e i firewall svolgono un ruolo cruciale nella protezione e nell’ottimizzazione del tuo sito web. Tuttavia, questi strumenti possono a volte interferire con il normale funzionamento del sito, generando falsi positivi come l’errore 502. Questo è particolarmente vero per le CDN che operano come reverse proxy, come ad esempio CloudFlare. In questa configurazione, il traffico web passa attraverso la CDN prima di raggiungere il tuo server, il che può complicare l’individuazione della causa esatta dell’errore.

Pingora Reverse Proxy Scheme

Per isolare la problematica e condurre un’indagine più accurata, è consigliabile disabilitare temporaneamente sia la CDN che il firewall. Una volta disabilitati, ricarica la pagina per vedere se l’errore 502 persiste. Se l’errore scompare, è probabile che uno di questi servizi sia la causa del problema.

In tal caso, dovrai esaminare attentamente le impostazioni della CDN e del firewall per identificare quale regola o configurazione potrebbe essere responsabile dell’errore. Potrebbe essere necessario aggiustare alcune impostazioni o, in casi estremi, considerare l’opzione di passare a un servizio differente che sia più compatibile con la tua configurazione specifica.

Ricorda che disabilitare questi servizi è una misura temporanea per diagnosticare il problema. Una volta identificata e risolta la causa dell’errore 502, è importante riattivare la CDN e il firewall per mantenere le prestazioni e la sicurezza del tuo sito web.

6. Aggiorna la Versione PHP e Verifica la Compatibilità del Codice

Utilizzare una versione obsoleta di PHP non solo espone il tuo sito web a potenziali rischi per la sicurezza, ma può anche essere la causa di una serie di problemi tecnici, inclusa la comparsa dell’errore 502. Tuttavia, il problema potrebbe anche essere l’opposto: una versione troppo recente di PHP potrebbe non essere ancora supportata da alcuni dei tuoi temi o plugin, causando incompatibilità e errori.

Per aggiornare PHP, accedi al pannello di controllo del tuo hosting e cerca l’opzione per aggiornare la versione di PHP. Questa opzione è solitamente disponibile nella sezione dedicata alle impostazioni del server o del linguaggio di programmazione. Se non sei sicuro di come procedere, non esitare a contattare il supporto tecnico del tuo provider di hosting per assistenza.

Una volta aggiornata la versione di PHP, è fondamentale testare tutte le funzionalità del tuo sito web per assicurarti che tutto funzioni come previsto. Se incontri problemi o incompatibilità, potrebbe essere necessario aggiornare o sostituire i temi e i plugin che non sono compatibili con la nuova versione di PHP. In alcuni casi, potrebbe anche essere necessario esaminare il codice personalizzato per identificare e correggere eventuali problemi di compatibilità.

Se dopo l’aggiornamento riscontri ancora l’errore 502, considera la possibilità di fare un rollback alla versione precedente di PHP e contatta il supporto tecnico per ulteriori indagini. In ogni caso, mantenere aggiornata la versione di PHP è una pratica consigliata per garantire le prestazioni ottimali e la sicurezza del tuo sito web.

7. Verifica Temi e Plugin: Un Compito per Sviluppatori WordPress Esperti

I temi e i plugin sono componenti fondamentali di qualsiasi sito WordPress, ma possono anche essere la fonte di vari problemi, inclusa la comparsa dell’errore 502. Questi componenti possono entrare in conflitto tra loro o con il core di WordPress, rendendo la diagnosi e la risoluzione del problema un’attività complessa che richiede una certa esperienza.

Sebbene sia possibile eseguire una verifica di base disabilitando tutti i temi e i plugin e poi riattivandoli uno alla volta, questa attività è meglio se delegata a uno sviluppatore WordPress esperto. Un professionista avrà la competenza per esaminare anche i file di log, interpretare gli errori PHP e comprendere le interazioni complesse tra i vari componenti del tuo sito.

Per iniziare, disabilita tutti i temi e i plugin attraverso la dashboard di WordPress o direttamente via FTP. Successivamente, riattivali uno alla volta, ricaricando la pagina del sito dopo ogni attivazione. Questo ti permetterà di identificare quale tema o plugin sta causando l’errore. Una volta individuato il colpevole, potresti doverlo aggiornare, correggere o sostituire.

Tieni presente che alcuni temi e plugin potrebbero avere dipendenze incrociate, e disabilitarne uno potrebbe influenzare il funzionamento degli altri. Inoltre, alcune funzionalità avanzate come i costruttori di pagine o i plugin di caching possono complicare ulteriormente la situazione.

Per tutte queste ragioni, se non sei un esperto di WordPress o di sviluppo web, è altamente consigliabile delegare questa attività a uno sviluppatore WordPress esperto. Lui o lei potrà eseguire una diagnosi più accurata e potrebbe anche essere in grado di correggere il codice problematico direttamente, risolvendo così il problema in modo più efficiente e definitivo.

8. Contatta il Tuo Provider di Hosting: L’Ultima Risorsa per una Soluzione Rapida ed Efficace

Se, nonostante tutti gli sforzi e le procedure di troubleshooting che hai seguito, l’errore 502 continua a tormentare il tuo sito web, è giunto il momento di consultare gli esperti: il team di supporto tecnico del tuo provider di hosting. Questi professionisti hanno l’esperienza e gli strumenti necessari per diagnosticare e risolvere problemi complessi che potrebbero essere al di fuori delle tue capacità.

Prima di contattare il supporto, assicurati di raccogliere tutte le informazioni pertinenti riguardanti le azioni che hai già intrapreso per risolvere il problema. Questo include dettagli su qualsiasi modifica recente apportata al sito, temi o plugin che hai identificato come potenziali colpevoli, e qualsiasi altro dato che potrebbe essere utile, come estratti dai file di log del server o messaggi di errore specifici. Fornire un quadro completo della situazione non solo accelererà il processo di diagnosi, ma permetterà anche al team di supporto di fornire una soluzione più mirata e efficace.

Inoltre, se hai già eseguito operazioni come la pulizia della cache, l’aggiornamento di PHP, o la disabilitazione di CDN e firewall, fai presente anche queste informazioni. Questo eviterà che il supporto tecnico ripeta passaggi che hai già eseguito, ottimizzando così il tempo per la risoluzione del problema.

Ricorda che il supporto tecnico del tuo hosting è una risorsa preziosa, specialmente in situazioni critiche come questa. Non esitare a utilizzare questa opzione come ultima risorsa per riportare il tuo sito web alla normalità il più rapidamente possibile.

Conclusione

Affrontare un errore come il 502 Bad Gateway può essere non solo stressante ma anche tecnicamente complesso. Se ti trovi in questa difficile situazione e non riesci a trovare una soluzione, il nostro team di sistemisti Linux e sviluppatori WordPress è pronto ad assisterti, con la promessa di risolvere il problema in meno di un’ora.

Nell’ambito dei nostri servizi di Hosting Managed, offriamo un livello di assistenza che va ben oltre il semplice hosting. Oltre a garantire che il tuo sito sia sempre operativo e ottimizzato, il nostro team è altamente qualificato per affrontare problemi tecnici avanzati. Questi possono includere attività come il debug specifico per controllare le dimensioni dei buffer dei webserver, l’ottimizzazione delle query del database, e molti altri tecnicismi che sono alla portata solo di sistemisti esperti.

Questo tipo di problemi avanzati richiede una conoscenza tecnica profonda e una comprensione dettagliata dei meccanismi sottostanti che alimentano il tuo sito web. Ecco perché è fondamentale affidarsi a un team di esperti che possono non solo identificare ma anche risolvere questi problemi complessi in modo rapido ed efficace.

Se il tuo sito web sta mostrando l’errore 502 Bad Gateway e sei a corto di soluzioni, non esitare a contattarci. Con la nostra esperienza e competenza, possiamo garantire una diagnosi accurata e una soluzione rapida per far tornare il tuo sito alla normalità.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna in alto