14 Settembre 2023

Transient WordPress ed ottimizzazione delle performance

Transient in WordPress: come possono migliorare o compromettere le performance e le soluzioni per gestirli efficacemente.

Nel mondo di WordPress, l’ottimizzazione delle performance è una priorità assoluta per qualsiasi sviluppatore o amministratore di sistema. Una delle funzionalità meno conosciute ma estremamente utili per migliorare le prestazioni di un sito WordPress è l’uso dei “transient”. Tuttavia, come ogni strumento potente, i transient hanno i loro pro e contro. In questo articolo, esploreremo cosa sono i transient in WordPress, come possono essere utilizzati per migliorare le performance e come, paradossalmente, possono anche peggiorarle se non gestiti correttamente.

Cosa sono i Transient in WordPress?

I transient in WordPress rappresentano una funzionalità avanzata di caching che permette di memorizzare dati temporanei in un modo facilmente accessibile e veloce. Questi dati possono variare da semplici stringhe e numeri a array e oggetti più complessi. L’obiettivo principale dei transient è di ottimizzare le performance del sito riducendo il numero di operazioni costose, come le query al database o le chiamate API a servizi esterni.

Come Funzionano i Transient

I transient sono essenzialmente chiavi-valore che vengono memorizzate con un periodo di scadenza. Una volta che il periodo di scadenza è raggiunto, il dato viene automaticamente eliminato. WordPress offre una serie di funzioni API per lavorare con i transient, tra cui set_transient(), get_transient() e delete_transient().

Per impostazione predefinita, i transient vengono memorizzati nel database WordPress nella tabella wp_options. Tuttavia, se si utilizza un sistema di caching a livello di oggetto come Memcached o Redis, i transient possono essere memorizzati lì per un recupero ancora più veloce.

Funzionalità e Vantaggi

  1. Riduzione delle Query al Database: Una delle principali ragioni per utilizzare i transient è la riduzione delle query al database. Ad esempio, se hai una query complessa che estrae dati da più tabelle e richiede diverse join, l’utilizzo di un transient per memorizzare il risultato può ridurre notevolmente il carico sul database.
  2. Ottimizzazione delle Chiamate API: Se il tuo sito WordPress interagisce con servizi esterni tramite API, i transient possono essere utilizzati per memorizzare le risposte e ridurre il tempo di latenza nelle richieste future.
  3. Personalizzazione dell’Utente: I transient possono anche essere utilizzati per memorizzare dati specifici dell’utente, come le preferenze o i risultati di una ricerca, migliorando così l’esperienza utente senza compromettere le performance.
  4. Miglioramento del TTFB (Time To First Byte): Con meno richieste al database e meno elaborazione PHP, il tempo necessario per servire la prima porzione di dati al browser dell’utente viene ridotto.
  5. Scalabilità: In un ambiente con un alto volume di traffico, l’uso di transient può contribuire a rendere il sistema più resiliente, distribuendo meglio il carico.

Il Paradosso dei Transient: Quando Troppo È Controproducente

L’uso dei transient in WordPress è spesso visto come una pratica salutare per migliorare le performance del sito. Tuttavia, come spesso accade con gli strumenti potenti, un loro uso eccessivo o improprio può portare a una serie di problemi che, paradossalmente, degradano le performance che si cercava di migliorare. Ecco un’analisi più dettagliata dei motivi per cui ciò può accadere:

Aumento del Carico sulla CPU

  1. Elaborazione dei Dati in Cache: Ogni volta che un transient viene creato, letto o cancellato, sono necessarie operazioni di CPU per gestire questi processi. In un ambiente con un numero limitato di risorse, un eccesso di queste operazioni può portare a un sovraccarico della CPU.
  2. Gestione della Scadenza: I transient hanno una durata di vita che deve essere monitorata. Quando un transient scade, deve essere rigenerato, il che richiede ulteriori risorse della CPU.
  3. Operazioni di I/O: La CPU è anche coinvolta nelle operazioni di input/output necessarie per leggere e scrivere i dati in cache dal e verso il database o il sistema di caching a livello di oggetto, se presente.

Degradazione delle Performance MySQL

  1. Occupazione dello Spazio nel Database: I transient sono memorizzati nel database WordPress, spesso nella tabella wp_options. Un numero eccessivo di transient può far crescere rapidamente la dimensione di questa tabella, rendendo le operazioni di database più lente.
  2. Rallentamento delle Query: Una tabella wp_options ingombrante può rallentare significativamente le query, specialmente quelle che richiedono scansioni complete della tabella o join complessi.
  3. Locking del Database: In situazioni estreme, un numero eccessivo di operazioni legate ai transient può portare a situazioni di locking del database, dove più query sono in attesa di accedere alle stesse risorse, creando un collo di bottiglia.

Impatto sull’Interprete PHP

  1. Tempo di Esecuzione degli Script: PHP è il linguaggio di programmazione su cui è costruito WordPress. Un gran numero di transient significa che gli script PHP dovranno spendere più tempo per gestire la logica di caching, riducendo le risorse disponibili per altre operazioni.
  2. Complessità del Codice: L’uso eccessivo di transient può anche complicare il codice, rendendo più difficile la manutenzione e potenzialmente introducendo errori o vulnerabilità.
  3. Consumo di Memoria: Ogni transient richiede una certa quantità di memoria per essere gestito. Un eccesso di transient può quindi portare a un consumo di memoria elevato, che potrebbe superare la memoria allocata per l’interprete PHP, causando errori o crash del sito.

Impatto Profondo dei Transient sulla SEO e sul Crawling Budget

Quando si parla di SEO (Search Engine Optimization), la velocità e la reattività del sito sono fattori critici. I motori di ricerca come Google allocano una quantità limitata di risorse per esplorare e indicizzare i siti web, noto come “crawling budget”. Se il tuo sito è lento o incontra problemi di performance, Google potrebbe decidere di non spendere ulteriori risorse per esplorare altre pagine del tuo sito, limitando così le opportunità di indicizzazione.

Impatto sul Tempo di Caricamento e sull’Esperienza Utente

Un uso eccessivo o improprio dei transient può rallentare significativamente il tempo di caricamento delle pagine. Questo non solo peggiora l’esperienza utente ma manda anche segnali negativi ai motori di ricerca. Google, ad esempio, considera la velocità del sito e l’esperienza utente come fattori importanti nel suo algoritmo di ranking.

Effetti sul TTFB (Time To First Byte)

TTFB 200 ms

Il TTFB è un altro indicatore critico che i motori di ricerca utilizzano per valutare la performance di un sito. Un alto TTFB può essere il risultato di un sovraccarico del server dovuto a un eccessivo numero di transient, che a loro volta richiedono un elevato utilizzo della CPU e delle risorse del database MySQL. Un TTFB elevato può ridurre il crawling budget, poiché i motori di ricerca potrebbero interpretarlo come un segno di bassa qualità o di problemi tecnici del sito.

Rischi per l’Indicizzazione e il Posizionamento

 

Se il crawling budget viene ridotto a causa di problemi di performance, ciò può avere un impatto diretto sull’indicizzazione delle pagine del tuo sito. Pagine meno indicizzate significano meno opportunità di apparire nei risultati di ricerca, il che potrebbe portare a una diminuzione del traffico organico e, in ultima analisi, a una riduzione delle conversioni o delle vendite.

Come Risolvere la Problematica

Monitoraggio dei Transient

È fondamentale monitorare la crescita dei transient nel tempo. Strumenti come New Relic o plugin specifici per WordPress possono aiutare in questo.

Pulizia dei Transient

transient cleaner plugin WordPress

Se ti trovi in una situazione in cui i transient stanno causando problemi di performance, una delle soluzioni più immediate è pulire o eliminare i transient obsoleti o inutilizzati. Mentre è possibile farlo manualmente attraverso query SQL dirette al database, questa pratica è rischiosa se non si è esperti di database. Fortunatamente, esistono plugin specifici progettati per gestire questa attività in modo sicuro e efficiente. Uno dei più popolari è “Transient Cleaner”.

Cos’è Transient Cleaner?

transient cleaner plugin WordPress

Transient Cleaner è un plugin WordPress che offre una soluzione semplice e automatizzata per la gestione dei transient. Il plugin è progettato per pulire i transient scaduti e quelli orfani, riducendo così il carico sul database e migliorando le performance generali del sito.

Funzionalità Principali

  1. Pulizia Automatica: Transient Cleaner può essere configurato per eseguire pulizie automatiche a intervalli regolari, assicurando che i transient obsoleti vengano rimossi in modo tempestivo.
  2. Interfaccia Utente Intuitiva: Il plugin offre un’interfaccia utente semplice che permette di visualizzare tutti i transient attualmente memorizzati, con dettagli come la chiave del transient, il valore e il tempo rimanente prima della scadenza.
  3. Opzioni di Configurazione: Transient Cleaner offre diverse opzioni di configurazione che permettono di scegliere quali tipi di transient pulire e quando farlo.
  4. Compatibilità: Il plugin è compatibile con vari sistemi di caching a livello di oggetto, come Memcached e Redis, offrendo una soluzione completa per la gestione dei transient.

Come Utilizzare Transient Cleaner

Dopo aver installato e attivato il plugin, puoi accedere alle sue impostazioni dal pannello di amministrazione di WordPress. Da qui, puoi configurare le opzioni di pulizia automatica e, se necessario, eseguire una pulizia manuale dei transient.

Per ulteriori dettagli e per scaricare il plugin, puoi visitare il sito ufficiale di Transient Cleaner.

Automatizzazione con WP-CLI e Bash Scripting

Per chi desidera un approccio più tecnico, è possibile utilizzare la WP-CLI (WordPress Command Line Interface) per gestire i transient. Ecco un esempio di script bash che utilizza un cron job per pulire i transient ogni giorno:

#!/bin/bash
# Pulizia dei Transient in WordPress
wp transient delete --all --allow-root

Per aggiungere questo script a un cron job, è possibile utilizzare il comando crontab -e e aggiungere la seguente riga:

0 3 * * * /percorso/dello/script.sh

Conclusione e Soluzioni Avanzate per la Gestione dei Transient

I transient rappresentano un meccanismo efficace per migliorare le performance di un sito WordPress, ma come con qualsiasi strumento potente, è fondamentale utilizzarli con attenzione e consapevolezza. Un uso eccessivo o improprio può avere effetti collaterali indesiderati, che possono variare dal degrado delle performance del sito alla riduzione del crawling budget assegnato dai motori di ricerca come Google.

Passaggio a Sistemi NoSQL per Performance Ottimali

Se ti trovi ad affrontare problemi di carico e performance dovuti all’uso dei transient, una soluzione avanzata potrebbe essere quella di spostare il backend dati da MySQL a sistemi NoSQL come Memcache o Redis. Questi sistemi sono progettati per fornire tempi di accesso ai dati estremamente rapidi e possono ridurre sensibilmente le latenze, offrendo così un miglioramento significativo delle performance.

Servizio di Ottimizzazione Specifico per WordPress

Se la gestione dei transient o altri problemi di performance stanno influenzando negativamente il tuo sito WordPress, ti invitiamo a contattarci per usufruire del nostro servizio di ottimizzazione specifico per WordPress. Con la nostra esperienza e competenza, possiamo affrontare e risolvere non solo i problemi legati ai transient ma anche una vasta gamma di altre questioni che potrebbero influire sulle performance e sull’efficacia del tuo sito.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna in alto