13 Settembre 2023

Gli sviluppatori di Plugin WordPress rinnovano la richiesta per migliori metriche sui plugin

Sviluppatori di Plugin WordPress chiedono migliori metriche: incertezza su una risposta immediata da Matt Mullenweg, ma la pressione della comunità potrebbe portare a cambiamenti.

Aggiornamento Plugin WordPress

È passato quasi un anno da quando WordPress ha silenziosamente disattivato i dati sulla crescita delle installazioni attive per i plugin ospitati nel repository ufficiale dei plugin, una metrica chiave su cui molti sviluppatori contano per un monitoraggio accurato e per prendere decisioni sul prodotto. “Insufficiente offuscamento dei dati” è stato citato come motivo per la rimozione dei grafici, ma questa decisione poco chiara è stata presa senza alcuna comunicazione da parte di coloro che l’hanno fatta in una discussione privata.

In un ticket originariamente intitolato “Riportate indietro il grafico della crescita delle installazioni attive“, il CEO di RebelCode, Mark Zahra, ha fatto l’appello iniziale per migliaia di sviluppatori di plugin che chiedevano il ritorno di questi dati. Dall’hobbista che semplicemente ospita plugin per il puro piacere di vedere la gente utilizzare il software che ha creato, ai proprietari di aziende che necessitano di questi dati per prendere decisioni critiche, il consenso generale era che questi dati sono preziosi e dovrebbero essere disponibili per coloro che contribuiscono a WordPress attraverso i plugin.

In una partecipazione al podcast WPwatercooler dello scorso anno, il contributore meta sponsorizzato da Audrey Capital, Samuel “Otto” Wood, ha confermato che la decisione è stata presa attraverso canali privati via messaggi diretti su Slack in una discussione avviata da Matt Mullenweg. Ha anche rivelato che il grafico della crescita delle installazioni attive è stato rimosso perché forniva dati inaccurati:

“Ho letto tutta quella discussione e abbiamo lavorato, hanno lavorato a lungo su di essa, Scott e altre persone hanno provato varie cose prima di rimuoverla. Hanno aggiustato i valori, i numeri. Hanno passato un ridicolo numero di iterazioni e alla fine, nessuna di esse ha funzionato. Le persone continuavano ad usarlo anche se forniva sostanzialmente spazzatura. Quindi, alla fine, rimuoverlo era l’unica cosa da fare. Avevamo un piano per sostituirlo. Semplicemente non avevamo un piano per sostituirlo immediatamente. Tuttavia, fornire numeri errati sul conteggio delle installazioni attive è più dannoso, abbiamo pensato, sia per gli utenti che per gli sviluppatori, piuttosto che semplicemente non fornirli affatto.”

Wood ha offerto una spiegazione nel podcast che avrebbe dovuto essere fornita settimane prima da coloro coinvolti nella discussione sui canali ufficiali. Nonostante i dati precedenti fossero errati e “insufficientemente offuscati”, gli sviluppatori vogliono ancora accedere ai dati grezzi, non alle interpretazioni di tali dati.

Durante il culmine di questa discussione, gli sviluppatori hanno fatto molte proposte per diversi punti dati che sarebbero stati significativi per monitorare i loro sforzi, e Matt Mullenweg ha risposto che era disposto a mostrare più statistiche agli autori dei plugin sui loro plugin. Da allora, non sono stati segnalati progressi in questo sforzo.

Il Direttore di Product Marketing di StellarWP, Taylor Waldon, ha riaperto questa discussione quasi un anno dopo, chiedendo a Mullenweg di smettere di limitare l’accesso ai dati sui plugin da parte delle persone che ospitano temi e plugin su WordPress.org.

“Ho parlato con un gruppo di persone al giorno dei contributori [WCUS]”, ha detto in risposta al tweet di Waldon il co-fondatore e CEO di Paid Memberships Pro, Jason Coleman. “Per quanto ne so, non c’è alcun altro sforzo attuale per aggiornare o sostituire i numeri del conteggio delle installazioni o il vecchio ‘grafico di crescita’.”

Coleman ha messo insieme una proposta preliminare con alcune idee tratte dalle sue conversazioni. Il documento descrive uno scenario comune in cui gli sviluppatori di plugin sono lasciati all’oscuro sulla crescita o sul declino delle installazioni attive dei loro plugin:

Immagina uno sviluppatore con un plugin con 150.000 installazioni attive. Quello sviluppatore ha effettivamente zero feedback quantitativo su sé gli utenti del suo plugin stanno crescendo o diminuendo. Il conteggio dei download ha una tendenza, ma non c’è separazione tra nuovi download e aggiornamenti. Il conteggio dei download traccia il ritmo dello sviluppo tanto quanto la crescita degli utenti. Un picco nei download potrebbe essere dovuto a una vulnerabilità di sicurezza corretta o a un afflusso di nuovi utenti. Il conteggio attuale delle installazioni attive è fortemente arrotondato e non offre feedback fino a quando un tale plugin non guadagna o perde il 33% dei suoi utenti, che sono risultati drasticamente diversi.

La proposta di Coleman include alcune metriche che aiuterebbero gli sviluppatori a monitorare meglio i loro plugin, anche se questi dati sono mostrati solo agli autori:

  • Condividere un conteggio più accurato delle installazioni attive con i proprietari di un plugin.
  • Condividere conteggi di versione più accurati con i proprietari di un plugin.
  • Differenziare il conteggio dei download per tipo: download dal sito web, installazioni dalla dashboard, download dalla dashboard, aggiornamenti, altri (accessi al file zip).
  • Consentire agli sviluppatori di plugin di definire trigger di eventi personalizzati da conteggiare e visualizzare ai proprietari del plugin sulla pagina del profilo plugins.org.

La bozza di Coleman è ancora in fase di sviluppo. Non era immediatamente disponibile per commenti quando gli è stato chiesto quale sarà il prossimo passo una volta che la proposta sarà ulteriormente sviluppata.

WordPress.org è sempre stato il canale di distribuzione più popolare per i plugin più utilizzati, ma i dati disponibili non hanno tenuto il passo con le esigenze degli sviluppatori e delle aziende. Rilasciare i dati grezzi, nel rispetto di eventuali limitazioni sulla privacy, permetterebbe agli sviluppatori di estrarre le loro interpretazioni di tali dati e consentirebbe ai servizi di presentarli in modi creativi.

Almeno, questi dati dovrebbero essere disponibili per gli sviluppatori (anche se non sono pubblici) per aiutarli a monitorare meglio la traiettoria dei loro plugin e l’efficacia dei loro sforzi di marketing. Più dati possono solo servire a migliorare la capacità dell’ecosistema WordPress di continuare a alimentare un’economia multimiliardaria. Senza dubbio, ci sono molte esigenze tecniche per supportare il rilascio di questi dati, e queste devono essere prioritarie se WordPress.org vuole continuare ad attirare i migliori prodotti per la distribuzione.

“Non si tratta di metriche di vanità o di gonfiare i numeri per scopi di marketing”, ha detto Coleman. “Si tratta di ottenere un feedback prezioso sull’uso relativo di un plugin ospitato nel repository .org in modo che gli sviluppatori possano prendere decisioni informate e investimenti in quei plugin.”

Sebbene la richiesta di migliori metriche per i plugin WordPress sia stata rinnovata e supportata da una vasta gamma di sviluppatori, non è ancora chiaro se Matt Mullenweg e il team di WordPress.org accoglieranno immediatamente queste richieste. La storia ci mostra che le decisioni in questo ambito sono spesso prese dietro porte chiuse, il che potrebbe lasciare gli sviluppatori in una posizione di incertezza.

Tuttavia, l’unità e la pressione continua da parte della comunità di sviluppatori potrebbero fare la differenza. Se la richiesta diventa un coro unanime, è possibile che le parti interessate alla guida di WordPress.org riconsiderino la loro posizione. Dopotutto, sono gli sviluppatori che dedicano tempo e risorse alla creazione di nuovi plugin e funzionalità che arricchiscono l’intero ecosistema WordPress. Ignorare le loro esigenze potrebbe non essere nell’interesse a lungo termine della piattaforma.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto