10 Ottobre 2022

Che cos’è Google AMP ed è ancora una scelta utile nel 2022?

AMP non è più un requisito di Google per creare un sito a caricamento rapido, tuttavia, molti siti ancora lo utilizzano. Scopriamone i pro ed i contro.

Print Friendly, PDF & Email

Accelerated Mobile Pages, o AMP, è un framework open source lanciato nel 2016 da Google e supportato da grandi aziende tecnologiche come WordPress, LinkedIn, Twitter e altri.

Ma Google AMP è qualcosa che molti editori usano ancora oggi?

Questo articolo spiega se AMP è ancora rilevante nel 2022, i vantaggi e le limitazioni di AMP e se i publisher dovrebbero creare pagine AMP per i loro siti web.

Che cos’è Google AMP?

Google AMP è un progetto HTML progettato per creare pagine mobili a caricamento rapido e leggere.

Deve essere chiaro che AMP sebbene generico e non vincolante, nasce per siti esclusivamente editoriali e dunque, blog, testate giornalistiche, quotidiani online, che producono principalmente notizie. Non è insomma adatto per la realizzazione di siti di e-commerce ad esempio, forum, applicazioni web e simili.

AMP è stato sviluppato in risposta agli articoli istantanei di Facebook e alle notizie di Apple, consentendo agli utenti mobili di consumare contenuti in modo rapido e semplice dai loro telefoni.

Tuttavia, AMP non è vincolato all’app e qualsiasi editore può ottimizzare i propri contenuti mobili sul Web.

Esempio di articolo istantaneo di Facebook

Esempi di siti Web AMP

Puoi individuare le pagine AMP da un’icona distintiva di un fulmine nelle prime posizioni nei risultati di ricerca.

Tuttavia, a partire da maggio 2020, Google ha abbandonato il badge AMP e ha smesso di dare la priorità al formato AMP nel suo carosello Top Stories. Quindi non c’è praticamente alcuna differenza tra le pagine AMP e non AMP nella SERP ora.

Come funziona AMP?

AMP funziona creando una versione semplificata del codice HTML che aiuta a migliorare la velocità di caricamento del sito Web sui dispositivi mobili.

Perché le pagine AMP si caricano più velocemente?

Le pagine si caricano più velocemente perché alcuni elementi come JavaScript e CSS vengono eliminati. Alcuni tag HTML regolari vengono sostituiti con tag HTML AMP personalizzati per migliorare le prestazioni.

Questa immagine sotto mostra come funzionano le pagine AMP.

Come funziona Google AMP

Innanzitutto, un editore crea una versione AMP del suo documento HTML originale. La pagina ottimizzata per AMP è ospitata sui server di Google. Google pre-renderizza e memorizza nella cache i contenuti prima che qualcuno faccia clic sulla pagina nei risultati di ricerca.

Quindi, un utente sarà in grado di vedere il contenuto in due modi:

  1. Tramite Google AMP Viewer, un utente arriva sulla tua pagina dal carosello delle storie principali. Il dominio, in questo caso, è di Google. AMP Viewer funge da ambiente ibrido per la raccolta dei dati degli utenti.
  2. Attraverso Signed Exchange (SXG): un utente vedrà il nome del tuo dominio. Questa tecnologia consente al browser di trattare il documento come appartenente all’editore. Il contenuto verrà fornito in aggiunta all’HTML AMP e verrà visualizzato nei risultati standard.

Google AMP non è più necessario per posizionarsi nelle migliori storie.

Questo può sembrare sorprendente per molti di voi e persino incredibile. Tuttavia, è vero che Google AMP non sarà più un fattore per ottenere un posizionamento più alto sui motori di ricerca. Google ha fatto questo annuncio il 19 aprile 2021 e dovrebbe essere attivato da metà giugno 2021. Ecco la dichiarazione che Google ha dichiarato :

L’utilizzo del formato AMP non è più necessario e qualsiasi pagina, indipendentemente dal punteggio di Core Web Vitals o dallo stato dell’esperienza della pagina, sarà idonea a comparire nel carosello delle storie principali.

Poiché Google AMP è ora morto, quindi Google non mostrerà più il badge AMP. Hanno fatto un’altra dichiarazione su questo punto. Ecco qui :

Inoltre, non mostreremo più l’icona del badge AMP per indicare il contenuto AMP. Puoi aspettarti che questa modifica arrivi ai nostri prodotti quando l’aggiornamento dell’esperienza della pagina inizierà a essere implementato a metà giugno

Ti starai chiedendo perché Google ha preso questa decisione. Bene, spieghiamolo dal nostro punto di vista.

Perché Google ha apportato questa modifica?

Ricordi qual è stata la reazione della community di WordPress/SEO dopo l’introduzione di Google AMP? Non è mai stato accolto favorevolmente. Piuttosto, è stato controverso dal giorno in cui è stato introdotto e ha ricevuto un grande respingimento. Ma Google ha mantenuto la sua decisione per anni.

AMP ha messo Google nel controllo del web e di cosa può essere un sito web. Google si è messo tra il visitatore e il sito. Ha tolto il controllo e l’indipendenza ai siti che si sentivano costretti a utilizzare Google AMP. Questo ha reso molti di noi frustrati.

E potrebbe aver giocato un ruolo nel far cadere questa decisione.

Ora tutti i siti hanno una scelta. Se desideri posizionamenti più elevati e più traffico dai motori di ricerca, devi ottimizzare il tuo sito per un’esperienza utente migliore, più performante e più veloce. Google AMP non è più un requisito per creare un sito Web a caricamento rapido .

Google supporta ancora AMP

Le pagine Google AMP possono e saranno ancora visualizzate nella sezione Google Top Stories dopo questo aggiornamento.

Google ha notato che continuerà a supportare AMP dopo l’implementazione di questa modifica e continuerà a collegarsi alle pagine AMP quando disponibili.

La sezione delle storie principali  può  ancora includere pagine AMP, ma non includerà solo pagine AMP.

Quindi, se hai una pagina ottimizzata per AMP , mantieni quella pagina così com’è. Tuttavia, se stai per creare una nuova pagina o contenuto, non è necessario che sia ottimizzato per AMP.

Vantaggi di AMP

Ci sono 6 potenziali vantaggi nell’usare la tecnologia AMP di Google.

Velocità della pagina aumentata 

Lo stesso AMP non è un fattore di ranking, ma grazie al suo vantaggio in termini di velocità, avvantaggia notevolmente la tua SEO mobile.

Secondo Littledata, il tempo medio di caricamento della pagina mobile a febbraio 2022 era di 4,5 secondi. Qualsiasi cosa < 3 secondi è una buona velocità della pagina mobile e ti collocherebbe nel 20% più alto dei siti.

Tuttavia, vale la pena ricordare che si ottengono prestazioni fulminee quando la pagina AMP viene visitata da una ricerca su Google. Questo perché Google memorizza nella cache, ottimizza e convalida i documenti AMP nella sua AMP Cache, che è essenzialmente una CDN (Content Delivery Network) per le pagine AMP.

L’immagine seguente mostra una pagina AMP valida confrontata con lo stesso URL passato tramite la cache AMP di Google.

PageSpeed Google Amp

Frequenza di rimbalzo bassa

La frequenza di rimbalzo è direttamente influenzata dalla velocità della pagina. Gli ultimi dati hanno mostrato che la possibilità di un rimbalzo aumentava del 32% quando il tempo di caricamento di una pagina passava da 1 a 3 secondi. Con una maggiore velocità della pagina, un utente trascorrerà più tempo su un sito e più probabilmente si convertirà in un cliente.

Minore utilizzo dei dati mobili

AMP utilizza meno dati su reti 3G e 4G. Le pagine più leggere si caricano più velocemente, il che è particolarmente critico per gli utenti mobili le cui connessioni sono più lente come le connessioni 3G, le connessioni ad alta latenza o le connessioni con alta perdita di pacchetti. Pensiamo ad esempio ad una connessione in un centro abitato con ottima copertura ma tuttavia confinato all’interno di vecchi edifici con mura molto spesse.

Maggiore visibilità della SERP

In combinazione con i dati strutturati, le pagine AMP hanno più possibilità di essere visualizzate nella ricerca di Google, ad esempio come parte di risultati multimediali.

Esempio di rich snippet

Tieni presente che AMP non è un requisito per apparire nei migliori posizionamenti SERP, ma invierà un segnale a Google che la tua pagina è veloce e affidabile. L’aggiunta di dati strutturati aiuterà Google a comprendere meglio i tuoi contenuti e, possibilmente, a posizionarli più in alto.

Scorri per visitare

Scorri per visitare utilizza la capacità di prerendering di AMP per mostrare un’anteprima della pagina visualizzata nella parte inferiore dello schermo. Se un utente desidera scorrere verso l’alto, verrà caricata immediatamente un’intera pagina Web e un editore riceverà una visualizzazione di pagina.

RPReplay_Final1645519382-2-1-1-1

Tuttavia, a maggio 2020, Google ha rimosso il requisito AMP per apparire in Top Stories. La classifica delle Top Stories sarà ora determinata dall’aggiornamento Page Experience, che fa parte di Core Web Vitals .

Tuttavia, secondo AMP Tracker di Newzdash, i risultati non AMP rappresentavano solo il 31% dei contenuti di Top Stories negli Stati Uniti e nel Regno Unito al 22 febbraio 2022. Questo dimostra praticamente che AMP è ancora lì.

Limitazioni dell’AMP

Ci sono 3 limiti principali di AMP.

Meno funzionalità 

AMP è un framework restrittivo che consente solo CSS in linea fino a 75kB e JS di terze parti fino a 150kB, rendendo limitate le funzionalità e il coinvolgimento con una pagina web.

Per lo più, gli editori devono utilizzare librerie AMP predefinite che garantiscano un’elevata velocità. A causa di questa limitazione, le pagine AMP potrebbero avere un aspetto “ridotto” molto diverso rispetto al loro equivalente non AMP.

Identità del marchio debole

Quando gli utenti atterrano sulla tua pagina da Google AMP Viewer, non vedono l’URL della tua pagina web. L’URL originale è memorizzato sotto il pulsante delle informazioni nella parte superiore della pagina AMP.

Questo crea confusione per i visitatori e crea anche una sfida di analisi per gli editori nell’identificare da dove proveniva il traffico.

Esistono, tuttavia, soluzioni tecniche a questa limitazione come l’URL AMP Real di Cloudflare che consente di servire le pagine AMP da una cache e contenere un URL originale nella barra di navigazione del browser.

Doppio Legwork

Dal punto di vista dello sviluppatore, anche funzionalità semplici, come il modulo di invio, richiedono molto lavoro per rendere AMP compatibile, che in genere non è un compito difficile per una pagina non AMP.

Inoltre, proprio come con una pagina normale, una volta che la tua pagina AMP è attiva, dovrai comunque ottimizzarla per renderla SEO-friendly.

Monetizzazione AMP

AMP supporta la monetizzazione del sito web. A causa delle loro dimensioni ridotte, gli annunci AMP si caricano più velocemente e ottengono una visibilità degli annunci e CPM più elevati per i publisher.

Tuttavia, non tutti i circuiti di Advertising supportano AMP e non tutti gli annunci sono di fatto visualizzabili. Questo è un aspetto che deve essere valutato caso per caso in quanto in base al circuito adottato (anche alternative a Google AdSense) si potranno ottenere migliori o peggiori introiti pubblicitari.

Dovrei usare AMP?

Quando Google ha ritirato AMP dal suo posizionamento nelle Top Stories nella ricerca, molti hanno deciso che Google AMP non è più necessario. Anche se c’è del vero in questo, niente è così semplice.

Google continua a supportare AMP ea collegarsi a pagine AMP quando possibile. Il successo di AMP varia notevolmente da sito Web a sito Web, ma è impossibile sottovalutare gli ovvi vantaggi SEO per il tuo sito.

AMP offre un vantaggio competitivo per le metriche delle prestazioni di Core Web Vitals e può persino aumentare la visibilità della tua ricerca. Quindi, dal punto di vista aziendale, se hai già una pagina AMP, dovresti conservarla e continuare a ottimizzarla.

D’altra parte, molti sviluppatori ritengono che sia possibile creare pagine a caricamento rapido senza sacrificare la funzionalità. Cloudflare for Mobile è un esempio di una soluzione alternativa che vanta caratteristiche e velocità simili a quelle di AMP.

Se stai cercando consulenza su siti web editoriali, testate giornalistiche o blog che utilizzano o vorrebbero valutare l’utilizzo di Google AMP contattaci pure, saremo in grado di valutare la tua situazione specifica ed i relativi pro e contro dell’utilizzo di AMP sul tuo specifico sito.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su