15 Febbraio 2024

Backup, la regola del 3-2-1: Guida Completa alla Salvaguardia dei Dati

Una strategia di backup efficace per aziende: come la regola del 3-2-1 garantisce sicurezza, resilienza e continuità operativa nel mondo digitale.

Nell’era digitale, i dati sono diventati una delle risorse più preziose per aziende e professionisti. La perdita di dati critici può avere conseguenze devastanti, che vanno dalla perdita economica alla compromissione della reputazione aziendale. Per questo motivo, implementare una strategia di backup efficace è fondamentale. Una delle metodologie più affidabili e consigliate è la regola del 3-2-1. Questo post esplora in dettaglio cosa significa questa regola, perché è così importante e come può essere implementata nella pratica.

Cos’è la regola del 3-2-1?

3-2-1-backup

La regola del 3-2-1 è un principio fondamentale nella gestione dei backup che suggerisce di avere:

  • 3 copie totali dei dati (1 primaria + 2 backup)
  • 2 supporti di memorizzazione differenti (es. SSD e nastro magnetico)
  • 1 copia off-site (fuori sede)

Questa regola aiuta a proteggere i dati da diversi tipi di rischi, come guasti hardware, errori umani, malware e disastri naturali.

Perché la regola del 3-2-1 è importante?

La regola del 3-2-1 si afferma come una strategia fondamentale nel panorama della sicurezza informatica, offrendo una solida difesa contro un ampio spettro di rischi potenziali che possono compromettere l’integrità e la disponibilità dei dati. Ecco un’analisi più dettagliata di ciascun punto:

  • Protezione contro il guasto hardware: I dispositivi di memorizzazione non sono immuni da guasti, che possono essere causati da usura, sovratensioni, o difetti di fabbricazione. La diversificazione dei supporti di memorizzazione nell’ambito della regola del 3-2-1 minimizza l’impatto di tali guasti, consentendo di ripristinare i dati da un backup integro qualora il dispositivo primario cessi di funzionare. Questo approccio riduce significativamente il rischio di perdita dati, garantendo che almeno una copia dei dati sia sempre accessibile per il ripristino.
  • Difesa contro i ransomware e i malware: Gli attacchi informatici sono in continua evoluzione, con ransomware e malware che possono criptare o corrompere i dati, rendendoli inaccessibili. I backup off-site e su supporti diversi agiscono come una rete di sicurezza, isolando le copie di sicurezza dall’ambiente di rete principale. Questa separazione fisica e logica impedisce che gli attacchi che colpiscono la rete aziendale compromettano anche i backup, permettendo di ripristinare i dati in stato precedente all’attacco e mantenere la continuità operativa.
  • Riduzione del rischio di errori umani: L’errore umano rimane una delle cause principali di perdita di dati, includendo cancellazioni accidentali o modifiche improprie ai file. Implementando la regola del 3-2-1, si assicura la possibilità di ripristinare versioni precedenti dei dati, consentendo di annullare errori o cambiamenti indesiderati. Questo livello di ridondanza assicura che le azioni involontarie non abbiano effetti irreversibili, proteggendo l’integrità dei dati aziendali.
  • Recupero da disastri naturali: Eventi catastrofici come terremoti, incendi o alluvioni possono distruggere l’infrastruttura fisica contenente i dati aziendali. Avere backup off-site, in luoghi geograficamente distanti, assicura che i dati siano preservati anche se il sito principale subisce danni irreparabili. Questo aspetto della regola del 3-2-1 è cruciale per garantire la resilienza aziendale, consentendo la ripresa delle operazioni con minimo downtime dopo un disastro naturale.

Implementazione della regola del 3-2-1

L’implementazione efficace della regola del 3-2-1 richiede non solo una pianificazione attenta della gestione dei dati e dei supporti di memorizzazione ma anche la selezione di tecnologie di backup avanzate per garantire che le copie dei dati siano sicure, affidabili e facilmente recuperabili in caso di necessità. L’integrazione di tecnologie di backup diverse, come Borg, Restic e Kopia, può offrire ulteriori livelli di protezione contro le vulnerabilità specifiche di ciascuna tecnologia e assicurare una maggiore resilienza dei dati. Ecco come:

Creazione delle tre copie dei dati

  • Primo passo: La copia primaria dei dati è ospitata su server ad alte prestazioni, preferibilmente su SSD per massimizzare la velocità di accesso e l’efficienza operativa. Questi dati sono quelli su cui l’azienda o l’individuo lavora quotidianamente e rappresentano la versione più aggiornata e attiva delle informazioni gestite.
  • Secondo passo: Due set di backup dovrebbero essere creati per replicare i dati della copia primaria. Qui entrano in gioco tecnologie di backup come Borg, Restic e Kopia:
    • Borg: Questo software offre deduplicazione efficiente, compressione e cifratura, rendendolo ideale per il primo livello di backup. Può essere configurato per eseguire backup incrementali, riducendo lo spazio necessario e il tempo di backup dopo la copia iniziale.
    • Restic: Simile a Borg per le funzionalità di deduplicazione e cifratura, Restic è noto per la sua facilità d’uso e la capacità di effettuare backup su una varietà di backend, inclusi servizi cloud. Restic può servire come tecnologia per il secondo backup, offrendo una diversificazione delle tecnologie di backup.
    • Kopia: Kopia si distingue per la sua moderna interfaccia utente e la gestione dei repository condivisi, facilitando il backup in team o in ambienti aziendali. Implementando Kopia per i backup off-site, si può sfruttare la sua scalabilità e gestione avanzata delle politiche di backup.

Utilizzo di due supporti di memorizzazione differenti

  • Supporti diversi: Utilizzando SSD per i dati primari, è consigliabile che uno dei backup (ad esempio, quello gestito da Borg) sia su HDD, per beneficiare di un buon compromesso tra costo e capacità di memorizzazione. Il secondo backup, magari quello gestito da Restic, potrebbe essere archiviato su nastro magnetico o un altro HDD, per garantire diversità e ridurre il rischio di fallimento concomitante dei dispositivi.

Mantenimento di una copia off-site

  • Cloud e località fisiche: Mentre Kopia gestisce il backup off-site su cloud, assicurando accessibilità e protezione contro disastri fisici, mantenere anche un dispositivo di storage fisico (come un nastro magnetico o un altro HDD) in una località geografica diversa offre un ulteriore livello di sicurezza. Questo dispositivo potrebbe contenere il backup Restic, combinando i vantaggi della resilienza fisica con quelli della deduplicazione e cifratura.

Questa approfondita implementazione della regola del 3-2-1, con l’integrazione di diverse tecnologie di backup e supporti di memorizzazione, massimizza la protezione contro una vasta gamma di rischi, dai guasti hardware agli attacchi informatici, dagli errori umani ai disastri naturali. Ogni strato aggiunto contribuisce a una maggiore sicurezza dei dati, assicurando che l’azienda o l’individuo possa rapidamente ripristinare le informazioni necessarie e mantenere la continuità operativa senza interruzioni significative.

Considerazioni Pratiche

Le considerazioni pratiche per implementare efficacemente la regola del 3-2-1 richiedono attenzione ai dettagli e una comprensione approfondita delle proprie esigenze aziendali e della tecnologia disponibile. Ecco un approfondimento su ciascun punto:

  • Scegliere il giusto fornitore di cloud: La selezione di un fornitore di servizi cloud adeguato è cruciale per garantire che i backup siano sia accessibili che sicuri. Considera la reputazione del fornitore, le sue politiche di sicurezza, la conformità alle normative del settore e la sua capacità di integrarsi senza problemi con la tua infrastruttura esistente. Valutare anche il costo è importante, ma deve essere bilanciato con la qualità del servizio offerto. Un fornitore affidabile dovrebbe offrire alta disponibilità, supporto tecnico reattivo e opzioni di scalabilità che si adattino alla crescita dei tuoi requisiti di storage.
  • Cifratura dei dati: La cifratura è una delle difese più efficaci contro l’accesso non autorizzato ai dati. Assicurati che il fornitore di cloud scelto supporti la cifratura dei dati in transito e a riposo, utilizzando standard di crittografia robusti. Implementare politiche di cifratura proprie per i backup memorizzati su dispositivi fisici e assicurarsi che le chiavi di cifratura siano gestite in modo sicuro ed efficiente, riducendo al minimo il rischio di esposizione dei dati sensibili.
  • Automatizzazione del processo di backup: L’automatizzazione è fondamentale per garantire che i backup vengano eseguiti regolarmente e senza intervento manuale, riducendo il rischio di errori umani o dimenticanze. Seleziona software di backup che offra funzionalità di pianificazione flessibili, compatibilità con diversi sistemi operativi e applicazioni, e che possa scalare con l’aumento delle esigenze di dati. L’automatizzazione dovrebbe inoltre includere la verifica dei backup per assicurare che i dati siano integri e ripristinabili.
  • Test regolari dei backup: Senza test regolari, non puoi essere certo della affidabilità dei tuoi backup. Programma test periodici per verificare non solo l’integrità dei dati, ma anche la praticità e l’efficacia delle procedure di ripristino. Questo può includere il ripristino di file o sistemi interi in un ambiente di test per assicurare che i tempi di recupero e gli obiettivi di punto di ripristino siano soddisfatti. I test dovrebbero essere documentati accuratamente, con le lezioni apprese utilizzate per migliorare continuamente il processo di backup e ripristino.

Implementare queste considerazioni pratiche non solo rafforza la tua strategia di backup in linea con la regola del 3-2-1, ma migliora anche la resilienza complessiva della tua infrastruttura IT contro una vasta gamma di minacce ai dati, assicurando la continuità aziendale in qualsiasi circostanza.

Case Study: Implementazione della regola del 3-2-1 in un’azienda di hosting

Backup-Datacenter

Per approfondire l’applicazione pratica della regola del 3-2-1, esaminiamo il caso di un’azienda di hosting che si impegna a proteggere i dati critici dei propri clienti attraverso una strategia di backup robusta e multi-livello. Questa azienda serve come esempio di come le organizzazioni possono adottare misure preventive per assicurare la resilienza dei dati e la continuità operativa.

  • Copia Primaria: I dati critici sono ospitati su server ad alte prestazioni, attentamente ottimizzati per garantire velocità e sicurezza. Questi server sono configurati con le ultime tecnologie in termini di sicurezza informatica, inclusi firewall avanzati, sistemi di prevenzione delle intrusioni e protocolli di autenticazione multi-fattore, per proteggere contro accessi non autorizzati e minacce online. La scelta di hardware e software di alta qualità assicura che i dati siano accessibili e sicuri, costituendo la fondazione dell’infrastruttura dati dell’azienda.
  • Primo Backup: Implementando un sistema di backup giornaliero su un dispositivo NAS connesso alla rete aziendale, l’azienda assicura una seconda linea di difesa per i dati dei clienti. Il dispositivo NAS offre una soluzione versatile e affidabile per il backup, consentendo ripristini rapidi in caso di perdita dei dati primari. Questo livello di backup beneficia di reti ad alta velocità interne, facilitando un recupero efficiente dei dati senza impattare significativamente le operazioni quotidiane. La configurazione RAID comune nei dispositivi NAS aggiunge un ulteriore strato di ridondanza e protezione.
  • Secondo Backup: La decisione di trasferire settimanalmente una copia dei dati su nastro magnetico introduce un metodo di conservazione a lungo termine che è noto per la sua durabilità e resistenza al degrado. Il nastro magnetico, pur essendo una tecnologia più tradizionale, rimane una scelta economica e affidabile per l’archiviazione di grandi volumi di dati. Questo approccio evidenzia l’impegno dell’azienda verso una strategia di backup diversificata, riducendo la dipendenza da un unico tipo di media e mitigando i rischi associati ai guasti hardware e ai danni fisici.
  • Backup Off-Site: L’utilizzo di un servizio cloud affidabile per mantenere una copia aggiornata dei dati in una località geografica distante rappresenta una salvaguardia critica contro disastri naturali o incidenti che potrebbero compromettere il data center principale. Questa copia off-site garantisce che, in caso di eventi estremi come terremoti, incendi o alluvioni, l’azienda possa rapidamente ripristinare i dati critici e mantenere le operazioni senza interruzioni significative. La scelta di un fornitore cloud che offre alta disponibilità, scalabilità e conformità con le normative sulla privacy dei dati sottolinea l’importanza di una partnership strategica nella protezione dei dati a lungo termine.

Attraverso questa strategia comprensiva, l’azienda di hosting dimostra un impegno verso la sicurezza e la disponibilità dei dati dei clienti, implementando la regola del 3-2-1 in modo che fornisca una protezione ottimale in vari scenari di rischio. Questo approccio multi-livello non solo assicura una resilienza dei dati superiore, ma rafforza anche la fiducia dei clienti nella capacità dell’azienda di proteggere le loro preziose informazioni.

Conclusione

La regola del 3-2-1 rappresenta una strategia di backup completa che offre un equilibrio tra sicurezza, accessibilità e costo. Implementare questa regola può sembrare inizialmente impegnativo, ma i benefici in termini di resilienza e protezione dei dati sono inestimabili. Con l’aumento delle minacce digitali e la crescente dipendenza dai dati, adottare la regola del 3-2-1 non è solo raccomandato, è essenziale per qualsiasi organizzazione che voglia proteggere le proprie risorse digitali.

Ricordate, la perdita di dati può avvenire in qualsiasi momento e il costo di non essere preparati è infinitamente maggiore del tempo e delle risorse investite nella creazione e manutenzione di un solido piano di backup. La regola del 3-2-1 offre una linea guida chiara per navigare nel complesso paesaggio della sicurezza dei dati, assicurando che la vostra azienda possa resistere e riprendersi rapidamente da qualsiasi imprevisto.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto