19 Novembre 2023

Arrivano RHEL e Alma Linux 9.3 – uno è gratuito, l’altro semplicemente senza costi

Red Hat introduce uno strumento per facilitare la migrazione da diverse distribuzioni gratuite simili a RHEL

AlmaLinux 9.3

L’ultima versione della distribuzione di punta di Red Hat è apparsa la scorsa settimana, seguita a breve da Alma Linux 9.3. RHEL 8.9 arriverà presto – e presumibilmente anche Rocky Linux 9.3.

La versione 9.3 di Red Hat Enterprise Linux è apparsa la scorsa settimana, seguita cinque giorni dopo da Alma Linux 9.3, la ricostruzione ora leggermente più distante. Entrambi i progetti sono gli ultimi aggiornamenti semestrali, che seguono la versione 9.2 di maggio, dalle versioni originali 9.0 uscite a maggio dell’anno scorso.

Il ciclo di rilascio di Red Hat Enterprise Linux (RHEL) e delle distribuzioni ad esso correlate, come Alma Linux e Rocky Linux, differisce sostanzialmente da quello delle distribuzioni più orientate ai consumatori come Ubuntu. Questa differenza è particolarmente evidente nel modo in cui vengono gestite le release di punto (point releases).

Nel contesto di distribuzioni come Ubuntu, una release di punto generalmente segnala una revisione sostanziale della distribuzione, includendo aggiornamenti significativi per la maggior parte, se non tutti, i componenti del sistema. Questi possono includere il kernel, le librerie del sistema, le applicazioni standard e vari altri elementi del sistema operativo. Questo approccio tende a fornire le funzionalità e le tecnologie più recenti agli utenti, ma può anche introdurre nuove incompatibilità o richiedere adeguamenti da parte degli utenti e degli sviluppatori.

Al contrario, nel mondo di RHEL e dei suoi “parenti”, una release di punto assume un significato molto diverso. Invece di rappresentare una revisione ampia e comprensiva, una release di punto in questo contesto è più incrementale e conservatrice. L’obiettivo principale è quello di mantenere la stabilità e la compatibilità all’interno dell’ecosistema della distribuzione. Di conseguenza, una release di punto RHEL solitamente conserva le stesse versioni dei componenti chiave, come il kernel e le principali librerie di sistema. Ciò garantisce che le applicazioni e i servizi che sono stati testati e certificati per una particolare versione di RHEL continuino a funzionare senza problemi anche dopo l’aggiornamento.

Questa filosofia riflette l’orientamento di RHEL verso le imprese e i contesti di produzione, dove la stabilità e la prevedibilità sono di fondamentale importanza. Le aziende che dipendono da RHEL per le loro infrastrutture critiche possono pianificare gli aggiornamenti sapendo che il rischio di interruzioni o incompatibilità è minimizzato.

Tuttavia, RHEL e le distribuzioni affini non sono del tutto statiche. Sebbene i componenti principali rimangano stabili, vengono offerte versioni più recenti di alcuni sottocomponenti, come i linguaggi di programmazione e le utility del sistema. Questo permette agli utenti di sfruttare i miglioramenti e le nuove funzionalità in questi aree senza compromettere la stabilità complessiva del sistema. Questo approccio offre un equilibrio tra innovazione e stabilità, permettendo agli sviluppatori e agli amministratori di sistema di adottare nuove tecnologie in un ambiente controllato e affidabile.

Così, come release di punto, RHEL 9.3 consiste principalmente in aggiornamenti alle versioni esistenti dei componenti. Ad esempio, viene fornito con la stessa versione del kernel, ma con molti bug-fix e miglioramenti aggiunti, come descritto alla DevConf.cz di quest’estate a Brno.

Tuttavia, come al solito, ci sono alcune nuove funzionalità, per lo più cose che non romperanno la compatibilità con le versioni precedenti. Ad esempio, RHEL ha un insieme di ruoli di sistema, definiti in Ansible, e ora il ruolo Podman include Quadlet, uno strumento precedentemente separato dal creatore di Flatpak Alexand Larsson per migliorare la gestione dei container di systemd, come descritto in un post sul blog di Red Hat all’inizio di quest’anno. La console web ora ha controlli di salute migliori per Podman.

Uno nuovo strumento Convert2RHEL facilita la migrazione da varie distribuzioni gratuite simili a RHEL. Un nuovo generatore di immagini rende più facile la creazione di immagini OS per la distribuzione sia in cloud privati che pubblici, oltre che su hardware, includendo ora il formato Open Virtual Appliance (OVA). RHEL 9.3 supporta anche l’avvio di VM AWS con UEFI, oltre al boot BIOS legacy.

Tutte le sottoscrizioni RHEL ora includono il servizio di monitoraggio Red Hat Insights. RHEL 9.3 supporta anche Stratis, il contendente di Red Hat nello spazio dei sottosistemi di storage di nuova generazione. Abbiamo esaminato la versione 3.3 circa un anno fa, ma lo sviluppo è continuato, e Stratis 3.6 è apparso il mese scorso. Questo è un po’ troppo recente per RHEL 9.3, che include la versione 3.5 di gennaio.

Se sei principalmente interessato a un elenco di nuove versioni dei componenti e così via, le note di rilascio di Alma Linux 9.3 offrono un buon riassunto che è considerevolmente più breve delle note di rilascio di Big Purple Hat 9.3, che in formato PDF si estendono su ben 206 pagine. Con una tale lunghezza, è forse perdonabile che alcune parti sembrano non essere state ancora aggiornate, come le istruzioni per l’aggiornamento in loco che al momento della scrittura parlano ancora di aggiornare alla versione 9.2.

Alcune parti degne di nota sono che lo strumento di sicurezza Keylime per edge, cloud e IoT è stato aggiornato alla versione 7.3, e OpenSSH è meno incline a utilizzare il protocollo SHA-1 non così sicuro. Ci sono aggiornamenti dei pacchetti AppStream a Node.js 20, Java 21 e Redis 7, ma dato che gli AppStream sono effettivamente l’equivalente di RHEL della Modularità di Fedora, ciò è destinato a scomparire in qualche versione futura.

Il supporto hardware su Arm64 è migliorato, e i sistemi operativi possono ora gestire Bluetooth, adattatori wifi e webcam USB, tra le altre caratteristiche. Il comando dnf può riavviare o spegnere automaticamente la macchina se necessario, e può visualizzare “leaves”, pacchetti orfani su cui nulla dipende. Il comando per riconfigurare il bootloader GRUB 2 ha acquisito alcune opzioni in più, ma non c’è ancora un sostituto diretto per il comodo comando update-grub della famiglia Debian.

Alma Linux 9.3 e RHEL 9.3 sono disponibili per quattro diverse architetture a 64 bit: x86 (minimo V2), Arm (minimo V8), IBM s390 (minimo z14) e POWER in modalità Little-Endian (minimo V9). RHEL 9.3 è ora disponibile per i clienti Red Hat, incluso con le sottoscrizioni gratuite per sviluppatori. Alma Linux è disponibile da 334 diversi mirror di download.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto