18 Novembre 2023

Canonical Introduce MicroCloud: Clustering Linux Semplice e Gratuito On-Premise

MicroCloud di Canonical: rivoluzionando il clustering Linux con una tecnologia semplice, gratuita e on-premise per aziende di ogni dimensione

Mentre Ubuntu si avvicina al suo 20° anniversario, alcune delle sue componenti sembrano integrarsi perfettamente. In un evento a Londra, Canonical ha presentato una dimostrazione di MicroCloud, il suo nuovo strumento, alimentato da Ubuntu, per la costruzione di cluster high-availability di scala piccola e media su locali aziendali. Nonostante alcuni problemi tecnici durante la demo, l’evento ha evidenziato l’imminente anniversario di Canonical e il successo di Ubuntu nel mercato Linux, soprattutto per la sua facilità d’uso e il costo zero, due aspetti che molti concorrenti non sembrano ancora comprendere appieno.

Tecnologie e Innovazioni in MicroCloud

MicroCloud di Canonical rappresenta un’evoluzione significativa nel panorama dei cluster Linux, mirando a rendere la tecnologia più accessibile e semplice da utilizzare. Questa soluzione si distingue per la sua capacità di integrare diverse tecnologie in un unico ecosistema, rendendo la creazione e gestione di cluster Linux un processo più fluido e meno oneroso per le aziende di tutte le dimensioni.

Ubuntu-Microcloud-Stack

 

Tecnologie Proprietarie di Canonical

  1. Containervisor LXD: Il LXD di Canonical è un “containervisor”, un termine che fonde ‘container’ e ‘hypervisor’, progettato per gestire macchine virtuali leggere e container a livello di sistema operativo. A differenza dei tradizionali container che isolano solo applicazioni, LXD estende l’isolamento a tutto il sistema operativo, fornendo un ambiente più sicuro e versatile. Questo lo rende ideale per applicazioni che richiedono un isolamento completo, come ambienti di test o simulazioni di reti complesse.
  2. Snap Packaging System: Snap è un sistema di packaging universale per Linux che semplifica l’installazione, l’aggiornamento e la distribuzione di software attraverso diverse distribuzioni Linux. I pacchetti Snap sono autosufficienti, includendo tutte le dipendenze necessarie, il che li rende più affidabili e sicuri. Sono ideali per distribuire rapidamente aggiornamenti e assicurare la coerenza tra diverse installazioni.
  3. Ubuntu Core: Ubuntu Core è una versione minimale di Ubuntu, progettata per essere eseguita su dispositivi IoT e cloud. Essendo basata su Snap, offre aggiornamenti automatici e transazionali e una maggiore sicurezza. La sua natura immutabile la rende una scelta eccellente per ambienti in cui la stabilità e la sicurezza sono di primaria importanza.

Integrazione con Tecnologie FOSS

MicroCloud si integra armoniosamente con una serie di tecnologie FOSS (Free and Open Source Software) per offrire un’esperienza di clustering completa:

  1. Ceph per Storage Distribuito: Ceph è un sistema di storage distribuito, che fornisce eccellente scalabilità e affidabilità. È particolarmente adatto per ambienti di storage di grandi dimensioni, offrendo funzionalità come ridondanza, bilanciamento del carico e auto-riparazione. La sua integrazione in MicroCloud consente la gestione efficiente dei dati in un ambiente di cluster.
  2. OpenZFS per Storage Locale: OpenZFS è un sistema di file avanzato con funzionalità come snapshot e replica. Offre una gestione robusta dei dati e una protezione contro la corruzione dei dati, elementi fondamentali per la sicurezza e l’integrità dei dati in un ambiente di cluster.
  3. OVN per la Virtualizzazione dell’Interconnessione: OVN (Open Virtual Network) è utilizzato per virtualizzare l’interconnettività all’interno del cluster. Fornisce una rete virtualizzata per container e macchine virtuali, facilitando la configurazione della rete e migliorando la sicurezza grazie all’isolamento della rete.

MicroCloud: Versatilità e Accessibilità

Durante l’evento, Canonical ha utilizzato un cluster composto da tre macchine ODROID per dimostrare le capacità di MicroCloud. Sebbene la dimostrazione abbia incontrato alcuni problemi tecnici iniziali, la risposta rapida e efficace di Canonical ha evidenziato la resilienza e l’adattabilità di MicroCloud. Questi incidenti, piuttosto che essere visti come ostacoli, hanno dimostrato la robustezza di MicroCloud nell’affrontare e risolvere problemi in tempo reale, un aspetto critico per ogni ambiente di produzione che richieda alta disponibilità.

Il video di seguito :

Semplificazione dell’Implementazione di Cluster

Tradizionalmente, come sottolineato da risorse autorevoli come Linux.org, configurare un cluster ad alta disponibilità è un compito complesso che richiede competenze tecniche avanzate. MicroCloud, tuttavia, semplifica enormemente questo processo. La sua interfaccia intuitiva e i processi automatizzati riducono notevolmente la curva di apprendimento e i requisiti tecnici, rendendo la tecnologia di clustering accessibile anche a organizzazioni con risorse IT limitate o senza specialisti dedicati al clustering.

Accessibilità e Versatilità Superiori

MicroCloud è stato progettato per essere più accessibile e versatile rispetto ai sistemi basati su Kubernetes. Mentre Kubernetes domina il panorama dei microservizi, richiedendo competenze specifiche per la sua gestione e manutenzione, MicroCloud apre la strada a un approccio più inclusivo. Offre una soluzione ideale per quelle organizzazioni che desiderano approfittare dei benefici dei cluster Linux senza dover investire in modo significativo in formazione o personale specializzato.

Focus su Cluster LXD

A differenza di Kubernetes, MicroCloud si concentra sulla costruzione di cluster basati su LXD. LXD offre una gestione più granulare dei sistemi, consentendo di eseguire interi sistemi operativi Linux in un ambiente containerizzato. Questo approccio è particolarmente vantaggioso per applicazioni che richiedono un ambiente completo di sistema operativo o per situazioni in cui è necessario eseguire diverse distribuzioni Linux in parallelo. Questa capacità rende MicroCloud una soluzione ideale per una vasta gamma di scenari di utilizzo, dalla virtualizzazione leggera alla simulazione di reti complesse, fornendo agli utenti la flessibilità di gestire carichi di lavoro diversificati con facilità.

Il Posizionamento di Canonical nel Mercato Linux

Con il lancio di MicroCloud, Canonical non solo rafforza la sua presenza nel mercato dei server e dei servizi cloud, ma offre anche una soluzione concreta agli ostacoli che tradizionalmente limitano l’adozione di tecnologie di clustering Linux. La strategia di Canonical di rendere la tecnologia Linux accessibile e gratuita si riflette pienamente in MicroCloud, che non solo democratizza l’accesso alla tecnologia di clustering, ma ne semplifica anche la gestione. Questo prodotto si rivolge a un ampio spettro di utenti, dai neofiti del mondo Linux agli esperti del settore IT, evidenziando l’impegno di Canonical nell’offrire soluzioni inclusive e potenti.

Canonical e il Futuro del Clustering

Nel campo del clustering, Canonical sta tracciando un percorso distintivo con prodotti come MicroCloud. La sua enfasi storica sull’accessibilità e la facilità d’uso, che ha contribuito a rendere Ubuntu una scelta popolare sia per gli utenti desktop che per quelli server, si riflette nell’approccio di MicroCloud. Canonical ha dimostrato di saper comprendere e sfruttare i vantaggi chiave dell’ecosistema Linux, un’abilità che sarà fondamentale per il suo successo futuro nel settore sempre più competitivo del clustering e dei servizi cloud.

Conclusioni

Il ventesimo anniversario di Ubuntu non è solo un traguardo per Canonical, ma rappresenta anche un’opportunità per riflettere sull’impatto e il contributo dell’azienda al mondo del software libero e open source. Con iniziative come MicroCloud, Canonical non solo continua a spingere i confini dell’innovazione, ma mantiene anche Ubuntu in una posizione centrale nell’universo Linux.

Sebbene MicroCloud possa apparire come una nuova tecnologia, è importante considerare che molte delle sue componenti sono in uso da anni nell’ambito enterprise, con una stabilità e affidabilità confermate dal mercato. Canonical ha sapientemente integrato queste tecnologie collaudate in una soluzione unica, offrendo così una piattaforma robusta e al tempo stesso innovativa.

Considerando la traiettoria di Canonical, azienda all’avanguardia insieme a Red Hat nell’ampio panorama dell’ecosistema Linux, MicroCloud si posiziona come un prodotto chiave da osservare nei prossimi 6 mesi. Data la sua versatilità, accessibilità e la solida base tecnologica, MicroCloud ha il potenziale per diventare un leader nel mercato dei cluster Linux nei prossimi 12-24 mesi. La sua capacità di rispondere alle esigenze attuali del mercato, pur innovando in ambiti critici, lo rende un candidato ideale per guidare la prossima ondata di soluzioni di clustering nel panorama IT.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto