20 Gennaio 2022

AlmaLinux è la nuova distribuzione alternativa LTS a RedHat RHEL 8 e CentOS 8

Vediamo quale sostituto di CentOS 8 utilizzare dopo l’End Of life a Dicembre 2021.

AlmaLinux Logo Banner
Print Friendly, PDF & Email

AlmaLinux è ufficialmente disponibile. Per chi non lo sapesse, AlmaLinux è un nuovo fork di RHEL, prodotto dal team di CloudLinux. Sviluppata in stretta collaborazione con la comunità, questa nuova distribuzione GNU/Linux vuole andare a colmare il vuoto lasciato da Red Hat con la dismissione del progetto CentOS.

CloudLinux nasce nel 2009 per fornire un clone di RHEL / CentOS personalizzato, pronto per essere installato su server. Il prodotto principale dell’azienda è il sistema operativo CloudLinux, fork attivo da oltre dieci anni. Più di 4.000 aziende, tra cui Dell, Liquid Web e 1 & 1, si affidano al sistema operativo CloudLinux che ha una comprovata esperienza nella creazione e nella manutenzione di un fork RHEL.

Il progetto AlmaLinux, originariamente chiamato Lenix, è stato avviato subito dopo che Red Hat ha annunciato l’addio a CentOS in favore di CentOS Stream. Così come CentOS anche AlmaLinux è una build community-based di Red Hat Enterprise Linux.

Il sistema operativo AlmaLinux è un’opportunità per noi di incanalare la nostra esperienza in RHEL verso una distribuzione Linux che serva una comunità più ampia […] Il sistema operativo AlmaLinux sarà sempre gratuito e open source.

queste le parole di CloudLinux.

Il problema di base, la politica di IBM proprietaria di Redhat.

Come avevamo anticipato in questo articolo tempo fa IBM completa la storica acquisizione di Linux Red Hat per 34 miliardi di dollari dopo l’acquisto di RedHat da parte di IBM, l’intera community ha iniziato a preoccuparsi del futuro delle distribuzioni RedHat derivate come Fedora e CentOS e sono preoccupati che IBM approfitti della loro posizione e delle loro politiche commerciali.

Molte di queste preoccupazioni sono legate alle politiche commerciali aggressive di IBM. Per esempio, IBM ha una storia di azioni legali contro aziende che usano brevetti IBM senza pagare “royalties”. Hanno anche una storia di tariffe esorbitanti per i loro brevetti o di rifiuto di vendere prodotti per i quali possiedono i brevetti. Inoltre, IBM è nota per citare in giudizio altre aziende per violazioni di brevetti, indipendentemente da ogni effettivo illecito da parte loro. Questo può essere visto nel caso in cui il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (USDOJ) ha respinto una causa antitrust presentata contro Google da Oracle. Queste preoccupazioni sono fondate, in quanto è completamente nel regno della possibilità che le future versioni di Redhat e derivati potrebbero essere modificate in modo da ferire ulteriormente la comunità del software proprietario e/o creare blocchi stradali per gli utenti che cercano di esercitare il loro diritto di modificare e condividere il software come stabilito nella licenza GPLv2. Alcuni hanno anche ipotizzato che questo è proprio il motivo per cui IBM ha acquistato Red Hat in primo luogo: per minare il suo principale concorrente, CentOS.

Il cambiamento di RedHat e la conseguente morte di CentOS.

La decisione di Red Hat è stata una condanna a morte per CentOS. Essendo una delle distribuzioni di Linux più utilizzate, molte persone, me compreso, hanno avvertito che se questo cambiamento fosse avvenuto sarebbe stata la fine di CentOS. Il problema principale di CentOS Stream è che non ha distribuzioni durevoli con End Of Life decennale e compatibili con quelle di RHEL, e il problema di avere troppo software nuovo e non completamente stabile come era il caso di RedHat RHEL. Ecco perché ho sempre sostenuto che CentOS dovrebbe rimanere quello che è ora, una distribuzione basata sulle release di RHEL ogni 6 mesi ma più stabile e compatibile. In questo modo gli utenti possono aggiornare i loro sistemi più frequentemente di ogni due anni ma essere ancora in grado di aggiornare quando ne hanno bisogno utilizzando gli stessi repository di RHEL.

Il co-fondatore di CentOS Greg Kurtzer è uno dei tanti membri della comunità che non è contento della decisione di Red Hat di chiudere CentOS Linux. Prima di CentOS, Kurtzer ha eseguito un progetto di ricostruzione di Red Hat chiamato Caos Linux. Il lavoro di Kurtzer si è fuso con quello di Rocky McGough e Lance Davis per formare il Progetto CentOS.

Confronto tra Centos Linux e CentOS Stream

Sembra esserci molta confusione tra CentOS Linux e CentOS Stream. Sono entrambe ricostruzioni di Red Hat Enterprise Linux (RHEL), ma sono entità diverse: Le versioni di CentOS Linux sono basate sulla versione RHEL attualmente rilasciata. Contengono grandi lotti di aggiornamenti dal rilascio precedente, contenenti tutte le correzioni di sicurezza e di bug, e includono anche alcune nuove versioni di pacchetti. Le modifiche ai prodotti apportate da Red Hat dopo che una release di CentOS Linux è stata ramificata non saranno incluse in quella release. Le release CentOS Stream sono basate sul contenuto che è pianificato per le prossime versioni di RHEL. Essi possono includere diversi piccoli lotti di aggiornamenti tra i rilasci secondari. Le modifiche al prodotto apportate da Red Hat dopo che una release CentOS Stream è stata ramificata possono essere incluse nelle successive streams.

AlmaLinux come sostituto di CentOS.

 

AlmaLinux è stato annunciato all’inizio del 2019, ma solo di recente la società dietro di esso ha iniziato a promuoverlo più attivamente. Questo è in parte perché il vecchio CentOS era stato praticamente abbandonato dai suoi sviluppatori. Il fork 1:1 di RHEL (Red Hat Enterprise Linux) è progettato per colmare le lacune lasciate. Una delle più grandi lamentele su CentOS era che non era una soluzione supportata e completamente certificata. Questo non è certamente qualcosa che si può dire di AlmaLinux, che riceverà aggiornamenti regolari da CloudLinux e avrà le sue immagini ISO ospitate sul sito ufficiale. Vale anche la pena notare che questa distribuzione viene fornita con supporto a lungo termine e sarà aggiornata secondo le più severe linee guida di sicurezza.

Si sentiva la necessità di una versione downstream stabile di RHEL. Red Hat ha altri piani per CentOS e quindi sono felice che un degno successore si sia inserito per colmare il vuoto lasciato da quest’ultimo.

queste le parole di Simon Phippspresidente della Open Source Initiative (OSI).

Ad oggi AlmaLinux è probabilmente il miglior rimpiazzo di CentOS.

Migrazione da CentOS 8 ad AlmaLinux

Oltre alla versione stabile, sull’account GitHub di AlmaLinux, è anche disponibile uno script scritto in Bash chiamato “almalinux-deploy.sh“, che consente di passare dalla tua distribuzione CentOS ad AlmaLinux senza dovere reinstallare da zero la distribuzione.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su