6 Febbraio 2024

Le Politiche di Red Hat impediscono di generare pacchetti per CentOS.

Red Hat e l’impossibilità per i Kmod di CentOS, tra vincoli legali e restrizioni sul codice sorgente.

CentOS Wallpaper

Nell’ambito dell’ecosistema open source, le recenti mosse strategiche di Red Hat, una delle aziende pioniere nel settore del software libero, hanno scatenato un’ampia gamma di dibattiti, scelte strategiche e controversie. Questa analisi intende esplorare in profondità le modifiche apportate da Red Hat alla politica di distribuzione del proprio codice sorgente, le conseguenze di tali cambiamenti per la comunità open source, in particolare per il progetto CentOS, e l’emergere di OpenELA come risposta collettiva da parte di CIQ, SUSE e Oracle.

Il Cambiamento di Rotta di Red Hat

Red Hat ha recentemente rivisto la propria politica sulla distribuzione dei sorgenti, limitando l’accesso ai sorgenti esclusivamente attraverso CentOS Stream e rimuovendo l’accesso pubblico precedentemente disponibile. Questa decisione ha segnato una svolta significativa nell’approccio dell’azienda alla condivisione del codice sorgente, provocando un’ondata di reazioni all’interno dell’ecosistema open source.

La storica apertura di Red Hat verso la comunità open source ha sempre rappresentato un pilastro fondamentale della sua identità aziendale. Tuttavia, la nuova politica ha sollevato interrogativi sulla sostenibilità di tale apertura, soprattutto in relazione al progetto CentOS, tradizionalmente considerato il “fratello minore” di Red Hat Enterprise Linux (RHEL).

La Nascita di OpenELA

In risposta a questi cambiamenti, si è formata un’associazione denominata OpenELA, frutto della collaborazione tra CIQ, SUSE e Oracle. Questa iniziativa mira a facilitare la condivisione dei sorgenti compatibili con RHEL, offrendo una piattaforma alternativa per il mantenimento della trasparenza e dell’accessibilità nel mondo open source. OpenELA rappresenta un tentativo di preservare gli ideali di condivisione e collaborazione che hanno sempre caratterizzato la comunità open source, nonostante le sfide poste dalle nuove politiche di Red Hat.

L’Impatto su CentOS e il Dilemma del Kmod SIG

Giungiamo ora a un aggiornamento che potrebbe essere classificato come curiosamente bizzarro, se non addirittura ironico. Un recente post sul blog delle novità di gennaio 2024 del progetto CentOS – che esteriormente continua a proclamarsi indipendente – ha presentato una sezione denominata “Kmod SIG” con il seguente annuncio:

Due to changes in the way Red Hat releases Red Hat Enterprise Linux source code, the Kmods SIG is currently unable to produce packages for Red Hat Enterprise Linux for legal reasons. We are working with Red Hat to resolve this situation and hope to be able to provide packages for Enterprise Linux again as soon as possible.

A seguito delle modifiche apportate da Red Hat nel rilascio del codice sorgente di Red Hat Enterprise Linux, il gruppo Kmods SIG si trova attualmente nell’impossibilità di generare pacchetti per Red Hat Enterprise Linux a causa di vincoli legali. Siamo in dialogo con Red Hat per trovare una soluzione a questa problematica e auspichiamo di poter riprendere la fornitura di pacchetti per Enterprise Linux nel minor tempo possibile.

Se vi state chiedendo con perplessità “Non dovrebbe CentOS essere una costola di Red Hat?”, sappiate che la vostra confusione ed i vostri dubbi sono largamente condivisi.

Lo Special Interest Group (SIG) Kmods, all’interno del progetto CentOS, si dedica allo sviluppo e alla manutenzione di moduli del kernel aggiuntivi (kmods), essenziali per il supporto di driver specifici o per implementare funzionalità assenti nel kernel standard.

Attualmente, l’elaborazione di questi moduli è ostacolata dalla difficoltà di accesso ai sorgenti del kernel da parte degli sviluppatori dei SIG, a causa delle politiche restrittive imposte dai sorgenti stessi di Red Hat Enterprise Linux. Di conseguenza, il contributo vitale che questi sviluppatori dovrebbero fornire per integrare tali driver e funzionalità in Red Hat Enterprise Linux è inibito dalle politiche sui sorgenti imposte da Red Hat.

Questo scenario paradossale è stato evidenziato da Phoronix, rivelando che altri SIG, come quello dedicato a Hyperscale, hanno optato per basare le loro build del kernel Linux su Fedora, piuttosto che su RHEL.

Così facendo, oltre a perseguire il suo scopo primario – complicare l’esistenza dei cloni di RHEL – Red Hat si è paradossalmente trovata a navigare in acque turbolente causate dalle proprie politiche, complicando involontariamente anche il proprio percorso di innovazione e supporto tramite il progetto CentOS.

Conclusioni e Prospettive Future

La decisione di Red Hat di modificare la propria politica sui sorgenti ha indubbiamente scosso il panorama open source, sollevando questioni fondamentali sul futuro della collaborazione e della condivisione nel settore. Sebbene Red Hat mantenga una posizione di predominanza, le conseguenze a lungo termine di queste scelte rimangono da valutare. L’emergere di OpenELA come entità collaborativa dimostra la resilienza e l’adattabilità della comunità open source di fronte alle sfide poste da cambiamenti significativi nelle politiche aziendali.

La situazione attuale pone in evidenza la necessità di un dialogo continuo tra le aziende leader nel settore open source e la vasta comunità di sviluppatori, utenti e aziende che dipendono da queste tecnologie. Solo attraverso la collaborazione e il rispetto reciproco sarà possibile navigare le acque turbolente dei cambiamenti nel mondo del software libero, assicurando che l’innovazione e la condivisione rimangano al centro dell’ecosistema open source.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto