17 Dicembre 2022

Performance Lab Plugin spinge per aggiungere un nuovo modulo di integrazione SQLite sperimentale nella prossima versione di 1.8.0

WordPress e SQLite come backend al posto del solito MySQL come alternativa per siti snelli e senza troppe pretese.

Performance Lab Plugin

I contributori del Performance Team di WordPress hanno unito un nuovo modulo sperimentale di integrazione SQLite che è sulla buona strada per essere incluso nella prossima versione 1.8.0 del plug -in Performance Lab. (Questo è il plug-in che contiene una raccolta di plug-in di funzionalità con moduli relativi alle prestazioni che il team spera di inserire nel core di WordPress.) Il nuovo modulo consente agli avventurosi di testare la nuova implementazione di SQLite, con la consapevolezza che l’esperienza utente complessiva continuerà essere ruvido.

SQLite è un motore di database. È un software che consente agli utenti di interagire con un database relazionale. In SQLite, un database è archiviato in un singolo file, una caratteristica che lo distingue da altri motori di database. Questo fatto consente una grande accessibilità: copiare un database non è più complicato che copiare il file che memorizza i dati, condividere un database può significare inviare un allegato di posta elettronica.

sqlite VS MySQL Schema

In una proposta intitolata Facciamo in modo che WordPress supporti ufficialmente SQLite , Ari Stathopoulos, collaboratore principale sponsorizzato da Yoast, sostiene che i siti meno complessi (siti e blog di piccole e medie dimensioni) non beneficiano necessariamente del requisito di utilizzare il database MySQL standard di WordPress:

All’estremità inferiore del parco utenti di WordPress, ci sono siti piccoli e semplici. Questi sono numerosi e consistono in tutti i blog, pagine aziendali e siti che non hanno migliaia di utenti o migliaia di post, ecc. Questi siti Web non hanno sempre bisogno delle complessità di un database MySQL/MariaDB. Il requisito di un server MySQL dedicato aumenta i costi di hosting e la complessità dell’installazione. Sui server di fascia bassa, riduce anche le prestazioni poiché la stessa “scatola” deve soddisfare sia un server PHP che un server MySQL/MariaDB.

In un mondo ideale, gli utenti potrebbero selezionare il tipo di database durante l’installazione. Stathopoulos ha affermato che ciò richiederebbe a WordPress di avere un livello di astrazione del database, che altre piattaforme come Drupal hanno avuto più di 10 anni.

Costruire un livello di astrazione del database per WordPress sarebbe un compito colossale, anche se potrebbe essere uno che, a un certo punto in futuro, potremmo dover intraprendere per garantire la continua evoluzione e la longevità del progetto

ha affermato.

In alternativa, Stathopoulos vede SQLite come una “misura perfetta” e ha citato i vantaggi dell’utilizzo per siti Web più piccoli:

  • È il database più utilizzato al mondo
  • È multipiattaforma e può essere eseguito su qualsiasi dispositivo
  • È incluso per impostazione predefinita in tutte le installazioni PHP (a meno che non sia esplicitamente disabilitato)
  • I requisiti minimi di WordPress sarebbero un semplice server PHP, senza la necessità di un server di database separato.
  • Il supporto SQLite consente di ridurre i costi di hosting, riduce il consumo di energia e abbassa i costi delle prestazioni sui server di fascia bassa.

Questo nuovo modulo di integrazione SQLite si basa sul  plug-in wp-db-sqlite  , un drop-in del driver del database SQLite utilizzato anche dal progetto WordPress Sandbox , poiché WASM non supporta MySQL. Il plugin wp-db-sqlite era basato sul lavoro originale di Kojima Toshiyasu nel suo plugin SQLite Integration di otto anni fa , che non è più disponibile per il download su WordPress.org. Stathopoulos ha affermato che queste soluzioni si sono evolute nel corso degli anni, sono state accuratamente testate e hanno dimostrato di funzionare senza problemi, sebbene non siano ben note tra gli utenti.

Matt Mullenweg

Matt Mullenweg ha commentato a sostegno della proposta, quindi l’implementazione che si sposta nel plug-in Performance Lab potrebbe avere una buona possibilità di atterrare nel core un giorno in futuro. La maggior parte dei partecipanti alla discussione sulla proposta ha sostenuto l’idea, ma ha anche discusso alcuni dei potenziali inconvenienti. Questi includono un supporto più scarso per cose come l’editing multi-autore e la ricerca.

MySQL è e dovrebbe continuare ad essere l’impostazione predefinita perché se hai l’aspirazione di essere la prossima grande novità, allora MySQL può scalare meglio. Se invece vuoi solo un blog, un sito aziendale con la tua pagina about e un modulo di contatto per avere una presenza online, o qualsiasi tipo di piccolo sito (che è probabilmente la maggior parte dei siti su WordPress) allora SQLite è tutto ciò che ti serve avrà mai bisogno e funzionerà molto meglio.

ha affermato Stathopoulos.

Alcuni partecipanti alla discussione si sono anche irritati per il controverso codice etico religioso che SQLite detiene per i suoi contributori. Stathopoulos lo vede come un non problema perché il progetto è open source e la tecnologia è ampiamente utilizzata.

La sua popolarità la dice lunga su cosa può fare e dove può essere utilizzato“, ha detto in risposta alle critiche all’idea di legare WordPress a un progetto con un discutibile codice etico.

Se hai utilizzato WordPress fin dai primi giorni, hai visto che è diventato più complicato nel corso degli anni. Le discussioni sull’idea di un ” WordPress Lite ” sono spuntate ogni pochi anni, ma la selezione specifica di funzionalità della piattaforma sembra essere stata un fattore importante per WordPress che alimenta il 43% del web (secondo W3Techs ). Il fondatore di NerdPress Andrew Wilder ha suggerito che un’implementazione di SQLite potrebbe trarre vantaggio dall’essere marchiata come “WordPress Lite“.

Leggendo i commenti e i potenziali problemi di cui sopra, se questo dovesse andare avanti, forse il modo per implementarlo in un modo che abbia senso per gli utenti sarebbe marchiarlo contemporaneamente come ‘WordPress Lite’ Quindi, se un sito utilizza SQLite, potrebbero esserci funzionalità che semplicemente non sono più disponibili (come autori multipli o forse plug-in che hanno determinati requisiti di database non possono essere installati).

Ha detto Wilder.

Coloro che sono interessati a testare il nuovo modulo di integrazione SQLite dovrebbero essere in grado di testarlo la prossima settimana. Felix Arntz, collaboratore del Performance Team sponsorizzato da Google, ha fornito alcune note sui test durante la riunione del team di ieri:

Per l’implementazione di SQLite, oltre al corretto funzionamento del DB SQLite da solo, un altro aspetto cruciale da testare è l’esperienza dell’utente sull’attivazione del modulo. Otterrai un database completamente nuovo, ma abbiamo aggiunto una logica per rendere la transizione il più semplice possibile: in una configurazione tipica di WordPress, non dovresti aver bisogno di reinstallare WordPress da solo quando abiliti il modulo, e non dovresti anche essere necessario per accedere di nuovo.

Fondamentalmente il PR ha la logica per installare WordPress automaticamente nel nuovo database, utilizzando gli stessi dati di configurazione di base presenti nel database normale.

Tieni presente che non si tratta affatto di una migrazione. È solo l’installazione che otterrai; nessun contenuto verrà migrato.

La versione 1.8.0 del plug-in Performance Lab è prevista per lunedì 19 dicembre e includerà il nuovo modulo.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Scroll to Top