24 Maggio 2023

Perché le Web performance sono ancora più importanti nel 2023

Esplorando il Ruolo Cruciale della Performance Web nel Migliorare l’Esperienza Utente e Guidare il Successo Aziendale nel 2023

La comunità della performance web afferma spesso che “la performance è importante”, ma perché lo è? Veramente importa? Quali sono le ragioni? Che tu sia nuovo a questo argomento o voglia capire meglio gli argomenti, questo articolo è per te.

La performance è importante principalmente perché migliora l’esperienza utente. Questa ragione fondamentale guida tutte le altre. È per questo che Google ha aggiunto i dati di performance ai loro risultati dei motori di ricerca. Siti web più veloci significano risultati aziendali migliori, così come migliori risultati sociali e ambientali. Andiamo a scavare nei dettagli…

1. La performance migliora l’esperienza utente

Esperienza-Utente-sito-lento

Hai mai notato quanto tempo passi ad aspettare che un sito web si carichi? Potrebbe sembrare una domanda banale, ma la velocità di caricamento di una pagina web può avere un impatto significativo sulla tua esperienza come utente. Non appena il tempo di attesa supera pochi secondi, potresti iniziare a sentirti frustrato o addirittura decidere di abbandonare la pagina.

Ecco perché la performance web è così importante. La sua finalità primaria è migliorare l’esperienza utente sul web, rendendo le pagine web più veloci e reattive. Google, riconoscendo l’importanza di questo aspetto, ha introdotto i Core Web Vitals, un set di metriche destinate a misurare la qualità dell’esperienza utente. Queste soglie sono state stabilite basandosi su ricerche scientifiche sull’interazione uomo-computer, che evidenziano quanto segue:

  • Gli esseri umani iniziano a perdere concentrazione quando il tempo di attesa supera l’intervallo di 0,3-3 secondi.
  • Gli utenti percepiscono un’interazione come immediata se la risposta avviene in meno di 0,1 secondi. Se la risposta richiede più di 0,3 secondi, l’esperienza risulta invece insoddisfacente.

Tuttavia, l’esperienza utente sul web è un fenomeno complesso, influenzato da molteplici fattori e variabili. Per approfondire la comprensione di questi aspetti, ti consigliamo di consultare “The Science Behind Web Vitals“, una risorsa che analizza in dettaglio le ricerche scientifiche relative all’esperienza utente online.

Strumenti come Lighthouse e PageSpeed Insights hanno svolto un ruolo fondamentale nel sensibilizzare le persone sull’importanza della performance web. Tuttavia, quando si tratta di ottimizzare la performance del tuo sito, potrebbe essere più utile concentrarsi sui dati reali degli utenti (RUM, Real User Metrics) piuttosto che su misurazioni sintetiche. Ad esempio, il Chrome User Experience Report fornisce dati dettagliati sulle prestazioni dei siti web basati su esperienze reali di utenti, permettendoti di capire meglio come migliorare le prestazioni del tuo sito in base alle esigenze dei tuoi utenti.

La realtà e la percezione non sono uguali

La storia del problema del ritiro dei bagagli all’aeroporto di Houston è diventata un aneddoto famoso nel mondo della performance e dell’esperienza utente, illustrando come la percezione può a volte essere più importante della realtà.

Tutto ebbe inizio quando l’aeroporto di Houston ricevette numerose lamentele da parte dei passeggeri riguardo al tempo di attesa eccessivo per il ritiro dei bagagli. L’amministrazione dell’aeroporto, nel tentativo di risolvere il problema, migliorò il processo di smistamento dei bagagli fino a raggiungere i tempi standard dell’industria aeroportuale. Nonostante queste migliorie, però, le lamentele non diminuirono.

Perplessi, i responsabili dell’aeroporto decisero di osservare con più attenzione il percorso degli utenti, confrontandolo con quello di altri aeroporti. Scoprirono così che, a differenza di altri aeroporti, il tempo di cammino dal gate al ritiro bagagli era molto più breve a Houston. Ciò significava che i passeggeri arrivavano rapidamente all’area di ritiro bagagli e dovevano poi aspettare che le valigie arrivassero.

La soluzione trovata dall’amministrazione dell’aeroporto fu sorprendentemente non convenzionale: invece di cercare di velocizzare ulteriormente il processo di smistamento dei bagagli, decisero di aumentare la distanza tra i gate di arrivo e l’area di ritiro bagagli, creando un percorso a piedi più lungo. Così facendo, il tempo di attesa percepito dai passeggeri si ridusse, nonostante il tempo totale dallo sbarco al ritiro del bagaglio fosse rimasto invariato. Di conseguenza, le lamentele diminuirono.

Questa storia illustra il concetto che spesso la psicologia della fila è più importante delle statistiche dell’attesa stessa. O, come ha osservato Richard Larson, un ricercatore operativo del MIT, “il tempo occupato” è meno doloroso del “tempo inoccupato”. Dimostra come la percezione dell’utente non sia sempre la stessa della realtà e come, a volte, le soluzioni più efficaci possano essere quelle che si concentrano sull’esperienza percepita dell’utente piuttosto che sulla realtà oggettiva.

Spesso la psicologia della coda è più importante delle statistiche dell’attesa in sé.
–Richard Larson, ricercatore di operazioni al MIT

2. La performance porta a migliori risultati aziendali

Non lasciare che la performance web rallenti la tua attività.
Quando gli utenti sono felici, sono meno propensi ad abbandonare la tua pagina prima di terminare il lavoro per cui sono venuti sul tuo sito web. Che si tratti di acquistare un nuovo articolo, iscriversi a un abbonamento, o qualsiasi cosa costituisca una “conversione” per te.

Yelp ha ridotto il First Contentful Paint (75° percentile) del 45% e Yelp Page Complete (75° percentile) del 25% e ha visto un miglioramento del 15% nel tasso di conversione.
–Riportato su WPOstats.com

Innumerevoli case study sono stati pubblicati che collegano la performance web e metriche aziendali chiave come il tasso di rimbalzo e le conversioni. Puoi vedere molti esempi di soundbite su WPOstats.com.

Come la performance impatta l’SEO

I motori di ricerca cercano di offrire i migliori risultati di contenuto per un utente. Google considera come un utente sperimenta un sito web per contribuire alla qualità di quel contenuto. Quindi, nel 2021, hanno aggiunto i dati di performance web al loro algoritmo di classificazione dei motori di ricerca. In particolare, misurano i Core Web Vitals.

Non sappiamo esattamente come la performance impatta il posizionamento nei motori di ricerca, ma il contenuto è ancora il re. Se la qualità del tuo contenuto fosse superiore ai siti web concorrenti, potresti essere meno influenzato. Tuttavia, per due siti con una qualità del contenuto vicina all’equivalente, quello più veloce ha più probabilità di essere classificato più in alto. La lezione qui è non lasciare che la performance web sia la ragione per cui sei classificato più in basso.

3. La performance aumenta l’equità e l’accesso

World Interconnected

Sia a livello globale che locale, non tutti hanno accesso a dispositivi di fascia alta e reti veloci.

Quando costruiamo il mondo digitale ai limiti dei migliori dispositivi, costruiamo un mondo meno utilizzabile per l’80+% degli utenti del mondo.
–Alex Russell, partner product manager di Microsoft Edge

Esiste un grande divario tra i dispositivi mobili più veloci e tutti gli altri. Mentre i telefoni di fascia alta continuano a spingere il limite sulle velocità di elaborazione, i telefoni di fascia media e bassa sono appena migliorati o addirittura stagnati. Questo significa che la maggior parte del mercato non sta vedendo gli stessi miglioramenti di quelli alle estremità più alte che possono permettersi telefoni da 1000 Euro.

Inoltre, non tutti hanno accesso a velocità di connessione veloci e affidabili. Allontanandosi dalle aree densamente popolate, questo problema è piuttosto comune.

Se vuoi approfondire i dati dietro questo, dai un’occhiata a The Mobile Performance Inequality Gap, 2021 di Alex Russell.

Le tue analisi sono sbagliate

Potresti non esserne consapevole, ma molte cose devono succedere prima che i dati di analisi vengano inviati. Questo significa che i tuoi dati contengono un “bias di sopravvivenza”:

Gli utenti che hanno le peggiori esperienze sono probabilmente rimbalzi fantasma: non appaiono nelle tue analisi o nei tuoi strumenti di intelligence perché non rimangono abbastanza a lungo perché l’app si carichi e le analisi si attivino.
–Simon Hearne, esperto di performance web

Nel suo articolo molto illuminante “Survivor Bias in Web Performance“, Simon Hearne, un esperto di performance web, condivide alcuni dati estremamente utili provenienti da Chrome. Questi dati mostrano una correlazione inequivocabile tra i tempi di caricamento più lunghi del First Contentful Paint (FCP) e un aumento nei tassi di abbandono del sito. Il First Contentful Paint, o FCP, si riferisce al momento in cui il primo contenuto di una pagina web – come testo, immagini o qualsiasi altro elemento visivo – viene effettivamente visualizzato. In sostanza, se il tuo sito impiega troppo tempo per mostrare contenuti utili agli utenti, è molto probabile che questi ultimi lo abbandonino prima di completare qualsiasi azione.

È importante notare che queste esperienze di abbandono non vengono tracciate nei tuoi strumenti di analisi standard. Questo crea quello che è conosciuto come “survivorship bias” nei tuoi dati. Gli utenti che hanno le esperienze peggiori – coloro che abbandonano prima che la pagina sia caricata e che l’analisi abbia il tempo di registrare la loro presenza – non appaiono affatto nei tuoi dati. Ciò distorce la tua visione dell’esperienza degli utenti sul tuo sito, facendoti pensare che le cose vadano meglio di quanto non lo siano realmente.

Un modo per affrontare questo problema è ottimizzare il tuo sito per quegli utenti che si trovano nella “coda più lunga” di cattive prestazioni – quelli con connessioni internet più lente o dispositivi meno potenti. Portando questi utenti sul tuo sito e migliorando la loro esperienza, è possibile aumentare il tuo pubblico complessivo e, potenzialmente, le tue conversioni totali.

Tuttavia, Simon sottolinea un’importante conseguenza inaspettata di questo approccio. Quando inizi a ottenere più traffico da dispositivi e reti di fascia bassa, potresti notare che le tue metriche di performance apparentemente peggiorano. Ma, nonostante possa sembrare controintuitivo, in questi casi una riduzione delle metriche non è necessariamente una cosa negativa. Infatti, anche se le tue metriche possono sembrare peggiorare, la performance per ogni singolo utente potrebbe effettivamente essere più veloce rispetto a prima. E, cosa più importante, aumentando l’accessibilità del tuo sito a un pubblico più ampio, hai la possibilità di aumentare le tue conversioni totali, portando a un risultato complessivamente positivo.

4. La performance può rendere il web più green

Il costo ambientale del web e la nostra dipendenza dai dispositivi mobili sono più grandi di quanto potresti pensare. La sostenibilità è più complessa del solo consumo di energia, ma le statistiche possono essere difficili da trovare. Tuttavia, se guardiamo solo al consumo di energia, si stima che le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) rappresentassero fino al 7% dell’elettricità globale nel 2020 (fonte).

Riducendo la quantità di energia di cui un dispositivo ha bisogno per un utente per caricare e utilizzare il tuo sito web, puoi contribuire a un web più verde e a una maggiore durata della batteria. Ad esempio, l’elaborazione di JavaScript è più costosa rispetto a qualsiasi altro tipo di risorsa. Inoltre, il video consuma più energia delle immagini. Infine, ottimizzando per l’esperienza utente in modo che un utente possa completare un compito più velocemente, risultando in meno tempo totale di schermo, si può ridurre notevolmente il consumo di energia di una singola sessione, specialmente quando eseguita su grandi monitor o su reti più lente.

Conclusione

Riassumendo, l’importanza della performance web non può essere sottovalutata. Un sito web veloce e ben progettato non solo riduce le frustrazioni dell’utente, ma anche migliora in maniera significativa l’esperienza utente. Una migliore esperienza utente porta direttamente a un calo del tasso di abbandono del sito e ad un incremento delle conversioni, due fattori che influiscono direttamente sulla prosperità e sul successo della tua attività.

Allo stesso modo, la performance web ha un impatto diretto sulla visibilità del tuo sito web sui motori di ricerca. Un sito web veloce e ottimizzato viene considerato di maggiore qualità dai motori di ricerca, in particolare Google, che ne tiene conto nell’ambito del suo algoritmo di classificazione. Questo significa che un buon livello di performance web può aiutarti a posizionarti più in alto nei risultati di ricerca, aumentando ulteriormente la visibilità del tuo sito.

Ma i benefici della performance web non si limitano a questi. Un sito web più veloce e reattivo è anche più accessibile, particolarmente per quegli utenti che utilizzano dispositivi più datati o che hanno a disposizione connessioni internet più lente. In un mondo sempre più digitalizzato, garantire un accesso equo e inclusivo al web è un imperativo etico, e la performance web può svolgere un ruolo fondamentale in questo senso.

Infine, c’è un altro aspetto spesso trascurato ma non meno importante: un sito web più veloce può contribuire a ridurre il consumo energetico globale, rendendo il web un luogo un po’ più verde. Ogni operazione che un dispositivo deve eseguire per caricare una pagina web richiede energia; riducendo il numero di queste operazioni, possiamo limitare il consumo energetico e la produzione di CO2.

Per tutte queste ragioni, la performance web è un fattore cruciale nel 2023, più che mai. Se desideri saperne di più su come migliorare la performance del tuo sito web, ci sono molte risorse disponibili online. Le linee guida ufficiali di Google per le performance web possono essere un ottimo punto di partenza, ma ci sono anche numerosi blog e forum specializzati che possono offrire consigli utili e approfondimenti. La performance web è un campo in continua evoluzione, ed è importante mantenere la propria conoscenza aggiornata per rimanere competitivi.

Se stai cercando supporto per migliorare le performance del tuo sito contattaci pure, saremmo lieti di offrire il nostro contributo per rendere il tuo sito web più veloce, scattante e profittevole.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna in alto