10 Luglio 2023

Oracle si impegna a continuare a rendere Oracle Linux compatibile con RHEL

Implicazioni dell’accesso limitato alle fonti di RHEL: Il Ruolo di Oracle e il Futuro dell’Open Source

In seguito alla sorprendente decisione lo scorso mese da parte di IBM di iniziare a limitare l’accesso alle fonti di Red Hat Enterprise Linux, AlmaLinux si è rapidamente messa al lavoro per trovare una strada da seguire e Rocky Linux ha anche condiviso alcune idee su come potrebbe continuare a fornire una distribuzione Linux compatibile con RHEL. Abbiamo aspettato che Oracle commentasse i suoi piani per la distribuzione di Oracle Linux compatibile con RHEL e oggi hanno finalmente rilasciato una dichiarazione.

C’è un comunicato stampa di Oracle oggi intitolato “Manteniamo Linux aperto e gratuito: non possiamo permetterci di non farlo“. Il comunicato è stato rilasciato da Edward Screven, Chief Corporate Architect di Oracle, e Wim Coekaerts, responsabile dello sviluppo di Oracle Linux.

Oracle fa parte della comunità Linux da 25 anni. Il nostro obiettivo è rimasto lo stesso in tutti questi anni: contribuire a rendere Linux il miglior sistema operativo per server per tutti, liberamente disponibile a tutti, con un supporto di alta qualità e a basso costo fornito a chi ne ha bisogno.

Il nostro team di ingegneri Linux contribuisce in modo significativo al kernel, ai file system e agli strumenti. Riportiamo tutto questo lavoro alla mainline in modo che ogni distribuzione Linux possa includerlo. Siamo orgogliosi che questi contributi siano parte del motivo per cui Linux è ora così capace, beneficiando non solo i clienti Oracle, ma tutti gli utenti.

Nel 2006, abbiamo lanciato quella che oggi si chiama Oracle Linux, una distribuzione e un’offerta di supporto compatibili con RHEL che vengono utilizzate ampiamente e alimentano i sistemi ingegnerizzati di Oracle e la nostra infrastruttura cloud. Abbiamo scelto di essere compatibili con RHEL perché non volevamo frammentare la comunità Linux. Il nostro sforzo per rimanere compatibili è stato enormemente di successo. In tutti gli anni successivi al lancio, abbiamo avuto quasi nessun bug di compatibilità segnalato. I clienti e gli ISV possono passare a Oracle Linux da RHEL senza modificare le loro applicazioni, e certifichiamo i prodotti software Oracle su RHEL anche se sono costruiti e testati solo su Oracle Linux, mai su RHEL.

Mentre Oracle e IBM hanno distribuzioni Linux compatibili, abbiamo idee molto diverse riguardo alle nostre responsabilità come custodi del codice open source e riguardo all’operare secondo la GPLv2. Oracle ha sempre reso disponibili gratuitamente a tutti i binari e il codice sorgente di Oracle Linux. Non abbiamo accordi di abbonamento che interferiscono con i diritti di un abbonato di redistribuire Oracle Linux. D’altra parte, gli accordi di abbonamento IBM specificano che si è in violazione se si utilizzano quei servizi di abbonamento per esercitare i propri diritti GPLv2. E ora, dal 21 giugno, IBM non rilascia più pubblicamente il codice sorgente di RHEL.

Perché IBM ha apportato questa modifica? Bene, se leggete il blog di IBM che tenta di spiegare la sua motivazione, si riduce a questo:

Da Red Hat, migliaia di persone spendono il loro tempo a scrivere codice per abilitare nuove funzionalità, risolvere bug, integrare diversi pacchetti e poi supportare quel lavoro per molto tempo… Dobbiamo pagare le persone per fare quel lavoro. Interessante. IBM non vuole continuare a rilasciare pubblicamente il codice sorgente di RHEL perché deve pagare i suoi ingegneri? Sembra strano, dato che Red Hat, come azienda open source indipendente di successo, ha scelto di rilasciare pubblicamente il codice sorgente di RHEL e pagare i suoi ingegneri per molti anni prima che IBM acquisisse Red Hat nel 2019 per 34 miliardi di dollari.

Il blog continua a parlare di CentOS. Non è una sorpresa che CentOS fosse al centro dell’attenzione dell’autore che cercava di giustificare la ritenzione del codice sorgente di RHEL. CentOS era una distribuzione compatibile con RHEL molto popolare e gratuita. Nel dicembre 2020, IBM l’ha effettivamente uccisa come alternativa gratuita a RHEL. Due nuove alternative a RHEL sono nate al posto di CentOS: AlmaLinux e Rocky Linux. Ora, trattenendo il codice sorgente di RHEL, IBM li ha attaccati direttamente.

E forse questa è la vera risposta alla domanda del perché: eliminare i concorrenti. Meno concorrenti significa più opportunità di reddito per IBM.

Per quanto riguarda Oracle, continueremo a perseguire il nostro obiettivo per Linux in modo trasparente e aperto come abbiamo sempre fatto, minimizzando la frammentazione. Continueremo a sviluppare e testare i nostri prodotti software su Oracle Linux. Oracle Linux continuerà ad essere compatibile con RHEL nella misura in cui possiamo renderla tale. In passato, l’accesso di Oracle al codice sorgente pubblicato da RHEL è stato importante per mantenere tale compatibilità. Da un punto di vista pratico, crediamo che Oracle Linux rimarrà tanto compatibile quanto lo è sempre stata fino alla release 9.2, ma dopo potrebbe esserci una maggiore possibilità che sorga un problema di compatibilità. Se un’incompatibilità dovesse influire su un cliente o un ISV, Oracle lavorerà per risolvere il problema.

Vogliamo sottolineare agli sviluppatori, ai clienti e ai distributori di Linux che Oracle è impegnata per la libertà di Linux. Oracle fa la seguente promessa: finché Oracle distribuirà Linux, Oracle renderà pubblici e liberamente disponibili i binari e il codice sorgente di tale distribuzione. Inoltre, Oracle accoglie con favore le distribuzioni downstream di ogni tipo, comunitarie e commerciali. Siamo felici di lavorare con i distributori per facilitare quel processo, lavorare insieme sul contenuto di Oracle Linux e garantire che i prodotti software Oracle siano certificati sulla vostra distribuzione.

A proposito, se sei uno sviluppatore di Linux che non è d’accordo con le azioni di IBM e credi nella libertà di Linux come noi, stiamo assumendo.

Un’osservazione per gli ISV: le azioni di IBM non sono nel vostro interesse. Uccidendo CentOS come alternativa a RHEL e attaccando AlmaLinux e Rocky Linux, IBM sta eliminando un modo in cui i vostri clienti risparmiano denaro e rendono disponibile una quota maggiore del loro budget per voi. Se non supportate ancora il vostro prodotto su Oracle Linux, saremmo felici di mostrarvi quanto è facile. Date ai vostri clienti più scelta.

Infine, a IBM, ecco una grande idea per voi. Dite che non volete pagare tutti quegli sviluppatori di RHEL? Ecco come potete risparmiare denaro: prendete da noi. Diventate un distributore downstream di Oracle Linux. Saremo felici di assumerci l’onere.

Alcune delle migliori parole che ho sentito da Oracle in anni. Non hanno la miglior storia considerando come hanno chiuso lo sviluppo di OpenSolaris, ma almeno per quanto riguarda Oracle Linux stanno facendo del bene.

La decisione di IBM di limitare l’accesso alle fonti di Red Hat Enterprise Linux ha sollevato preoccupazioni su come l’industria del software open-source potrebbe essere influenzata. Oracle, con la sua dichiarazione, ha cercato di rassicurare la comunità Linux, promettendo la continuità della compatibilità di Oracle Linux con RHEL e ribadendo il suo impegno per l’open source. Questo è un segnale significativo, dato il ruolo critico che Linux gioca nell’infrastruttura informatica globale.

Tuttavia, le implicazioni della mossa di IBM vanno oltre la compatibilità tra diverse distribuzioni di Linux. Potrebbe aprire la strada a un dibattito più ampio sull’equilibrio tra le esigenze commerciali e il rispetto dei principi open source. Inoltre, potrebbe influire sulle decisioni delle aziende relative alle scelte tecnologiche e alla gestione dei loro ambienti IT.

Oracle RHEL

Sebbene la risposta di Oracle offra una certa rassicurazione, la situazione complessiva evidenzia la necessità di un continuo dialogo e collaborazione nella comunità open source. Le questioni di accesso, diritti di utilizzo e distribuzione del software open source possono avere un impatto significativo non solo sugli sviluppatori e le aziende IT, ma anche sui consumatori e le organizzazioni che si affidano a queste tecnologie. La comunità open source dovrà affrontare queste sfide per assicurare che il modello open source rimanga resiliente, inclusivo e in grado di offrire soluzioni efficaci per le esigenze mutevoli dell’industria IT.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto