18 Luglio 2023

L’Importanza della Transizione a IPv6

La transizione da IPv4 a IPv6: capire l’importanza e l’urgenza di questa evoluzione per garantire un futuro di connettività Internet più efficiente, sicuro e sostenibile

IPv6

Internet Protocol version 6, o IPv6, rappresenta l’ultima evoluzione nel mondo dei protocolli di comunicazione che governano il traffico internet. In confronto alla sua precedente incarnazione, IPv4, una delle sue caratteristiche più notevoli è l’uso di indirizzi IP lunghe 128 bit invece dei 32 bit utilizzati da IPv4. Questa espansione consente ad IPv6 di gestire un numero quasi infinito di indirizzi IP, fornendo una soluzione efficace all’insufficienza di IPv4 per far fronte all’incremento esponenziale della domanda di connettività internet.

Inoltre, IPv6 arricchisce la sfera dell’interazione online incorporando nuove funzionalità per la sicurezza e la gestione del traffico, aspetti che erano mancanti o inadeguati in IPv4. Nonostante ciò, la transizione da IPv4 a IPv6 ha mostrato un avanzamento piuttosto graduale e lento, principalmente a causa di questioni relative alla compatibilità con il vecchio protocollo e alla necessità di aggiornare l’infrastruttura di rete esistente.

Per oltre due decenni, l’adozione di IPv6 è rimasta un tema ricorrente nel panorama della rete. Nonostante si sia riscontrata una crescita costante nella sua adozione, siamo ancora a una distanza considerevole dal raggiungere un supporto pieno e diffuso per questa nuova generazione di indirizzi IP.

IPv4 VS IPv6

IPv6, con la sua promessa di maggiore efficienza, scalabilità e sicurezza, rischia di vedere la sua adozione rallentata a causa di una serie di sfide e resistenze. Tra queste, una delle più significative è la necessità di cambiare, almeno in parte, la concezione stessa della rete. Questo implica un approfondimento e un’espansione delle conoscenze riguardo le dinamiche di funzionamento delle reti. Tuttavia, una volta assimilato il funzionamento di IPv6, si rivela più logico e pratico del suo predecessore IPv4.

IPv6 mette in discussione le convinzioni consolidate di molti professionisti del settore che hanno considerato la tecnologia di Network Address Translation (NAT) come un baluardo di protezione per la rete locale. Tuttavia, la realtà è che la sicurezza di una Local Area Network (LAN) non può essere garantita solamente attraverso l’uso del NAT. Alcuni tecnici, a causa delle preoccupazioni legate alla sicurezza, scelgono di disabilitare l’IPv6, credendo che possa causare più problemi che benefici. Questo tipo di atteggiamento dimostra una mancanza di una conoscenza adeguata e approfondita della gestione dell’IPv6.

Nel frattempo, gli indirizzi IPv4 sono quasi completamente esauriti e i pochi che restano vengono venduti sul mercato a prezzi esorbitanti. Fornitori di servizi come Hetzner e OVH hanno incrementato i loro costi per gli indirizzi IP, influenzando ulteriormente le dinamiche di gestione. Di contro, l’IPv6, con la sua efficienza e adattabilità al moderno mondo interconnesso, offre una riserva di indirizzi praticamente illimitata.

Tuttavia, l’adozione dell’IPv6 non è esente da problemi. Ad esempio, una delle sfide introdotte da IPv6 è la raggiungibilità diretta di tutti i dispositivi attraverso il routing diretto (senza NAT), il che enfatizza l’importanza dei firewall nella gestione della sicurezza della rete. Capire le dinamiche delle reti e delle sottoreti diventa più importante che mai e, data la lunghezza degli indirizzi IPv6, diventa quasi impossibile memorizzarli a memoria.

Purtroppo, molti operatori non comprendono ancora appieno il funzionamento di IPv6 e la quantità pressoché infinita di indirizzi disponibili. Assegnando “solo” una /64, limitano le potenzialità di utilizzo di IPv6, mentre un’assegnazione di una /48 o una /56 permetterebbe la creazione di innumerevoli sottoreti /64, facilitando l’uso dello Stateless Address Autoconfiguration (SLAAC) per i dispositivi connessi. Probabilmente, gli operatori temono di ripetere gli errori commessi con l’IPv4, quando venivano assegnate ampie quantità di indirizzi che poi hanno portato alla loro attuale scarsità. Fortunatamente, l’IPv6, grazie al suo spazio di indirizzamento così vasto, ci libera da preoccupazioni simili, anche in caso di uno spreco di indirizzi su larga scala.

Per accelerare l’adozione di IPv6 e sfruttare appieno i suoi vantaggi, dobbiamo spingere per una sua implementazione più capillare e rapida. È fondamentale apprendere come utilizzarlo correttamente e abbandonare i vecchi criteri (spesso errati) legati alle limitazioni tecniche di IPv4. In questo modo, la qualità delle reti migliorerà, l’ottimizzazione sarà più efficace e tutti ne trarranno beneficio.

Pertanto, è essenziale superare le resistenze e le paure associate all’IPv6, formare adeguatamente i tecnici e rimanere costantemente aggiornati sulle novità. Solo così potremo garantire un futuro più efficiente, sicuro e sostenibile per le nostre reti e i dispositivi connessi. La transizione a IPv6 è ormai un imperativo ineludibile e la nostra risposta a questa sfida determinerà la forma e la funzionalità del futuro della connettività Internet.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto