Lighthouse VS Core Web Vitals. Cosa sono e quali sono le differenze ? - 🏆 Managed Server
18 Agosto 2023

Lighthouse VS Core Web Vitals. Cosa sono e quali sono le differenze ?

Comprendere analogie e differenze tra Google Lighthouse e Google Core Web Vitals.

Nell’era digitale, la performance di un sito web è fondamentale. Non solo per offrire un’esperienza utente fluida, ma anche per assicurarsi che il sito possa competere efficacemente nel vasto mondo online. In questo contesto, termini come “Lighthouse” e “Core Web Vitals” sono spesso usati nel mondo del web. Tuttavia, nonostante siano entrambi legati alle performance web e siano entrambi prodotti di Google, non sono la stessa cosa. Molto spesso, si tende a fare confusione tra questi due termini, usando l’uno al posto dell’altro. Questo post ha lo scopo di chiarire cosa sono Lighthouse e Core Web Vitals e di evidenziare le loro differenze.

Lighthouse di Google: Una visione completa delle performance del tuo sito

Lighthouse nasce da un’idea molto semplice ma potente: fornire agli sviluppatori gli strumenti necessari per creare siti web di alta qualità. Google ha riconosciuto l’importanza crescente di avere pagine web che non solo siano veloci, ma anche accessibili, ottimizzate e pronte per le esigenze in continua evoluzione del web moderno. Pertanto, nel 2016, Lighthouse ha fatto la sua apparizione come risposta a questa esigenza.

Nel corso degli anni, Lighthouse ha subito molteplici aggiornamenti, con l’aggiunta di nuove metriche e miglioramenti, diventando rapidamente uno standard de facto per gli sviluppatori web che cercano di ottimizzare le performance e l’accessibilità dei loro siti.

Lighthouse rappresenta l’ambizione di Google di creare un web migliore per tutti, fornendo agli sviluppatori gli strumenti necessari per realizzare questa visione. Attraverso l’uso di questo strumento, Google spera di incoraggiare uno standard più elevato per i siti web, garantendo al contempo che siano pronti per il futuro del web.

Come Funziona Lighthouse e la sua Metodologia di Misurazione

Lighthouse opera come un auditor per il tuo sito web, effettuando una serie di controlli per valutare come il tuo sito si comporta in diverse categorie, tra cui performance, accessibilità, pratiche migliori, SEO e PWA. Quando si esegue una scansione con Lighthouse, esso simula una visita da parte di un utente, caricando la pagina in un ambiente controllato e registrando come il sito si comporta durante questa simulazione.

Il processo inizia con Lighthouse che crea una nuova istanza del browser, assicurandosi che il test avvenga in condizioni riproducibili, prive di interferenze esterne. Durante il caricamento della pagina, Lighthouse registra vari dati, come il tempo impiegato per visualizzare il primo contenuto utile, il tempo fino all’interattività e molte altre metriche. Questi dati sono poi aggregati e valutati in base a una serie di standard prestabiliti.

Oltre a queste misurazioni di base, Lighthouse esegue anche una serie di audit specifici, come la verifica delle pratiche di accessibilità, l’analisi degli elementi SEO e la valutazione delle funzionalità PWA. Questi audit vengono eseguiti attraverso una combinazione di analisi statiche del codice del sito e di esecuzione del sito in tempo reale.

Una volta completata la scansione, Lighthouse fornisce un report dettagliato, presentando un punteggio per ogni categoria analizzata. Questi punteggi vanno da 0 a 100, con valori più alti che indicano prestazioni migliori. Oltre ai punteggi, il report offre anche suggerimenti pratici su come migliorare in aree in cui il sito potrebbe non aver ottenuto un punteggio ottimale. Questo approccio guidato consente agli sviluppatori di avere una chiara indicazione delle aree di miglioramento e delle azioni specifiche da intraprendere.

Performance:

    • Tempo di Caricamento delle Pagine: Uno dei principali fattori che influenzano l’esperienza utente è la velocità con cui si carica una pagina. Lighthouse verifica il tempo impiegato dalla tua pagina per caricare completamente, consentendoti di individuare eventuali ostacoli che rallentano il processo.
    • Velocità Interattiva: Non solo è importante quanto velocemente si carica una pagina, ma anche quanto rapidamente diventa interattiva e risponde alle azioni dell’utente. Lighthouse misura questa velocità, garantendo che gli utenti non debbano attendere per interagire con il tuo sito.
    • Altri Metrici: Lighthouse esamina anche metriche come l’indice di velocità, il ritardo nella prima input e l’efficienza dell’uso delle risorse.

Accessibilità:

      • Navigabilità: Lighthouse controlla la facilità con cui gli utenti possono navigare sul tuo sito, assicurandosi che le funzionalità siano intuitivamente posizionate e facili da trovare.
      • Compatibilità per Disabili: Questo strumento verifica che il tuo sito web sia accessibile anche per gli utenti con disabilità, esaminando fattori come la presenza di alternative testuali per le immagini e l’uso corretto delle etichette.

Best Practices:

    • Sicurezza: Lighthouse esamina la sicurezza del tuo sito, identificando eventuali vulnerabilità e suggerendo modi per rinforzarlo contro attacchi potenziali.
    • Performance e SEO: Oltre alla velocità, Lighthouse fornisce suggerimenti per ottimizzare il codice, ridurre la dimensione delle risorse e implementare tecniche di caching.
    • Pratiche Generali: Viene anche fornito un feedback su come migliorare l’esperienza utente, evitare contenuti obsoleti e utilizzare API moderne.

SEO:

    • Ottimizzazione: Lighthouse analizza il tuo sito per assicurarsi che sia strutturato in modo da essere facilmente indicizzato dai motori di ricerca, controllando elementi come meta tag, struttura delle URL e contenuto testuale.
    • Visibilità: L’strumento verifica anche che il tuo sito sia visibile e facilmente scansionabile dai bot dei motori di ricerca.

Progressive Web Apps (PWA):

    • Compatibilità: Lighthouse controlla se il tuo sito può essere trasformato in una PWA, una versione web di un’app che può essere installata sul dispositivo dell’utente come un’applicazione tradizionale.
    • Esperienza Utente: Le PWA offrono funzionalità offline, notifiche push e un’interfaccia utente simile a quella di un’app nativa. Lighthouse valuta se il tuo sito offre queste funzionalità, garantendo un’esperienza fluida e nativa agli utenti.

Core Web Vitals: L’essenza delle performance web secondo Google

<a href=Core Web Vitals LCP FID CLS spiegazione" width="1024" height="588" />

Nel vasto ecosistema degli strumenti e delle metriche web, Google ha introdotto i Core Web Vitals come una risposta alle crescenti esigenze di fornire un’esperienza utente di qualità. Ma prima di addentrarci nelle metriche specifiche, approfondiamo brevemente la storia e l’evoluzione di questa iniziativa.

Google ha sempre posto l’utente al centro della sua filosofia. Con l’avvento del mobile e la crescente complessità dei siti web, la necessità di un’esperienza utente fluida e reattiva è diventata sempre più cruciale. Nel 2020, Google ha annunciato i Core Web Vitals come parte dei loro sforzi per fornire metriche chiare e unificate che riflettano gli aspetti più essenziali dell’esperienza utente sul web.

Diversamente da Lighthouse, che offre un panorama completo e multifunzionale della qualità di un sito web, i Core Web Vitals si riducono a tre metriche chiave, ognuna delle quali si concentra su un aspetto fondamentale dell’esperienza utente:

  1. Largest Contentful Paint (LCP): Questa metrica misura le prestazioni di caricamento e si riferisce al tempo impiegato dalla pagina per visualizzare il principale contenuto visivo. In sostanza, indica quanto tempo ci vuole affinché l’utente veda il contenuto principale della pagina. Un buon LCP assicura all’utente che la pagina è utile.
  2. First Input Delay (FID): FID valuta la reattività, misurando il tempo tra quando un utente interagisce per la prima volta con una pagina (ad esempio, quando clicca su un link o un pulsante) e quando il browser è effettivamente in grado di rispondere a quell’interazione. Un FID ottimale garantisce che la pagina sia reattiva alle azioni iniziali dell’utente.
  3. Cumulative Layout Shift (CLS): Questa metrica riguarda la stabilità visiva. Valuta la frequenza con cui gli utenti subiscono modifiche inaspettate nel layout di una pagina, senza che esse siano state provocate da un’interazione diretta. Un basso CLS garantisce che la pagina non presenti cambiamenti visivi inaspettati.

La presentazione dei Core Web Vitals da parte di Google non è stata solo un annuncio tecnico. Ha rappresentato un segnale chiaro al mondo dello sviluppo web: l’esperienza utente è fondamentale. Mentre le metriche specifiche potrebbero evolversi nel tempo, l’obiettivo di Google con i Core Web Vitals è di stabilire un set di standard che possa guidare gli sviluppatori verso la creazione di esperienze web di alta qualità. E, dato il ruolo dominante di Google come motore di ricerca, queste metriche sono rapidamente diventate cruciali non solo per fornire un’ottima esperienza utente, ma anche per la visibilità nei risultati di ricerca.

Analogie tra Lighthouse e Core Web Vitals

Lighthouse e Core Web Vitals, pur essendo strumenti distinti con specifici obiettivi e funzionalità, presentano diverse somiglianze, derivanti principalmente dalla loro origine comune e dalla missione condivisa di elevare la qualità dell’esperienza web. Approfondiamo le analogie tra questi due potenti strumenti:

  1. Un Impegno Inesorabile per le Performance Web: La performance è la chiave per un’esperienza utente di qualità. Entrambi gli strumenti, in effetti, pongono una forte enfasi su di essa. Mentre Lighthouse adotta un approccio olistico, fornendo un’analisi approfondita che copre una vasta gamma di metriche relative alla performance, all’accessibilità, alle pratiche migliori e molto altro, i Core Web Vitals, al contrario, si concentrano esclusivamente su tre metriche fondamentali che influenzano direttamente l’esperienza dell’utente. Questa divergenza di approcci riflette la versatilità dei due strumenti: uno per un’analisi globale, l’altro per una misurazione mirata.
  2. Origini e Standardizzazione da Parte di Google: Essendo entrambi prodotti di Google, Lighthouse e Core Web Vitals seguono rigorosamente le linee guida, gli standard e le raccomandazioni stabilite dal colosso delle ricerche. Questa provenienza comune assicura che gli sviluppatori che utilizzano questi strumenti siano sempre in sintonia con ciò che Google considera best practice nel mondo web. E dato il ruolo dominante di Google nell’ecosistema di ricerca online, conformarsi a questi standard non è solo una questione di qualità, ma può avere anche ripercussioni dirette sulla visibilità di un sito nei risultati di ricerca.
  3. Una Visione Orientata all’Utente: Entrambi gli strumenti sono stati creati con un unico obiettivo principale: garantire una fantastica esperienza utente. Che si tratti di navigazione fluida, tempi di caricamento rapidi, reattività o stabilità visiva, la mission di Lighthouse e Core Web Vitals è di fornire agli sviluppatori metriche chiare e feedback azionabili. Questi consigli, suggerimenti e valutazioni hanno lo scopo di guidare gli sviluppatori verso l’ottimizzazione dei loro siti web, assicurando che ogni visitatore abbia un’esperienza utente soddisfacente e senza intoppi.

Differenze chiave tra Lighthouse e Core Web Vitals

Google, leader indiscusso in questo campo, ha sviluppato due strumenti principali, Lighthouse e Core Web Vitals, per assistere in questa missione. Entrambi mirano a garantire un’esperienza online ottimale per gli utenti, ma come si differenziano esattamente? Ecco una disamina approfondita delle loro caratteristiche distintive.

  1. Ampiezza di Analisi: Una delle differenze più tangibili tra Lighthouse e Core Web Vitals riguarda la portata delle loro analisi. Lighthouse offre una visione olistica e dettagliata del sito web, coprendo una moltitudine di metriche che vanno ben oltre la semplice performance. Questo include tempi di caricamento, accessibilità, pratiche migliori, SEO, e persino la prontezza di un sito per diventare una Progressive Web App. D’altra parte, i Core Web Vitals adottano un approccio più focalizzato, concentrando la loro attenzione su tre metriche essenziali che rappresentano pilastri fondamentali dell’esperienza utente: caricamento, interattività e stabilità visiva.
  2. Modalità di Strumentazione: Anche in termini di come vengono utilizzati, Lighthouse e Core Web Vitals presentano notevoli differenze. Lighthouse offre flessibilità: può essere facilmente integrato nel flusso di lavoro degli sviluppatori come estensione del browser Chrome o come uno strumento a riga di comando, fornendo report dettagliati e suggerimenti pronti all’uso. I Core Web Vitals, invece, non dispongono di un’interfaccia dedicata simile, ma le loro metriche sono spesso raccolte e visualizzate attraverso strumenti come la Google Search Console, che fornisce agli sviluppatori e ai proprietari di siti un snapshot dell’esperienza utente generale del loro sito.
  3. Obiettivi e Approccio: Sebbene entrambi siano centrati sul miglioramento delle performance web, la loro prospettiva e il modo in cui presentano i risultati variano. Lighthouse si presenta come un consulente virtuale: analizza ogni angolo del tuo sito e offre suggerimenti dettagliati e personalizzati su come ottimizzarlo in vari aspetti. Il suo approccio è quello di un’analisi approfondita, seguita da consigli mirati. Al contrario, i Core Web Vitals fungono da barometro, dando agli sviluppatori una visione ad alta quota delle aree chiave dell’esperienza utente. Invece di inondare con dettagli, forniscono una visione chiara del dove il sito si posiziona rispetto agli standard essenziali stabiliti da Google per un’esperienza utente di qualità.

In sintesi, mentre entrambi gli strumenti derivano dalla stessa filosofia di fornire un web migliore e più utente-friendly, differiscono notevolmente nel modo in cui approcciano questa missione, nelle metriche che utilizzano, e nel feedback che forniscono agli sviluppatori.

Conclusione

Nel dinamico e in continua evoluzione mondo del web, la necessità di strumenti efficaci che garantiscono prestazioni ottimali dei siti web è più pressante che mai. Al centro di questa rivoluzione, troviamo Lighthouse e Core Web Vitals, entrambi sviluppati da Google, che rappresentano risorse inestimabili per gli sviluppatori e i proprietari di siti web.

Anche se entrambi nascono dalla volontà di elevare la qualità delle esperienze online, la loro natura e il loro approccio divergono in modo significativo. Lighthouse agisce come un consulente virtuale, esaminando ogni angolo del sito web, fornendo una valutazione dettagliata che va dai tempi di caricamento alla SEO, e offrendo suggerimenti mirati per ogni area che necessita di miglioramenti. D’altro canto, Core Web Vitals serve come un termometro, offrendo una visione sintetica ma essenziale delle performance dell’esperienza utente, focalizzandosi su tre metriche chiave.

La chiave del successo, quindi, non sta nel scegliere uno strumento rispetto all’altro, ma nel comprendere le peculiarità di ciascuno e nel saperli utilizzare in combo. Usati insieme, Lighthouse e Core Web Vitals offrono una panoramica completa, consentendo agli sviluppatori di affrontare sia i dettagli tecnici che le sfide legate all’esperienza utente. In definitiva, una comprensione approfondita di questi strumenti e la capacità di utilizzarli in sinergia saranno fondamentali per garantire che il tuo sito web non solo soddisfi, ma superi le aspettative degli utenti nel moderno ecosistema digitale.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna in alto