20 Ottobre 2022

La discussione sulla sostituzione dei dati sulla crescita dell’installazione attiva dei plug-in continua a porte chiuse

Prese di posizione in controtendenza nel mondo WordPress sulla decisione di nascondere il numero di installazione attive dei plugin nel repository

Matt Mullenweg
Print Friendly, PDF & Email

All’inizio di questo mese i meta contributori di WordPress.org hanno rimosso il grafico di crescita delle installazioni attive dai plugin , mandando gli sviluppatori di plugin che facevano affidamento su questi dati in uno stato di sgomento e indignazione. Il commit ha citato “offuscamento dei dati insufficiente” ma non c’era una comunicazione chiara su quando e dove fosse stata presa questa decisione. Gli sviluppatori hanno chiesto maggiore trasparenza sulla rimozione dei grafici, ma non hanno ricevuto risposte chiare.

Molteplici opportunità di comunicare i dettagli alla base della decisione sono state deliberatamente rinunciate, poiché le speculazioni aumentavano. Diversi contributori non direttamente coinvolti nelle conversazioni hanno prematuramente insistito sul fatto che fosse stato rimosso a causa di problemi di sicurezza o privacy, ma Samuel Otto Wood ha confermato inequivocabilmente che non si trattava di nessuna di queste cose.

In una recente apparizione sul podcast WPwatercooler , Wood ha elaborato la decisione, che secondo lui è stata presa a maggio attraverso canali privati tramite DM di Slack in una discussione avviata da Matt Mullenweg.

“Il motivo è davvero molto semplice”, ha detto Wood. “È stato rimosso perché in generale nessuno li stava usando. Nessuno stava usando il grafico stesso. In generale, il grafico non è stato utile alla maggioranza e non si adattava davvero allo scopo che avevamo in mente quando lo abbiamo implementato”.

Wood ha affermato che il grafico di crescita attivo aveva lo scopo di mostrare solo la crescita o il declino di un plug-in su base settimanale, ma i dati non funzionavano come previsto:

Le persone volevano quel feedback sul fatto che il plug-in fosse in crescita, se si stesse riducendo, ecc. E queste sono informazioni preziose che gli sviluppatori devono avere, sono informazioni preziose che gli utenti devono sapere. Ma davvero non funzionava così.

I dati forniti erano dati basati su percentuale ed erano dati basati su percentuali molto deboli. Quindi, in generale, la maggior parte dell’uso di quei dati è stata la gente che raschiava i dati e li usava per lavorare all’indietro fino alla citazione esatta, ai numeri esatti

Quello era interamente il problema era che le persone lo usavano in gran parte per ottenere quei numeri. Ora, non è di per sé un male, ma la matematica inversa non ha funzionato. Era sbagliato per una serie di motivi, principalmente perché stavamo facendo in modo tale da offuscare i dati in modo tale da rendere sbagliato quel numero.

Secondo, in realtà, è piuttosto divertente. In realtà dava sempre numeri un po’ troppo alti, quindi dava alle persone l’impressione sbagliata. In terzo luogo, in realtà, le persone si fidavano di esso come numero attivo, come un numero di cellule attive al punto in cui, al punto in cui si basavano su di esso per prendere decisioni e cose del genere. Non è stata una buona idea.

Sebbene Otto non fosse coinvolto nel lavoro al progetto in quel momento, era al corrente della discussione e riferì alcuni dettagli:

Ho letto tutta quella discussione e abbiamo lavorato, ci hanno lavorato a lungo, Scott e diverse persone hanno provato varie cose prima di rimuoverlo. Hanno aggiustato i valori, hanno aggiustato i numeri. Loro, hanno attraversato una quantità ridicola di iterazioni e alla fine, nessuna ha funzionato. Le persone lo stavano ancora usando anche se stava dando loro praticamente spazzatura. Quindi alla fine rimuoverlo era l’unica cosa da fare. Avevamo un piano per sostituirlo. Semplicemente non avevamo un piano per sostituirlo immediatamente. Tuttavia, abbiamo ritenuto che fornire loro numeri di conteggio delle installazioni attive errati sia più dannoso per gli interessi degli utenti e degli sviluppatori piuttosto che semplicemente non fornirli affatto. Ecco perché è stato rimosso.

La preoccupazione che il conduttore del podcast Sé Reed e l’ospite Matt Cromwell hanno evidenziato è che la decisione è stata comunicata in modo tale da suggerire che fosse correlata alla sicurezza. Dal momento che non si trattava di un problema sensibile di sicurezza o privacy, Reed ha chiesto perché è stato gestito in una chat privata anziché nel meta canale quando la decisione ha avuto un impatto così profondo sugli sviluppatori in grado di tracciare la traiettoria dei loro plug-in.

Poiché l’imprecisione dei grafici era ben nota a coloro che conoscevano più intimamente il problema, Wood ha affermato che la sua rimozione “non era proprio un grosso problema” come tutti gli altri hanno finito per percepire che fosse. Non si aspettavano la tempesta di fuoco che la rimozione dei grafici avrebbe creato nel ticket di trac in cui gli sviluppatori chiedevano di ripristinarli.

“Il grafico visivo fisico in sé non è così determinante per il modo in cui gestisco le cose”, ha affermato il fondatore di GiveWP Matt Cromwell. “Ma è l’atto di rimuoverlo senza alcuna conversazione di sorta.

“E cosa significa questo per la lunga serie di dati sui plugin su.org e la fattibilità del loro, di noi, di continuare ad averli? Questa è la vera domanda. È un indicatore di un problema di fondo che non migliora”.

Questo incidente ha acceso discussioni sul tipo di partnership che gli sviluppatori di plug-in dovrebbero aspettarsi da WordPress.org e se è ora che cerchino il supporto reciproco invece che la piattaforma, come suggerito da Eric Karkovack su The WP Minute. Alla luce degli sviluppatori di plugin che perdono dati più preziosi che non sono stati sostituiti, Alex Denning, amministratore delegato di Ellipsis, un’agenzia di marketing digitale, sostiene che WordPress.org è inefficace per la distribuzione di plugin nel 2022 . Sostiene che i nuovi plug-in di WordPress non stanno superando le soglie di installazione di 100.000, 500.000 o 1 milione e più e la directory non offre una portata organica dei plug-in.

L’obiettivo del ticket è cambiato dall’invitare WordPress.org a riportare i grafici di crescita attivi per concentrarsi maggiormente sul brainstorming di utili statistiche e approfondimenti sui plug-in che gli sviluppatori di plug-in vorrebbero vedere. Sta ancora ricevendo commenti arrabbiati e frustrati da sviluppatori che credono che i dati dovrebbero appartenere alla comunità.

“Non posso sottolineare abbastanza che le conversazioni su cosa sostituire il grafico di crescita attiva dovrebbero avvenire in un canale Slack pubblico o su un ticket Trac”, ha affermato Amber Hinds, CEO di Equalize Digital. “Questi dati dovrebbero appartenere alla comunità e la comunità dovrebbe essere in grado di partecipare nel decidere come (o meno) visualizzarli”.

Le ragioni che presumibilmente richiedono l’offuscamento non sono state spiegate chiaramente, ma molti partecipanti alla discussione hanno esortato WordPress.org a pubblicare semplicemente i dati grezzi in modo che possano essere consultati ed elaborati indipendentemente dalla piattaforma. @Starbuck suggerisce che la comunità sarebbe quindi in grado di creare siti che rendano i dati in modi significativi e interessanti.

Gli sviluppatori di WordPress vogliono molti più dati di quelli disponibili in precedenza. Hinds ha richiesto un assortimento di punti dati che potrebbero essere possibili o meno:

Cose che ci dicono se il nostro readme e altri fattori di ranking sono sulla buona strada:

  • Numero di ricerche (o impressioni) per le parole chiave target
  • Ranking medio per parole chiave target per periodo di tempo (mese)
  • Tassi di conversione dall’impressione all’installazione per le parole chiave target

Cose che ci dicono se potremmo avere un problema con il nostro plugin:

  • Numero di disattivazioni per fascia oraria (mese, preferibilmente settimana)
  • Numero di eliminazioni per intervallo di tempo (mese, preferibilmente settimana)
  • Tempo medio dall’attivazione alla disattivazione o cancellazione

Cose per un migliore test delle versioni:

  • Attivi anche i primi 20 plugin
  • Sono attivi anche i primi 20 temi
  • Versioni PHP (percentuale)
  • Versioni di WordPress (percentuale)

Il CEO di Atarim Vito Peleg ha suggerito alcuni altri strumenti per monitorare la crescita/declino, a cui Matt Mullenweg ha risposto che alcune delle idee erano “molto fattibili:”

  • Tempo per churn (per disattivare) segnali di onboarding buono/cattivo, UI/UX
  • Installazioni ripetute: quanti utenti (anonimizzati) installano su più siti per attività di community opp e advocacy
  • Tempo per il risultato: lo sviluppatore può scegliere 1 singolo hook da attivare come “risultato” e il calcolo controlla quanto tempo dall’installazione per arrivarci. Modificando il posizionamento degli hook gli sviluppatori possono ottimizzare interi flussi.
  • Tracker pagina interna: quali/quante pagine di plugin interne visitano gli utenti
  • Distribuzione PHP ver, installazioni generali basate sul paese, rapporto installazione attiva/revisione

Wood ha confermato che i grafici di crescita delle installazioni attive non stanno tornando nella loro forma precedente e che gli endpoint che le persone stavano raschiando prima rimarranno disabilitati. Ha detto che coloro che sono coinvolti nella discussione privata stanno monitorando il ticket Trac per un feedback.

“Quello che accadrà è che il conteggio delle installazioni attive invece di essere arrotondato alla cifra più vicina verrà modificato”, ha affermato Wood. “Non conosco i limiti esatti dei punti di interruzione, ma ad esempio mostra un individuo fino a 50, quindi arrotonda al 10 più vicino fino al mille e il centinaio più vicino fino a 10.000, per esempio. In questo modo stiamo facendo in modo che l’installazione attiva contenga una grana molto più fine di quanto non sia stata. Quindi, in questo senso, sì, ti stiamo fornendo i dati. Non saranno numeri esatti, ma sarà molto meglio di prima. Stiamo ancora lavorando per farlo”.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna su