26 Luglio 2022

I giganti del cloud statunitensi accusati di distorcere la concorrenza

Gli attori dell’hosting di dati e dei servizi online denunciano pratiche ritenute sleali dai leader di mercato Amazon, Microsoft e Google.

Print Friendly, PDF & Email

Dopo i motori di ricerca, la pubblicità online o gli app store, il cloud. Gli attori del mercato dell’hosting e dei servizi online per le imprese si stanno mobilitando per denunciare pratiche ritenute anticoncorrenziali. Nella linea di vista, i tre gruppi americani Amazon, Microsoft e Google, che detengono il 69% del mercato in Europa, secondo l’azienda Synergy Research Group. Le aziende europee hanno raddoppiato il loro fatturato in quattro anni ma la loro quota di mercato è scesa dal 21% al 16%.

“C’è un problema di concorrenza nel cloud “, ha affermato il deputato MoDem Philippe Latombe. Finora l’attenzione si è concentrata sui mercati di consumo, ma questo tema è in aumento. L’Autorità francese per la concorrenza ha deciso di esaminare questo mercato: avvierà una consultazione pubblica ” prima dell’estate” e rilascerà un “parere” all’inizio del 2023, che servirà da base per le indagini future. Negli Stati Uniti, un rapporto parlamentare è già stato allarmato da “tecniche che bloccano i clienti”E Bruxelles ha reso pubblica, a metà marzo, una denuncia per abuso di posizione dominante presentata contro Microsoft da Ovh, leader francese nell’hosting“Lo stiamo esaminando”, confermiamo alla Commissione Europea.

Quali sono le pratiche contestate? “Microsoft sta sfruttando la posizione di forza della sua suite di software per ufficio Office 365 “, ha affermato Michel Paulin, CEO di OVH. Se vogliamo venderlo ai nostri clienti, Microsoft ci offre una licenza più costosa e tecnicamente più restrittiva di quella concessa ai giocatori che vendono i suoi servizi cloud in parallelo. “È una forma di vendita vincolata “, denuncia Thomas Fauré, CEO di Whaller, un editore francese di software per il lavoro collaborativo.

Stanno facendo dumping sotto mentite spoglie

Un altro uso ritenuto ingiusto, “crediti cloud gratuiti”“Queste offerte hanno importi e durate che impediscono qualsiasi concorrenza e gli utenti sono in definitiva vincolati. È dumping dissimulato”, denuncia Stéphanie Yon-Courtin, eurodeputata (Renew). Amazon (il 33% del mercato cloud globale, secondo Synergy) offre alle start-up fino a 100.000 dollari (95.566 euro) di crediti sui propri servizi per un anno, più software. In un report, l’azienda è lieta di aver così distribuito “centinaia di milioni di euro” in Europa e di essere un fornitore di servizi per il 75% delle quaranta maggiori start-up francesi.

Microsoft (quota di mercato del 20%) ha un programma simile. Inizialmente meno generoso, Google (10% del mercato) ha aumentato i suoi crediti a gennaio a $ 200.000 in due anni. Alcune start-up raggiungerebbero anche di più negli Stati Uniti, secondo il sito di Business Insider. “Non abbiamo tasche così profonde. C’è una distorsione della concorrenza”, lamenta Yann Lechelle, a capo di Scaleway (filiale di Free, fondata da Xavier Niel, azionista individuale di Le Monde). Questo host e editore di software ora offre alle start up fino a 36.000 euro, ma “non vuole” salire fino a 100.000 euro, cifra su cui OVH si è allineata, a fine 2020.

“Le start-up sono molto tentate dai crediti cloud”, spiega Maya Noël, direttore generale dell’associazione delle giovani imprese digitali France Numérique. Ma c’è il rischio di dipendenza, perché poi è difficile cambiare fornitore. Digital France invoca quindi l ‘” interoperabilità”, che consente di passare da un fornitore di servizi a un altro. Amazon, Microsoft o Google sono anche accusati di fidelizzare i clienti grazie alle tariffe in uscita, queste tariffe addebitate per trasferire i dati a un altro host. A metà del 2021, l’americana Cloudflare ha accusato Amazon di addebitare fino a “80 volte i costi di trasferimento effettivi”.Poco dopo, quest’ultimo ha portato da 1 a 100 gigabyte i dati trasferibili gratuitamente.

La parola dumping deriva dall’inglese “dump” che significa letteralmente “scaricare”. Si tratta di una pratica per cui le grandi imprese introducono nel mercato europeo dei prodotti a un prezzo molto inferiore rispetto a quello di mercato. Questo prezzo artificioso è dovuto alla presenza di sussidi statali alle imprese nel paese di origine, oppure alla sovrapproduzione di un determinato prodotto da parte delle aziende che vendono all’estero tali beni in eccedenza.

Perché il dumping è una cosa negativa?

 Il dumping è una forma di concorrenza sleale poiché i prodotti vengono venduti ad un prezzo che non rispecchia in modo accurato il costo di produzione. Per le imprese europee è molto difficile rimanere competitive a queste condizioni e nei casi peggiori sono costrette a chiudere e licenziare i lavoratori.

Nel mirino dei legislatori

Sotto pressione, Amazon si difende: “I clienti continuano a utilizzare i nostri servizi cloud per il valore, e non per vincoli tecnici o costi. ” Siamo contrari al blocco tecnologico “, afferma anche Google, che afferma che “aiuta” i clienti a spostare i propri dati. Microsoft nega di “bloccare” il mercato, mentre si qualifica: “Non tutti gli argomenti nella denuncia [di OVH] sono validi, ma alcuni lo sono, e apporteremo delle modifiche per affrontarli “, ha affermato la società al Financial Times.

Le grandi società cloud sanno di essere nel mirino dei legislatori. “Gli obblighi impediranno loro di trattenere i clienti indebitamente, con mezzi legali o tecnici”, spieghiamo alla Commissione Europea. La futura legge europea sui mercati digitali vieterà loro di promuovere i propri servizi e promuoverà l’interoperabilità. La proposta di Bruxelles per il Data Act sui dati industriali prevede di limitare i costi di trasferimento in uscita, quindi di “eliminarli”, entro tre anni. Nonostante ciò, i giocatori francesi rimangono mobilitati e sognano anche un Buy European Tech Act, che riserverebbe parte del cloud pubblico e degli ordini digitali agli europei.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su