27 Ottobre 2022

I dati sulle prestazioni di Web Almanac del 2022 mostrano che i siti WordPress potrebbero abusare del lazy loading

Il Lazy Loading per caricare le immagini sembra sia utilizzato in modo errato secondo questa ricerca.

WordPress Lazy Load

Gli ultimi due capitoli del Web Almanac 2022 sono stati pubblicati questa settimana: dati strutturati e prestazioni, completando l’ebook di 729 pagine del rapporto. Il capitolo specifico di WordPress è stato pubblicato all’inizio di questo mese con metriche che indicano che l’adozione è in crescita .

Il capitolo Performance è stato scritto dall’ingegnere delle prestazioni di Etsy Melissa Ada e dall’ingegnere della trasparenza web di Google Rick Viscomi. Le metriche delle prestazioni nel capitolo si concentrano sui Core Web Vitals  (CWV), che Google ha introdotto nel 2020 e ha creato un segnale di ranking nel 2021. Per il rapporto hanno utilizzato il set di dati pubblico  Chrome UX Report  (CrUX), che raccoglie dati da  siti Web idonei , pubblicamente siti rilevabili con un numero minimo di visitatori non divulgato.

La maggior parte dei dati riguarda le prestazioni del Web nel suo insieme nel tempo, ma il Web Almanac del 2022 ha evidenziato una preoccupazione specifica per quanto riguarda l’uso del lazy-loading da parte dei siti WordPress e il suo impatto sulle prestazioni LCP. Google definisce le metriche LCP (The Largest Contentful Paint metric)  come “il tempo di rendering  dell’immagine più grande o del blocco di testo  visibile all’interno del viewport, rispetto a quando la pagina  ha iniziato a caricarsi per la prima volta “.

Lazy Loading

Il lazy load o caricamento lento (chiamato anche caricamento su richiesta) è una tecnica di ottimizzazione per il contenuto online, che si tratti di un sito Web o di un’app Web.
Invece di caricare l’intera pagina Web e renderla all’utente in una volta sola come nel caricamento in blocco, il concetto di caricamento lento aiuta a caricare solo la sezione richiesta e ritarda la restante, finché non è necessaria all’utente.

Il caricamento su richiesta riduce il consumo di tempo e di memoria, ottimizzando così la consegna dei contenuti. Poiché solo una frazione della pagina Web, necessaria, viene caricata per prima, il tempo impiegato è inferiore e il caricamento del resto della sezione viene ritardato, risparmiando spazio di archiviazione. Tutto ciò migliora l’esperienza dell’utente poiché il contenuto richiesto viene alimentato in pochissimo tempo.

Il lazy load è una buona cosa se usato correttamente, ma queste statistiche suggeriscono fortemente che esiste una grande opportunità per migliorare le prestazioni rimuovendo questa funzionalità in particolare dalle immagini LCP.

WordPress è stato uno dei pionieri dell’adozione del lazy load nativo e, tra le versioni 5.5 e 5.9, non ha effettivamente omesso l’attributo dai candidati LCP. Quindi esploriamo la misura in cui WordPress sta ancora contribuendo a questo anti-modello.

Secondo il   capitolo  CMS , WordPress è utilizzato dal 35% delle pagine . Quindi è sorprendente vedere che il 72% delle pagine che utilizzano il caricamento lento nativo sulla propria immagine LCP utilizzano WordPress, dato che una correzione è disponibile da gennaio 2022 nella versione 5.9. Una teoria che necessita di ulteriori indagini è che i plug-in potrebbero aggirare le salvaguardie integrate nel core di WordPress iniettando immagini LCP nella pagina con il comportamento di caricamento lento.

Allo stesso modo, una percentuale sproporzionatamente alta di pagine che utilizzano il caricamento lazy personalizzato viene creata con WordPress al 54%. Ciò suggerisce un problema più ampio nell’ecosistema di WordPress sull’uso eccessivo del caricamento lento. Piuttosto che essere un bug risolvibile localizzato nel core di WordPress, potrebbero esserci centinaia o migliaia di temi e plugin separati che contribuiscono a questo anti-pattern.

Web Almanac 2022 – Capitolo 12: Prestazioni

Prima di WordPress 5.9, l’implementazione predefinita del caricamento lento di WordPress causava prestazioni LCP più lente, poiché era stata applicata in modo troppo aggressivo e caricava in modo lento le immagini above the fold. Nella versione 5.9, WordPress ha fornito una correzione che carica più avidamente le immagini all’interno del viewport iniziale mentre carica in modo lazy il resto. Ecco perché i risultati che mostrano i siti WordPress che utilizzano eccessivamente il caricamento lento sono sorprendenti.

Certo, il ‘sovraccarico del lazy load’ è un problema difficile da risolvere“, ha detto Viscomi nella sua analisi del thread di Twitter . “Non sempre sappiamo se un’immagine sarà l’LCP. Il core di WordPress lo imposta su ogni immagine per impostazione predefinita e utilizza l’euristica per annullarlo. Quasi 3/4 delle pagine che caricano nativamente le immagini a caricamento lento si trovano su WordPress”

Nel 2020, Viscomi ha sottolineato la rapidità con cui l’adozione del lazy load dell’immagine nativa è aumentata dopo il rilascio di WordPress 5.5 nell’agosto dello stesso anno con il lazy load delle immagini per impostazione predefinita. WordPress ha guidato l’adozione di questa funzionalità, motivo per cui qualsiasi implementazione “anti-pattern”, come l’ha definita Viscomi, ha un effetto smisurato sulle prestazioni del web.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna in alto