3 Luglio 2023

Guida pratica all’editor VI per Linux. Storia, comandi ed utilizzo pratico.

VI per UNIX e per sistemi Linux. La Tua Guida Definitiva in Italiano all’Editor di Testo Più Potente e Versatile mai sviluppato.

VI Editor Logo

Se sei un amministratore di sistema o un appassionato utente Linux, l’editor di testo VI è probabilmente un compagno di viaggio costante nel tuo percorso informatico. Questo dinamico strumento, originariamente nato nell’ambiente Unix, è un’icona inconfondibile nel mondo Linux, spiccando per la sua potenza e versatilità. Difficilmente troverai un sistema operativo UNIX o una distribuzione Linux in cui VI non è presente, che si tratti di un server aziendale o di un sistema embedded.

VI non è solo un normale editor di testo, è una sofisticata piattaforma di modifica del testo, una potente interfaccia che unisce in sé la semplicità dell’input testuale con la capacità di eseguire operazioni complesse e personalizzabili sul testo stesso. Questa combinazione di potenza e flessibilità ha reso VI un must per qualsiasi professionista o appassionato che opera nel mondo Linux.

In questo articolo, abbiamo l’obiettivo di condurti in un percorso di scoperta e apprendimento dell’editor VI. Ti presenteremo non solo la sua storia e le sue caratteristiche distintive, ma ti guideremo anche attraverso l’utilizzo pratico di VI, insegnandoti i suoi comandi fondamentali e le sue pratiche operative più utili. Che tu sia un novizio che cerca di imparare le basi o un veterano che vuole affinare le proprie competenze, troverai in queste pagine una ricchezza di informazioni che ti aiuteranno a padroneggiare VI.

E per aiutarti nel tuo viaggio, abbiamo incluso alla fine del post una comoda cheat sheet dei comandi di VI. Questo strumento di riferimento rapido ti fornirà una guida immediata ai comandi più comuni di VI, permettendoti di utilizzare VI con maggiore efficienza e fiducia. Quindi, se sei pronto a imparare di più su uno dei più potenti e versatili editor di testo disponibili, continua a leggere e scopri il mondo di VI.

Storia e Popolarità di VI

Nell’era digitale, l’avvento di nuovi strumenti e tecnologie è un fenomeno comune. Tuttavia, ci sono alcune gemme che resistono alla prova del tempo e continuano a regnare nonostante il flusso di innovazioni. Un tale esemplare è l’editor di testo VI. Prima di immergerci nei dettagli tecnici e nelle applicazioni pratiche di VI, vi invitiamo a unirvi a noi in un intrigante viaggio attraverso la sua affascinante storia.

VI, che sta per ‘Visual’, è un editor di testo che ha fatto la sua apparizione per la prima volta nel panorama informatico nei tardi anni ’70. Questo prodigio è stato ideato e sviluppato da Bill Joy (considerato il padre di Solaris, il sistema operativo che ha accompagnato il business di Sun nel mondo Unix) per il sistema operativo Unix. A quell’epoca, l’informatica era un campo ancora agli albori e VI ha rappresentato una pietra miliare nel panorama degli editor di testo, grazie alla sua progettazione unica e innovativa.

Vinod Khosla, Bill Joy, Andy Bechtolsheim, Scott McNealy Sun Microsystem
Vinod Khosla, Bill Joy, Andy Bechtolsheim, Scott McNealy a Sun Microsystem

Da quel lontano debutto, l’editor VI ha visto un’ascesa fenomenale nella sua popolarità. La sua presenza non si limita al sistema operativo Unix originale; VI ha trovato la sua strada in un numero elevatissimo di sistemi operativi, diventando un componente fondamentale di qualsiasi sistema UNIX o distribuzione Linux.

Ma cosa rende VI così popolare? Il segreto della sua longevità e della sua diffusione è radicato nelle sue capacità intrinseche di potenza e flessibilità. Al cuore di VI c’è il concetto di ‘modalità’, una caratteristica di design distintiva che gli conferisce una versatilità ineguagliabile. Come un camaleonte, VI può cambiare le sue “modalità” a seconda delle necessità dell’utente, passando dal semplice inserimento del testo alla manipolazione avanzata dei dati testuali.

Questa versatilità non solo ha reso VI uno strumento estremamente potente, ma lo ha anche reso adatto a un’ampia varietà di compiti. Che tu stia scrivendo codice, modificando un file di configurazione o prendendo appunti, VI offre un’interfaccia efficiente e potente per tutte queste attività. Questa capacità di adattarsi a molteplici scenari operativi è una delle ragioni principali per cui VI ha continuato a prosperare per decenni e continua a essere ampiamente utilizzato fino ad oggi.

VI: Un Gigante tra gli Editor di Testo

Una delle caratteristiche più notevoli di VI che lo distingue da altri editor di testo come nano o pico è la sua capacità di gestire file di dimensioni enormi. Mentre molti editor di testo lottano o si bloccano del tutto quando devono aprire file di grandi dimensioni, VI è in grado di manipolare file di svariati gigabyte con relativa facilità.

Questo è in parte dovuto all’efficienza con cui VI gestisce la memoria. Mentre altri editor di testo possono tentare di caricare l’intero file in memoria prima di iniziare a lavorarci, VI utilizza una tecnica di buffering che gli permette di caricare solo una piccola parte del file alla volta. Questo significa che VI può iniziare a lavorare su un file quasi immediatamente, indipendentemente dalle sue dimensioni.

Questa capacità di lavorare con file di grandi dimensioni fa di VI uno strumento ideale per gli amministratori di sistema e i programmatori che devono spesso lavorare con grandi quantità di dati. Ad esempio, un database administrator potrebbe dover esaminare o modificare un file di log di molti gigabyte, oppure un programmatore potrebbe dover cercare un bug in un file di codice di grandi dimensioni.

La capacità di gestire file di grandi dimensioni non è l’unica caratteristica che distingue VI. La sua potente sintassi di comando, le sue numerose estensioni e la sua straordinaria customizzazione lo rendono uno strumento molto potente per la manipolazione del testo. Ma è la sua capacità di affrontare e superare le sfide che mettono in crisi altri editor di testo che fa di VI un gigante nel suo campo.

L’Editor VI e le sue Modalità

L’editor VI ha due modalità principali: il comando e l’inserimento.

La modalità di comando è quella in cui VI avvia. Questa modalità permette di eseguire comandi per manipolare il testo, spostarsi nel documento, salvare le modifiche, ecc.

La modalità di inserimento è quella che consente di inserire il testo nel documento. Puoi accedere a questa modalità premendo ‘i’ mentre sei in modalità di comando.

Modalità di Inserimento

Quando si avvia VI, si inizia in modalità comando. Per inserire del testo, è necessario passare alla modalità di inserimento. Come detto prima, ci si può entrare premendo ‘i’. Una volta in modalità di inserimento, è possibile digitare normalmente. Per uscire dalla modalità di inserimento e tornare alla modalità comando, basta premere ‘Esc’.

Modalità di Comando

Una volta in modalità comando, si ha accesso a una vasta gamma di funzionalità. Queste includono la navigazione nel documento, la manipolazione del testo, il salvataggio e l’uscita, e molto altro. Ecco alcuni dei comandi più comuni:

  1. Navigazione: ‘h’, ‘j’, ‘k’, ‘l’ si usano per muoversi a sinistra, in basso, in alto e a destra rispettivamente.
  2. Manipolazione del testo: ‘dd’ cancella una linea. ‘dw’ cancella una parola. ‘yy’ copia una linea. ‘yiw’ copia una parola. ‘p’ incolla il testo copiato.
  3. Salvataggio e uscita: ‘:w’ salva il file. ‘:q’ esce da VI. ‘:wq’ salva il file e poi esce. ‘:q!’ esce senza salvare.

Trucchi e Suggerimenti per l’Uso di VI

Saper usare VI efficacemente può fare una grande differenza nella tua produttività. Ecco alcuni suggerimenti per ottenere il massimo da VI:

  1. Impara i comandi di base a memoria: Questo può sembrare ovvio, ma è sorprendente quanti utenti non prendono il tempo di memorizzare i comandi di base di VI. Una volta che li avrai memorizzati, troverai che la tua velocità di lavoro aumenterà notevolmente.
  2. Usa i numeri con i tuoi comandi: VI permette di usare i numeri con i comandi per eseguirli più volte. Per esempio, ‘2dd’ cancellerà due linee.
  3. Personalizza VI a tuo piacimento: VI è altamente personalizzabile. Puoi creare i tuoi comandi, cambiare i colori del testo, impostare la formattazione automatica, e molto altro.

Cheatsheet dei Comandi di VI

Ecco una cheatsheet rapida dei comandi VI:

  • Passa alla modalità di inserimento: ‘i’
  • Torna alla modalità comando: ‘Esc’
  • Muoviti a sinistra: ‘h’
  • Muoviti in basso: ‘j’
  • Muoviti in alto: ‘k’
  • Muoviti a destra: ‘l’
  • Cancella una linea: ‘dd’
  • Cancella una parola: ‘dw’
  • Copia una linea: ‘yy’
  • Copia una parola: ‘yiw’
  • Incolla il testo copiato: ‘p’
  • Salva il file: ‘:w’
  • Esci da VI: ‘:q’
  • Salva e esci: ‘:wq’
  • Esci senza salvare: ‘:q!’

Conclusione

VI è molto più che un semplice editor di testo. È un potentissimo strumento per la manipolazione del testo, che ha dimostrato nel tempo di essere una risorsa indispensabile nel bagaglio di competenze di ogni utente Linux, nonché di chiunque operi in un ambiente Unix o Unix-like.

Una delle sue caratteristiche principali e più vantaggiose è la sua universalità. VI è presente praticamente in qualsiasi sistema Unix o Unix-like, compresi Linux e MacOS. Questa caratteristica fa di VI un baluardo della cross-compatibilità, permettendoti di lavorare con un ambiente familiare, indipendentemente dal sistema operativo su cui ti trovi. A differenza di altri editor di testo, come nano o pico, che pur essendo più facili da usare non sono universalmente installati, l’apprendimento dell’uso di VI ti assicura un’abilità applicabile su una vasta gamma di sistemi.

L’uso di VI non è solo una questione di versatilità e cross-compatibilità. Esso può effettivamente incrementare la tua produttività, una volta che hai appreso e padroneggiato i suoi comandi fondamentali. Il risparmio di tempo ottenuto dal non dover togliere le mani dalla tastiera per utilizzare un mouse, combinato con la capacità di VI di eseguire rapidamente operazioni complesse su file di testo, possono rendere le tue sessioni di lavoro molto più efficienti.

Capire e utilizzare efficacemente VI può sembrare scoraggiante all’inizio, data la sua interfaccia orientata al testo e la ricchezza di comandi disponibili. Tuttavia, come qualsiasi abilità, l’apprendimento dell’uso di VI si riduce a una questione di pratica. Investire del tempo nell’apprendimento di VI non solo ti permetterà di lavorare in maniera più efficiente, ma ti fornirà anche una competenza che ti distinguerà nel campo della sistemistica e della programmazione.

Ricorda, la pratica rende perfetti. Mentre la curva di apprendimento può sembrare ripida, l’abilità e la velocità che otterrai saranno senza dubbio ricompensate. Quindi, non esitare: continua ad usare VI, continua a sfidare te stesso e in poco tempo diventerai un vero maestro dell’editor di testo più potente e versatile che esista.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto