16 Giugno 2022

Cos’è il TTFB? Come migliorare il Time To First Byte.

Scopriamo l’importanza del TTFB ed i fattori che lo influenzano.

TTFB Google PageSpeed
Print Friendly, PDF & Email

Cos’è il TTFB Time To First Byte?

TTFB, che sta per time to first byte, è la quantità di tempo che impiega da quando un client fa una richiesta HTTP a lui ricevendo il suo primo byte di dati dal server web. Il TTFB è un aspetto importante dell’ottimizzazione del sito Web poiché più veloce è TTFB, più velocemente la risorsa richiesta può iniziare a essere consegnata al browser.

TTFB schema

Il tempo al primo byte è composto da tre componenti separati.

  • Il tempo necessario per inviare la richiesta HTTP
  • Il tempo necessario al server per elaborare la richiesta
  • Il tempo necessario al server per inviare il primo byte della risposta al client

Definizione TTFB

Il Time to first byte (TTFB) è una metrica per determinare la reattività di un server web. In semplici parole il TTFB misura la quantità di tempo tra la creazione di una connessione al server e il download dei contenuti di una pagina web.

Panoramica

La connessione a un server Web è un processo in più fasi in cui ogni passaggio può potenzialmente causare ritardi. Quando un sito Web è lento o non risponde, essere in grado di individuare l’origine del rallentamento è fondamentale per migliorare l’esperienza dell’utente.

Il valore TTFB aiuta le aziende a identificare i punti deboli nel processo di connessione. Determinando dove si verificano i ritardi, le aziende possono modificare i propri servizi per ottenere prestazioni più rapide e affidabili. Poiché la velocità di un sito Web può influire sul posizionamento nelle ricerche sul Web, TTFB è diventato fondamentale per ottimizzare le prestazioni e aumentare la visibilità.

Cosa influenza il tempo al primo byte?

TTFB è influenzato da tre azioni chiave:

  1.  inviare una richiesta da una macchina client al server,
  2. elaborare quella richiesta sul server e generare una risposta
  3. inviare la risposta dal server al client.

Azione 1: invio di una richiesta al server

La misurazione del TTFB inizia con la richiesta. Il tempo impiegato da un server per ricevere una richiesta può variare in base al tempo necessario per eseguire una ricerca DNS, alla velocità della rete dell’utente, alla distanza dal server e alle eventuali interruzioni della connessione. Le aziende non hanno alcun controllo sul collegamento tra l’utente e Internet, ma eventuali ritardi avranno comunque un impatto sul loro TTFB.

Azione 2: elaborazione e generazione della risposta

Una volta che un server riceve una richiesta, deve generare una risposta. Ciò comporta l’avvio di processi, l’esecuzione di chiamate al database, l’esecuzione di script Web e la comunicazione con altri sistemi sulla rete. Le strategie comuni utilizzate dalle aziende per ridurre il TTFB includono la memorizzazione nella cache delle pagine Web , l’ottimizzazione del codice lato server e il miglioramento delle risorse hardware.

Azione 3: invio della risposta al client

Una volta che un server genera una risposta, deve ritrasmetterla all’utente. Questo passaggio dipende sia dalla velocità di connessione dell’azienda che dalla velocità di connessione dell’utente. Il TTFB viene determinato nel momento in cui il client inizia a ricevere la risposta, letteralmente quando il client riceve il primo byte. La trasmissione di una richiesta e di una risposta su una rete può rappresentare quasi il 40% del TTFB .

Esempio di Time to first byte.

Nell’ambito del progetto di ottimizzazione del sito Web, il negozio di telecamere spia My-Spycam ha cercato di ridurre il proprio TTFB da oltre 4 secondi a 2. La loro strategia prevedeva la separazione delle aree di una pagina che cambiavano in base all’utente, memorizzando nella cache tutto il resto su una CDN. My-Spycam ha modificato Magento, la piattaforma di eCommerce sottostante, per memorizzare nella cache tutto tranne che per pagine e contenuti specifici (come il carrello degli acquisti di un utente).

Aggiungendo la cache dinamica, My-Spycam ha ridotto il proprio TTFB da 1162 ms a 152 ms. Questa strategia di “perforazione dei contenuti” su una pagina memorizzata nella cache ha portato a pagine dinamiche che si caricano più velocemente delle pagine statiche, senza influire sull’esperienza dell’utente.

Vantaggi dell’ottimizzazione del Time To First Byte

Il TTFB non è lo stesso del tempo o della velocità di caricamento del tuo sito web. Al contrario, è una metrica per misurare la reattività di un sito Web alla richiesta di un utente. Questa metrica ha più senso considerando come un ritardo di 2 secondi nella velocità della pagina può aumentare le frequenze di rimbalzo del 103% . Ciò significa che, se il tuo sito Web si carica e gli utenti ricevono il primo byte il più velocemente possibile, ridurrai la frequenza di rimbalzo.

TTFB Bounce Rate website rimbalzo

L’idea di TTFB si basa sull’assicurare agli utenti che la pagina Web richiesta è “funzionante e si caricherà rapidamente”. In questo modo, gli utenti sanno di essere sul sito Web giusto e il server sta elaborando la loro richiesta.

L’ottimizzazione di TTFB avvantaggia sia gli utenti che i fornitori di contenuti.

  • Gli utenti vedono un’esperienza di navigazione migliorata poiché devono dedicare meno tempo all’attesa che un servizio Web generi una risposta. Questo porta una serie di vantaggi a livello di User Experience, visualizzazioni pagine e prodotti e miglioramento delle vendite e del fatturato.
  • Le aziende vedono un maggiore coinvolgimento e fidelizzazione dei clienti poiché è meno probabile che gli utenti se ne vadano a causa di ritardi o tempi di caricamento lenti. Come già anticipato al punto sopra questo ha un impatto molto positivo sul business delle aziende ed in particolar modo negli ecommerce.
  • I motori di ricerca come Google riescono a recuperare più informazioni al passaggio dei loro GoogleBot. Più pagine scansionate, più keywork posizionabili e più percentuali di essere trovati.
  • Punteggio core web vitals ottimale. Con l’avvento dei Google Core Web Vitals, questo fattore diventa determinante anche in ottica SEO, essendo i Core Web Vitals un fattore importante (ma non determinante) per il posizionamento.

Vale sempre ricordare che la presenza online, oggi più che mai è competizione e dunque è impensabile non fare il massimo possibile se si vuol ottenere un posizionamento ottimale ed un sito che sia proficuo e remunerativo.

Qual è un valore di TTFB buono?

In generale, PageSpeed Insights di Google consiglia che il tuo TTFB sia inferiore a 200 ms per una buona esperienza utente.

Se il tuo TTFB è compreso tra 300 e 500 ms , questa è la media e alcune modifiche ti porteranno sotto i 200 ms.

Tuttavia, qualsiasi TTFB superiore a 600 ms è considerato non valido e dovrai esaminare a fondo il tuo server.

In genere, TTFB è una metrica sotto il tuo controllo e puoi facilmente decidere di ottimizzarla per ottenere risultati migliori, puoi lavorare sia intervenendo lato applicativo, che intervenendo lato server ed ovviamente entrambi.

Tuttavia, parte di TTFB è fuori dal tuo controllo: la velocità della rete dell’utente. Quindi, anche se memorizzi correttamente nella cache il tuo sito Web sul server più vicino alla geolocalizzazione dell’utente, dipende comunque dalla velocità della sua connessione Internet, specialmente se il tuo sito Web si trova in Italia e l’utente sta facendo una richiesta da qualche parte come Hong Kong magari da un dispositivo mobile come uno smartphone connesso ad una rete 3G non troppo veloce.

7 modi per ridurre TTFB sul tuo sito web

Ridurre il tuo TTFB ti porta un passo avanti verso l’avere un sito web più veloce e fornire agli utenti un’esperienza on-page fluida. Ci sono molte soluzioni facili per far funzionare il tuo TTFB e di seguito sono elencate 7 delle migliori:

1. Passa a un provider di hosting veloce

La causa principale di un TTFB scadente è il risultato di un cattivo hosting dei tuoi server. Se il tuo server è lento nell’elaborazione delle richieste, è dovuto a diversi problemi, come reti congestionate e server condivisi sovraccarichi da parte del tuo provider.

La soluzione migliore è cambiare il tuo piano da hosting condiviso a un server privato virtuale (VPS) o meglio utilizzare Server Dedicati, con adeguato tuning e sistemi di caching come il nostro ad esempio.

È inutile ed assurdo essere in hosting shared e allo stesso tempo pretendere una velocità ottimale.

2. Aggiorna costantemente i tuoi plugin e temi

Un sistema di gestione dei contenuti (CMS) come WordPress consente l’installazione di plugin e temi per consentire la personalizzazione del tuo sito web. Sebbene questi plugin e temi aggiungano più funzionalità, aumentano anche la quantità di codice sul sito web.

La metà delle volte, la maggior parte del codice non è necessaria e non influisce sul sito Web. Durante la richiesta e la risposta dal browser e dal server, questi codici impiegheranno più tempo per essere elaborati e, a loro volta, rallenteranno il tuo TTFB. In questo caso, puoi fare una delle due cose:

I. Rimuovi plugin e temi che non stai utilizzando 

II. Aggiorna i tuoi plugin e temi attuali 

Fare uno di questi ti dà la possibilità di migliorare le prestazioni attuali di questi strumenti e del tuo sito web in generale. Attenzione però non sempre le versioni successive sono esenti da bug che penalizzano le prestazioni e le performance, per cui sempre misurare prima e dopo per decidere.

3. Utilizzare le CDN per ridurre la latenza tra server e utenti

Il problema più grande per la maggior parte dei proprietari di siti Web: fornire in modo efficace il proprio sito Web agli utenti di tutto il mondo alla stessa velocità di quelli vicino a loro. Questo è il motivo per cui la latenza è una preoccupazione significativa perché gli utenti lontani non saranno in grado di accedere al tuo sito Web a causa della loro distanza dal server. Un CDN sarà la soluzione migliore in questo caso.

Con una CDN (rete di distribuzione dei contenuti), puoi memorizzare nella cache file statici come immagini, javascript e file CSS sui server più vicini agli utenti che li richiedono. Sebbene questo non riduca direttamente il TTFB della tua pagina HTML iniziale, riduce i tuoi file statici. In questo modo, il carico sul tuo server web si riduce, consentendo quindi un’elaborazione delle richieste più veloce.

Per quanto riguarda le reti di distribuzione dei contenuti, consigliamo Cloudflare . La combinazione di una Cache Varnish e di Cloudflare ti offre un facile modo per migliorare le performance del sito.

4. Migliora le tue query sul database 

Se gestisci un sito Web che accumula dati utente o carica costantemente file di grandi dimensioni su di esso, è probabile che il tuo database venga riempito a tempo debito. Quando ciò accade, il recupero dei dati quando richiesto diventa ogni volta più lento.

La risposta alle query degli utenti dipende dall’ottimizzazione del database. In alcuni casi, se ci sono richieste in eccesso dal client al database, la risposta richiederà più tempo del solito. A volte, non elaborerà nemmeno efficacemente le query.

La risoluzione di questo problema richiede la risoluzione di problemi quali l’eliminazione di dati obsoleti e non necessari e la riscrittura della risposta alle query per consentire un’esecuzione più rapida. Inoltre, quando lavori sul tuo database, evita le sottoquery correlate : questi tipi di query dipendono l’uno dall’altro per funzionare, rallentando così il processo di caricamento del tuo sito web.

Alcune altre cose che puoi fare sono:

  • Ottimizza le tue immagini (carico lento solo quando necessario)
  • Riduci al minimo i tuoi script e stili
  • Fai un controllo settimanale o mensile del tuo
    database

5. Optare per un provider DNS premium 

Tutto su TTFB inizia dalla ricerca DNS, che avviene immediatamente dopo la richiesta di un utente. Se il tempo di ricerca DNS è lento all’inizio, l’intera esperienza sarà negativa.

La maggior parte dei provider di hosting fornirà DNS premium come un intero pacchetto. Una volta trovato un provider che assicura che le tue query DNS verranno consegnate a bassa latenza attraverso una rete globale di server DNS, allora sei a posto. Se il tuo provider di hosting non ne ha uno, puoi optare per uno come CloudFlare o Amazon Route 53.

In merito alla velocità dei DNS ne abbiamo parlato molto.

6. Utilizzare la memorizzazione nella cache lato client 

La memorizzazione nella cache del tuo sito Web sul lato client è il modo migliore non solo per migliorare il tuo TTFB ma le tue prestazioni web complessive. Questo metodo salva una copia del tuo sito Web sul dispositivo dell’utente e, nelle visite successive, possono accedere facilmente al tuo sito Web senza che il browser debba fare un viaggio di andata e ritorno da e verso il server.

Managed Server è il tuo punto di riferimento se sei nel mercato per un provider di caching lato client.

Utilizzo di Managed Server come provider di memorizzazione nella cache lato client per migliorare il TTFB

La creazione di un sito Web veloce alla fine porta a un aumento del tasso di conversione, che ha un impatto positivo sulle entrate di un’azienda. Ecco perché le aziende sono costantemente alla ricerca di modi per migliorare la velocità del proprio sito Web, anche di un solo secondo.

La memorizzazione nella cache lato client è la migliore per questo, ed è così che Managed Server ti aiuta. Utilizziamo il tuo traffico per creare ottimizzazioni automatizzate e in tempo reale per il tuo sito web. La nostra tecnologia avanzata pre-cache consente ai tuoi clienti di precaricare i tuoi contenuti prima che li richiedano.

Come abbiamo visto, questo metodo consente al tuo sito web di funzionare più velocemente di almeno il 100%, senza modificare il database o l’infrastruttura front-end.

7. Mantieni il tuo PHP aggiornato

PHP è la base di ciò che fa funzionare il tuo sito web e mantenerlo aggiornato è essenziale. Se non stai usando WordPress, l’aggiornamento del tuo PHP può essere un po’ tecnico: se facessi più casino del dovuto, potresti danneggiare il tuo sito web.

D’altra parte, i siti Web in esecuzione su WordPress possono essere aggiornati con un clic. Con ogni aggiornamento, la versione corrente sostituisce quella precedente e puoi vedere un aumento delle prestazioni web complessive.

Cosa offriamo e consigliamo per migliorare il TTFB?

Sin dal 2017 ci siamo posti come missione quella di dare qualcosa in più rispetto alle solite aziende di Hosting che basavano le loro soluzioni e il loro stack software su sistemi basati su pannelli di controllo come Plesk o cPanel.

L’obiettivo aveva soprattutto la finalità di essere diversi, poter dire e dare qualcosa che potesse fare la differenza e migliorare il business dei nostri clienti tramite un servizio a reale valore aggiunto, reale e misurabile al di là del semplice slogan commerciale.

A tal proposito abbiamo sviluppato uno stack software specifico su misura che parte dal tuning del kernel lato server, fino ad arrivare a sistemi di caching multipli, tenendo conto delle evoluzioni e degli ambiti applicativi su misura, come ad esempio le campagne di Advertsing o il traffico social.

Schema Stack Software Managed Server

 

Conclusione

Il tempo necessario per caricare una pagina web ha un enorme impatto sulla fidelizzazione dei clienti. Quando il 40% degli utenti abbandona un sito Web che impiega più di 3 secondi per caricarsi, avere un TTFB basso diventa essenziale. Non solo riduce la possibilità di perdere un cliente, ma garantisce agli utenti un’esperienza online veloce e coinvolgente.

 

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

SOLO UN ATTIMO !

Vorresti vedere come gira il tuo WooCommerce sui nostri sistemi senza dover migrare nulla ? 

Inserisci l'indirizzo del tuo sito WooCommerce e otterrai una dimostrazione navigabile, senza dover fare assolutamente nulla e completamente gratis.

No grazie, i miei clienti preferiscono il sito lento.
Torna su