31 Luglio 2023

Come diminuire le vendite e far fallire il tuo ecommerce grazie alla privacy sul Whois

Vediamo insieme quali sono gli effetti collaterali nell’utilizzare i servizi di anonimizzazione e privacy shield nella registrazione dei domini internet.

Nell’era digitale in cui viviamo, la privacy è un argomento di fondamentale importanza. Negli ultimi anni, sia le aziende che gli individui si stanno sempre più rendendo conto dell’importanza della protezione dei dati personali. Tuttavia, nel tentativo di mantenere privati i dati sensibili, le aziende possono facilmente commettere errori che influiscono sulla loro reputazione, trasparenza e affidabilità. Questi errori possono quindi riflettersi negativamente sulle vendite e sul successo generale di un’attività commerciale online. Un esempio notevole in questo senso è l’uso errato del servizio Whois.

La necessità del Whois

Whois, un protocollo di query e risposta che è ampiamente utilizzato per interrogare i database pubblici riguardanti le informazioni di proprietà di un nome di dominio, svolge un ruolo chiave nella struttura dell’infrastruttura di internet. Il servizio Whois è una risorsa fondamentale che fornisce una serie di dettagli chiave su un dominio specifico, accessibili a chiunque sul web.

In termini tecnici, le informazioni fornite dal servizio Whois includono vari tipi di dati sul dominio, il suo proprietario e lo stato attuale del dominio. Per cominciare, il servizio rivela la data di registrazione del dominio, che indica quando il nome di dominio è stato inizialmente registrato. Questa data è spesso utilizzata per valutare la longevità e la storia di un sito web.

Prendiamo ad esempio il risultato del whois di Decathlon.

Il servizio Whois fornisce anche la data dell’ultimo aggiornamento del record del dominio. Questa informazione può essere utile per determinare se il dominio è attivamente gestito o no. Un sito che non ha visto aggiornamenti recenti del suo record Whois può far sorgere dubbi sulla sua gestione attiva.

Un altro elemento chiave fornito dal servizio Whois è la data di scadenza del dominio. Questa data può indicare se il proprietario del sito intende mantenere il sito attivo nel lungo termine. Se la data di scadenza è lontana, è probabile che il sito continui ad essere gestito e aggiornato.

Il servizio Whois rileva anche l’identità del registrar, l’ente che ha registrato il dominio per conto del proprietario. Questa informazione può essere rivelatrice in termini di responsabilità e affidabilità, poiché alcuni registrar sono più rispettati di altri nell’industria.

Infine, il Whois rivela le informazioni di contatto del proprietario del dominio, che possono includere nome, indirizzo fisico, indirizzo email e numero di telefono. Questi dati possono essere cruciali per stabilire una linea di comunicazione con il proprietario del sito, sia per fini di risoluzione dei problemi, sia per questioni legali.

Il servizio Whois è quindi un elemento fondamentale per garantire la trasparenza su Internet qualora il proprietario voglia essere appunto trasparente.

La privacy e il Whois: vantaggi della mascheratura dei dati

La natura pubblica delle informazioni contenute nei record Whois ha dato origine a numerose preoccupazioni sulla privacy, soprattutto perché i dati personali dettagliati sono esposti a chiunque abbia accesso a Internet. Di fronte a queste preoccupazioni, le pratiche di offuscamento dei dati sono diventate sempre più comuni per proteggere le informazioni personali dei proprietari di domini.

La mascheratura dei dati, conosciuta anche come “Whois Privacy”, “Private Registration” o “Privacy Shield”, è una tecnica utilizzata per nascondere le informazioni personali del proprietario del dominio. Questa pratica sostituisce le informazioni di contatto del proprietario del dominio con le informazioni di un servizio di privacy o di un intermediario, offrendo un efficace strato di protezione per i dati sensibili.

privacy shield

Dal punto di vista tecnico, la mascheratura dei dati può prevenire una serie di problemi di sicurezza. Innanzitutto, può aiutare a limitare la quantità di spam che il proprietario del dominio riceve. Poiché gli spammer spesso raccolgono indirizzi email da record Whois pubblici, la mascheratura delle informazioni di contatto può ridurre in modo significativo la quantità di spam ricevuto.

Inoltre, la mascheratura dei dati può proteggere il proprietario del dominio da potenziali attacchi di ingegneria sociale. Gli aggressori possono usare le informazioni personali trovate nei record Whois per creare attacchi mirati, come le truffe di phishing, che sfruttano la fiducia della vittima. Nascondendo queste informazioni, si riduce la possibilità che queste tattiche possano avere successo.

Infine, la mascheratura dei dati può proteggere i proprietari di domini da attacchi basati sull’identità. Informazioni come il nome completo, l’indirizzo fisico e il numero di telefono possono essere usati per rubare l’identità di una persona. Offuscando queste informazioni, i proprietari di domini possono ridurre il rischio di furto di identità.

Tuttavia, è importante notare che, sebbene la mascheratura dei dati possa offrire una maggiore protezione della privacy, può anche portare a una ridotta trasparenza. Questo compromesso è un aspetto critico della gestione dei domini che le aziende devono prendere in considerazione quando decidono come gestire i loro record Whois.

Quando la privacy diventa un problema: il lato oscuro dell’offuscamento dei dati del Whois

Nonostante le indiscusse virtù della mascheratura dei dati del Whois per la protezione della privacy, esistono circostanze in cui tale pratica può rivelarsi un boomerang per un’azienda, particolarmente nel settore dell’e-commerce. Il problema sorge quando la privacy diventa sinonimo di oscurità, suscitando sospetti e dubbi nella mente dei potenziali clienti.

Immagina un consumatore che ha intenzione di fare un acquisto significativo su un sito di e-commerce che non conosce o di cui ha sentito parlare solo recentemente. In un’era in cui le frodi online sono in aumento, è del tutto plausibile che il consumatore voglia verificare l’autenticità e la credibilità del sito prima di effettuare un acquisto di tale entità.

In questo scenario, il servizio Whois diventa uno strumento fondamentale per il consumatore per assicurarsi che l’azienda sia legittima. Tuttavia, se le informazioni nel Whois sono state oscurate, ciò può sollevare dei dubbi nel consumatore. In particolare, potrebbe emergere il sospetto che l’azienda stia cercando di nascondere qualcosa o che non sia completamente affidabile. Questa mancanza di trasparenza può portare a una perdita di fiducia e, in ultima analisi, ad una rinuncia all’acquisto.

A livello tecnico, l’offuscamento dei dati del Whois può sembrare una pratica positiva, dato che protegge le informazioni personali dei proprietari di domini. Tuttavia, dal punto di vista del consumatore, questa stessa pratica può sembrare sospetta e potenzialmente scoraggiante.

hacker truffa ecommerce

Questo implica un delicato equilibrio tra privacy e trasparenza che le aziende devono gestire. Nel desiderio di proteggere la privacy, le aziende devono anche considerare come la mancanza di informazioni può influenzare la percezione del consumatore della loro marca.

Dal punto di vista psicologico, l’incertezza e l’oscurità possono creare un senso di paura o sospetto. Questo può portare a un calo di fiducia nell’azienda e, di conseguenza, a una diminuzione delle vendite. In un contesto in cui i consumatori sono sempre più consapevoli e diffidenti nei confronti delle truffe online, la trasparenza può diventare un fattore chiave nella decisione di acquisto. Pertanto, le aziende devono fare una riflessione approfondita prima di decidere di offuscare i loro dati del Whois.

Conclusione: Trovare l’equilibrio tra privacy e trasparenza

In conclusione, la privacy è un aspetto di importanza fondamentale nel mondo digitale di oggi. Tuttavia, per le aziende e i professionisti che operano online, è essenziale non trascurare il valore della trasparenza. Le aziende devono cercare di instaurare un rapporto di fiducia con i clienti e i potenziali clienti, e la trasparenza può giocare un ruolo decisivo in questo senso. Bisogna pertanto cercare un equilibrio tra la tutela dei dati sensibili e la divulgazione di informazioni sufficienti per attestare la propria legittimità e affidabilità.

L’offuscamento totale dei dati del Whois potrebbe sembrare una buona strategia per proteggere la privacy, ma può involontariamente gettare un’ombra di dubbio sulla legittimità e l’affidabilità di un’azienda. Non è quindi sempre la soluzione più indicata per le aziende che mirano a trasmettere un’immagine di affidabilità e trasparenza.

Invece, le aziende potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di approcci alternativi per proteggere la privacy. Ad esempio, potrebbero utilizzare indirizzi e-mail aziendali e numeri di telefono dedicati per la registrazione del dominio. Questi possono offrire un livello di protezione senza compromettere la percezione di trasparenza. Un’altra opzione potrebbe essere quella di fornire solo le informazioni aziendali necessarie, piuttosto che dettagli personali, nel registro Whois.

È fondamentale ricordare che una gestione efficace della privacy non dovrebbe mai essere a scapito della reputazione dell’azienda o della sua capacità di fare affari. Al contrario, una gestione attenta e ponderata della privacy può effettivamente migliorare la fiducia dei clienti e, di conseguenza, potenziare il successo di un’attività di e-commerce. Pertanto, si consiglia vivamente alle aziende di disabilitare la mascheratura totale dei dati Whois e di cercare sempre di garantire la massima trasparenza e disponibilità dei dati.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto