31 Ottobre 2023

Apache Cassandra, un database NoSQL distribuito

Introduzione ad Apache Cassandra: Massimizzare l’Efficienza, la Scalabilità e la Disponibilità dei Dati in Ambienti Distribuiti

Apache Cassandra è un Database Management System (DBMS) open source particolarmente adatto per gestire enormi database strutturati. Originariamente creato da Avinash Lakshman e Prashant Malik per Facebook nel 2008, il progetto è stato successivamente adottato dalla Apache Software Foundation nel 2009 e dal 2011 è diventato uno dei suoi progetti di punta. Questo sistema di gestione di database si colloca nella categoria dei database NoSQL a colonne e si distingue per la sua capacità di scalare orizzontalmente, permettendo la distribuzione dei dati su più cluster. In questo senso, Cassandra elimina la dipendenza da un singolo server, offrendo una robusta scalabilità.

Il termine NoSQL, nel contesto di Cassandra, è da intendersi come “Not only SQL”, ovvero “non solo SQL”, piuttosto che “nessun SQL”. A differenza dei tradizionali database SQL, i database NoSQL come Cassandra presentano notevoli vantaggi quando si tratta di manipolare grandi volumi di dati. Questi sistemi non sono limitati dal linguaggio di interrogazione SQL (Structured Query Language), il che li rende particolarmente adatti per applicazioni ad alte prestazioni.

Apache Cassandra utilizza un linguaggio di interrogazione proprietario chiamato Cassandra Query Language (CQL). Sebbene simile al SQL, il CQL è spesso preferito dagli sviluppatori poiché è specificamente adattato per sfruttare le caratteristiche uniche di Cassandra.

Dal punto di vista della sicurezza e della resilienza, Cassandra adotta un approccio ridondante che lo rende particolarmente resistente ai guasti. Questo è in netto contrasto con i database relazionali, dove la replica dei dati può spesso causare problemi.

L’ecosistema di sviluppo di Cassandra è piuttosto vasto. Oltre ai suoi sviluppatori originali, contribuiscono al progetto anche grandi nomi come IBM, Twitter e Rackspace. Un ruolo particolare è svolto da DataStax, una società che contribuisce per circa l’80% allo sviluppo open source di Cassandra e offre DataStax Enterprise, una versione commerciale del database.

Nella nota classifica dei DB engine, Apache Cassandra attualmente detiene il titolo di database a colonne più noto a livello globale, superando addirittura piattaforme come Microsoft Azure Cosmos DB e Google Cloud Bigtable.

In questo articolo, esploreremo più a fondo l’architettura, le caratteristiche chiave e le best practice per l’ottimizzazione delle prestazioni di questo database NoSQL altamente scalabile e distribuito.

Funzionalità chiave di Cassandra: Scalabilità, Sicurezza e Efficienza in un Sistema Distribuito

Cassandra è un database che incarna l’essenza di un sistema veramente distribuito, evitando la necessità di un nodo master. In un ambiente di cluster, ogni nodo detiene gli stessi diritti e può processare qualsiasi interrogazione del database. Questa architettura democratica accresce notevolmente l’efficienza del sistema nel suo insieme. L’aggiunta di nuovi nodi è un processo semplice che migliora la scalabilità; una volta installato il nuovo nodo, basta distribuire i file di configurazione adeguati, un’operazione per la quale Cassandra fornisce gli strumenti idonei.

Per quanto riguarda la resilienza ai guasti e la sicurezza dei dati, Cassandra è equipaggiato con un sistema di replica che può essere personalizzato secondo le esigenze specifiche. La robustezza del sistema è ulteriormente migliorata grazie alla replicazione automatica dei dati tra diversi nodi. In caso di malfunzionamento di un nodo, è possibile sostituirlo con facilità, mantenendo il sistema sempre disponibile per elaborare le richieste.

Uno dei punti di forza di Cassandra è la sua alta disponibilità e tolleranza alle partizioni di rete. Secondo il teorema CAP, è impraticabile assicurare contemporaneamente coerenza, disponibilità e tolleranza di partizione in un sistema distribuito. Pertanto, in Cassandra, e simili sistemi di big data, la coerenza viene spesso relegata a una priorità inferiore. Questo avviene perché, in scenari di guasto, la coerenza può essere rapidamente restaurata attraverso il recupero dei dati, mentre la disponibilità e la tolleranza di partizione devono essere costantemente mantenute.

Infine, è importante notare che Cassandra è compatibile con il paradigma di programmazione Google MapReduce, che è ottimizzato per elaborazioni su larga scala in ambienti distribuiti. Inoltre, utilizza il suo linguaggio di interrogazione specifico, il Cassandra Query Language (CQL), che è calibrato per adattarsi perfettamente alle peculiarità architetturali di Cassandra.

Vantaggi di Apache Cassandra: Scalabilità Orizzontale, Sicurezza e Velocità

Tra i punti di forza più rilevanti di Apache Cassandra spiccano indubbiamente la sua notevole scalabilità e la robusta resilienza ai guasti, due caratteristiche essenziali per le applicazioni nel campo del big data. Cassandra è progettato con un focus su una scalabilità orizzontale, che consente di incrementare la capacità e l’efficienza del sistema semplicemente aggiungendo nuovi nodi al cluster.

A differenza della scalabilità verticale, che richiederebbe un potenziamento del server esistente con CPU più performanti e dischi più capienti, la scalabilità orizzontale permette di utilizzare hardware di server facilmente reperibili sul mercato. Questo rende la soluzione di scalabilità orizzontale spesso più accessibile e conveniente.

Il modello dati di Cassandra è strutturato su tabelle hash, dove ogni riga può avere un numero variabile di colonne. Questa flessibilità si distingue dalle tabelle di database tradizionali, dove ogni riga deve avere lo stesso numero di colonne.

Un altro aspetto in cui Cassandra eccelle è la velocità. Nei test comparativi e nelle implementazioni reali, il database ha mostrato un vantaggio significativo in termini di rapidità di elaborazione rispetto ad altri sistemi NoSQL. Questo rende Apache Cassandra una scelta ottimale per applicazioni che richiedono alte prestazioni, oltre che una scalabilità e una sicurezza affidabili.

Architettura tecnica di Cassandra

Modello di Dati

Il modello di dati di Cassandra ricorda una struttura tabellare, tuttavia presenta alcune distinzioni fondamentali rispetto ai tradizionali database relazionali. Ad esempio, mentre nei database relazionali le tabelle risiedono su un singolo server, in Cassandra le tabelle possono essere distribuite su un insieme di nodi, facilitando così una scalabilità orizzontale praticamente illimitata. Una peculiarità distintiva di Cassandra è l’assenza di supporto per le operazioni di join e altre query complesse, ma ciò viene bilanciato da una capacità di lettura e scrittura ad elevata velocità, che è spesso più critica in ambienti di big data.

Nodi, Cluster e Data Center

In termini di architettura, un nodo in Cassandra è definito come una singola istanza del database in esecuzione su una macchina. Questi nodi possono essere combinati per formare un cluster, che a sua volta può essere esteso su più data center geograficamente distribuiti. Questa architettura multinodo e multi-data center è particolarmente vantaggiosa quando si tratta di garantire la resilienza dei dati e la loro disponibilità, poiché consente di avere copie dei dati in località diverse, riducendo i punti di fallimento.

Partizionamento

Il meccanismo di partizionamento è uno degli aspetti più innovativi di Cassandra e rappresenta uno dei suoi vantaggi competitivi. Utilizzando una funzione di hash, le righe dei dati vengono distribuite in modo uniforme attraverso i vari nodi presenti nel cluster. In questo modo, ogni nodo si ritrova a essere responsabile di una specifica porzione del dataset globale, denominata “partizione”. Grazie a questa distribuzione intelligente dei dati, le operazioni di lettura e scrittura possono essere eseguite con una notevole rapidità e efficienza.

Replica

La robustezza e la resilienza di Cassandra sono ulteriormente rafforzate dalle sue strategie di replica. Diverse opzioni sono disponibili, ma la più comune è quella conosciuta come “replica quorum”. Questa strategia assicura che almeno una copia dei dati sia sempre reperibile, anche in presenza di eventuali malfunzionamenti o guasti che coinvolgono uno o più nodi del cluster. Questo meccanismo di replica è fondamentale per garantire l’integrità e la disponibilità dei dati in ambienti distribuiti e scalabili.

Caratteristiche Chiave

Scalabilità Orizzontale

Tra i vantaggi di punta di Cassandra spicca senza dubbio la sua scalabilità orizzontale. Questa caratteristica consente di espandere la capacità di archiviazione e elaborazione del sistema semplicemente aggiungendo nuovi nodi al cluster esistente. Il processo di integrazione di nuovi nodi è fluido e non richiede l’arresto o la sospensione del sistema, rendendo possibile una crescita sia organica che dinamica. La scalabilità orizzontale è quindi particolarmente adatta per le organizzazioni che prevedono una rapida espansione dei loro dati e desiderano mantenere alte performance durante questo processo.

Alta Disponibilità e Fault Tolerance

Cassandra è stato progettato con l’obiettivo di garantire la massima disponibilità dei dati. L’architettura distribuita su cui è costruito il sistema, insieme alle strategie di replica altamente configurabili, permette a Cassandra di tollerare guasti hardware e interruzioni di rete senza che queste avversità abbiano un impatto significativo sulle prestazioni generali o sulla disponibilità dei dati. Questo livello di alta disponibilità e tolleranza ai guasti è fondamentale in scenari dove l’interruzione del servizio potrebbe avere conseguenze critiche.

Tunable Consistency

Un altro aspetto distintivo di Cassandra è la sua capacità di offrire una “consistenza regolabile” (Tunable Consistency). Questa funzionalità consente agli sviluppatori di personalizzare il livello di coerenza dei dati per ciascuna operazione di lettura e scrittura. A seconda delle specifiche esigenze dell’applicazione o del contesto operativo, è quindi possibile ottimizzare il compromesso tra disponibilità, coerenza dei dati e tolleranza ai guasti. Ad esempio, per applicazioni che richiedono un accesso ai dati in tempo reale, si potrebbe optare per un livello di coerenza più basso in cambio di una maggiore velocità nelle operazioni di lettura e scrittura.

Ottimizzazione delle Performance

Caching

Una delle tecniche utilizzate da Cassandra per ottimizzare le performance delle query è l’implementazione di meccanismi avanzati di caching. In particolare, Cassandra dispone di due tipi principali di cache: il Row Cache e il Key Cache. Il Row Cache è progettato per conservare intere righe di dati provenienti da una tabella, permettendo così un accesso più rapido alle letture successive. D’altro canto, il Key Cache memorizza i risultati delle funzioni di hash applicate alle chiavi di partizione, accelerando in questo modo le operazioni di accesso ai dati. L’utilizzo intelligente di queste tecniche di caching può avere un impatto significativo sull’efficienza complessiva del sistema.

Compaction

Un altro processo fondamentale per migliorare le performance in Cassandra è la compattazione, che si occupa di ridurre il numero di SSTables (Sorted String Tables) presenti sul disco rigido. La compattazione è essenziale per ottimizzare le prestazioni di lettura, riducendo il numero di operazioni I/O necessarie. Cassandra offre diversi algoritmi di compattazione che possono essere selezionati e configurati in base alle esigenze specifiche dell’ambiente in cui il database è implementato, ognuno con vantaggi e svantaggi propri.

Snitch e Topologia di Rete

Infine, il componente noto come “Snitch” gioca un ruolo cruciale nell’ottimizzazione delle prestazioni in Cassandra. Snitch è responsabile di fornire al sistema una comprensione dettagliata della topologia di rete su cui il cluster è distribuito. Queste informazioni sono vitali per la configurazione delle strategie di replica dei dati, consentendo a Cassandra di prendere decisioni più informate su dove posizionare le repliche dei dati per massimizzare l’efficienza e la resilienza del sistema.

Integrazione con Piattaforme Cloud come AWS, Google Cloud e Azure

Apache Cassandra è particolarmente adatta per essere integrato con ambienti cloud, grazie alla sua natura distribuita e scalabile. Questa compatibilità si estende a diversi fornitori di servizi cloud, tra cui AWS (Amazon Web Services), Google Cloud Platform e Microsoft Azure.

Nel contesto di AWS, ad esempio, Cassandra può essere distribuito utilizzando le istanze Amazon EC2, che permettono una configurazione rapida e flessibile del cluster. Questa flessibilità è ulteriormente potenziata dalla capacità di selezionare tipi di istanze ottimizzati per differenti carichi di lavoro, da quelli intensivi di CPU a quelli che richiedono una grande quantità di memoria. L’integrazione con servizi come Amazon S3 offre anche soluzioni robuste per il backup e l’archiviazione a lungo termine dei dati. Con la possibilità di utilizzare Amazon CloudWatch, è anche possibile monitorare le prestazioni del cluster di Cassandra in tempo reale.

Per quanto riguarda Google Cloud Platform, Cassandra può essere integrato con servizi come Google Compute Engine per la gestione delle istanze e Google Cloud Storage per le soluzioni di archiviazione. Inoltre, Google offre strumenti di analisi e monitoraggio avanzati come Google Stackdriver, che possono essere utilizzati per tenere traccia delle metriche di performance e configurare allarmi per eventi specifici.

In un ambiente Azure, Cassandra può sfruttare le capacità di Azure Virtual Machines per la configurazione del cluster e utilizzare Azure Blob Storage per l’archiviazione dei dati. Azure offre anche una suite completa di strumenti di monitoraggio e analisi, come Azure Monitor e Azure Application Insights, che forniscono intuizioni dettagliate sulle prestazioni del sistema.

Quindi, indipendentemente dalla piattaforma cloud scelta, l’integrazione di Cassandra con questi servizi cloud non solo facilita la distribuzione e la gestione del database, ma anche ottimizza l’efficienza, la resilienza e la scalabilità del sistema nel suo complesso.

Conclusioni

Apache Cassandra è una delle soluzioni NoSQL più potenti per la gestione di big data in un ambiente distribuito. La sua architettura unica, che include partizionamento, replica e coerenza configurabile, lo rende estremamente flessibile e scalabile. Mentre l’assenza di alcune funzionalità tipiche dei database relazionali può essere vista come una limitazione, è anche una delle sue forze, in quanto permette un focus su alta disponibilità e prestazioni. Le sue diverse opzioni per l’ottimizzazione delle performance, compreso l’uso efficace di caching e compattazione, ne fanno un’opzione eccellente per qualsiasi applicazione che richiede archiviazione distribuita ad alte prestazioni.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto