28 Dicembre 2023

Aggiornare CentOS 7 ad Almalinux

Guida all’aggiornamento da CentOS 7, assicurando la salvaguardia dei dati e la continuità aziendale con supporto specializzato e affidabile.

Introduzione all’aggiornamento di CentOS 7

L’annuncio della fine del supporto per CentOS 7, prevista per il 30 giugno 2024, rappresenta un punto di svolta significativo per gli amministratori di sistema e le aziende che fanno affidamento su questa piattaforma. CentOS 7, che ha lungamente funto da pilastro per innumerevoli applicazioni e servizi, sta per entrare in una fase critica del suo ciclo di vita.

CentOS-Linux-8-End-of-Lifetime-EOL-Dates_jpg

Con la fine del supporto, diventa imperativo per gli utenti di CentOS 7 valutare e attuare strategie di migrazione per garantire la sicurezza, l’efficienza e l’affidabilità dei propri sistemi. In questo contesto, il nostro articolo mira ad essere una risorsa informativa completa, delineando non solo le ragioni per cui la migrazione è necessaria, ma anche esplorando le varie alternative disponibili. Inoltre, il pezzo culmina con una guida passo-passo dettagliata per facilitare la transizione a AlmaLinux, uno dei più promettenti successori di CentOS, utilizzando il tool avanzato ELevate.

Fine del Supporto CentOS 7

Con il suo rilascio iniziale nel 2014, CentOS 7 è rapidamente diventato uno dei sistemi operativi Linux più affidabili e diffusi, trovando impiego in milioni di server in tutto il mondo. Tuttavia, ogni tecnologia ha un suo ciclo di vita e CentOS 7 non fa eccezione. La data cruciale del 30 giugno 2024 segna la fine del supporto ufficiale per CentOS 7, un momento che segnala un cambiamento radicale per la comunità degli utenti. Dopo questa data, non saranno più disponibili aggiornamenti di sicurezza o patch, lasciando i sistemi vulnerabili a nuove minacce e a rischi di sicurezza crescenti. Questo scenario crea un’urgente necessità per gli amministratori di sistema e le aziende di pianificare in anticipo, identificando soluzioni alternative e strategie di migrazione per mantenere la sicurezza e l’integrità dei loro sistemi e dati.

Cambiamenti nel Panorama CentOS

Il dicembre 2020 ha segnato un punto di svolta per la comunità CentOS con l’annuncio da parte di Red Hat di cambiamenti strutturali significativi nel progetto. Abbandonando il modello precedente, Red Hat ha rivolto la sua attenzione verso CentOS Stream, una versione rolling-release che funge da terreno di prova per lo sviluppo di Red Hat Enterprise Linux (RHEL).

fedora-centos-rhel9

Questa mossa ha lasciato gli utenti di CentOS 7 in una situazione precaria, privi di una versione stabile successiva verso cui poter migrare, soprattutto considerando che CentOS 8 ha già raggiunto la sua End-Of-Life (EOL) molto prima del previsto. Tale cambiamento ha spinto la comunità a cercare alternative valide, con un focus particolare sulle distribuzioni che potessero offrire un’esperienza simile a quella di CentOS, ma con la garanzia di un supporto a lungo termine e aggiornamenti continui, essenziali per le operazioni aziendali e di hosting.

Opzioni di Migrazione

In seguito alla fine del supporto per CentOS 7, gli utenti si trovano di fronte alla necessità di migrare verso altre distribuzioni Linux, soprattutto quelle che offrono stabilità e sicurezza per ambienti aziendali e server in produzione. CentOS Stream, benché una scelta valida per alcuni scenari, presenta delle sfide dovute alla sua natura di “rolling release”, che potrebbe portare a una maggiore instabilità e problemi di compatibilità, rendendola meno adatta per applicazioni critiche. Di conseguenza, distribuzioni come AlmaLinux, Oracle Linux, e Rocky Linux emergono come alternative valide. Queste distribuzioni non solo offrono un’esperienza simile a CentOS, ma anche garantiscono aggiornamenti regolari e supporto a lungo termine, elementi essenziali per la continuità operativa e la sicurezza dei sistemi aziendali. Ognuna di queste opzioni ha le sue peculiarità e vantaggi, rendendole interessanti per diversi casi d’uso e esigenze aziendali.

AlmaLinux: Una Nuova Stella nel Panorama Linux

AlmaLinux si posiziona come una delle alternative più promettenti per gli utenti di CentOS. Nata come risposta diretta alla discontinuazione delle versioni stabili di CentOS, AlmaLinux è sviluppata e supportata da CloudLinux, un’azienda nota per il suo impegno nella sicurezza e stabilità dei server Linux. CloudLinux porta un’esperienza decennale nel settore dei sistemi operativi, specializzandosi in soluzioni per hosting provider e data center.

La caratteristica principale di AlmaLinux è la sua stretta affinità con Red Hat Enterprise Linux (RHEL), garantendo una transizione quasi senza soluzione di continuità per gli utenti CentOS. Questo aspetto è cruciale per le aziende che richiedono stabilità e compatibilità nel loro ecosistema IT. AlmaLinux offre rilasci regolari e supporto a lungo termine, assicurando aggiornamenti continui e correzioni di sicurezza, fondamentali per mantenere i sistemi aziendali protetti e affidabili.

Supporto Aziendale e Comunitario

Uno dei punti di forza di AlmaLinux è il sostegno di CloudLinux, che si impegna a garantire il supporto e l’aggiornamento della distribuzione per i prossimi anni. Inoltre, AlmaLinux gode del supporto di una comunità attiva e in crescita, elemento fondamentale per lo sviluppo e il mantenimento a lungo termine di qualsiasi distribuzione Linux.

Migrazione da CentOS 7 verso AlmaLinux 8

Per gli utenti che affrontano la migrazione da CentOS 7, il tool ELevate si propone come una soluzione efficace e affidabile. ELevate è progettato per semplificare il processo di aggiornamento, consentendo agli utenti di passare a una nuova distribuzione mantenendo inalterati i dati esistenti e le configurazioni di sistema.

Elevate-AlmaLinux-8

Prima di intraprendere la migrazione, è fondamentale eseguire un backup completo di tutti i dati e le configurazioni per prevenire eventuali perdite. Inoltre, è altamente consigliato testare il processo di migrazione in un ambiente non critico per identificare e risolvere eventuali problemi prima di applicarlo a sistemi in produzione. Questo approccio metodico assicura una transizione graduale e sicura, minimizzando i rischi e garantendo la continuità operativa durante il passaggio a una nuova piattaforma.

Procedura Dettagliata di Migrazione

Ecco i passi dettagliati per migrare da CentOS 7 ad AlmaLinux utilizzando ELevate:

Aggiornamento di CentOS 7

Assicurarsi che il sistema sia aggiornato all’ultima versione disponibile di CentOS 7.

Eseguire i comandi:

yum update -y
reboot

Installazione di ELevate

Scaricare e installare ELevate con il comando:

yum install -y http://repo.almalinux.org/elevate/elevate-release-latest-el7.noarch.rpm

Selezione del Pacchetto Leapp

Installare il pacchetto leapp appropriato. Per AlmaLinux, il comando è:

yum install -y leapp-upgrade leapp-data-almalinux

Esecuzione del Pre-Upgrade Check

Eseguire un check di pre-upgrade per identificare eventuali problemi. Il comando è:

leapp preupgrade

Consultare il file generato /var/log/leapp/leapp-report.txt per eventuali problemi e soluzioni.

Preparazione all’Aggiornamento

In alcune configurazioni, Leapp genera domande vero/falso nel file /var/log/leapp/answerfile. È necessario rispondere a queste domande per procedere.

Apportare le correzioni suggerite nel file leapp-report.txt.

Seguire le istruzioni sulla pagina https://wiki.almalinux.org/elevate/ELevate-frequent-issues per risolvere problemi noti.

Avvio dell’Aggiornamento

Iniziare il processo di aggiornamento con i comandi:

leapp upgrade
reboot

Durante il riavvio, selezionare la nuova voce in GRUB chiamata ELEvate-Upgrade-Initramfs.

Verifica Post-Migrazione

Dopo il riavvio, accedere al sistema e verificare la migrazione con comandi come:

cat /etc/redhat-release
cat /etc/os-release
rpm -qa | grep centos

Note Importanti e Raccomandazioni

Prima di avviare qualsiasi procedura di migrazione, è imprescindibile eseguire un backup completo sia del sistema che dei dati. Questo passaggio è vitale per proteggere le informazioni e le configurazioni esistenti in caso di fallimenti o imprevisti durante la migrazione. Il backup dovrebbe includere:

  1. Dati Utente e Applicativi: Assicurarsi di copiare tutti i dati cruciali per l’operatività aziendale, inclusi database, file di configurazione, documenti, e-mail e qualsiasi altro tipo di dato importante.
  2. Configurazioni di Sistema: Salvare le impostazioni di sistema, file di configurazione di rete, script personalizzati e qualsiasi altra configurazione che potrebbe essere difficile da ricostruire.
  3. Utilizzo di Strumenti Affidabili: Utilizzare strumenti di backup affidabili e testati. È consigliabile utilizzare una soluzione che supporti il backup incrementale e offra opzioni di verifica dei dati.
  4. Test di Ripristino: È fondamentale non solo eseguire il backup, ma anche testare la procedura di ripristino per assicurarsi che il backup sia affidabile e i dati siano recuperabili in caso di necessità.

Possibilità di Riavvi Multipli Durante l’Upgrade

Il processo di upgrade da CentOS 7 ad AlmaLinux tramite ELevate può richiedere uno o più riavvi del sistema. Questo è un aspetto normale del processo di migrazione, poiché alcuni aggiornamenti richiedono un riavvio per completare l’installazione o per avviare con un nuovo kernel. Si raccomanda di:

  1. Pianificare i Riavvi: Tenere conto di questi riavvi nel piano di migrazione, specialmente se si sta lavorando su server in produzione.
  2. Monitoraggio Attivo: Monitorare il sistema durante questi riavvi per assicurarsi che tutti i servizi e le applicazioni vengano eseguiti correttamente dopo ogni riavvio.
  3. Comunicazione con gli Utenti: Informare gli utenti finali e il personale IT coinvolti sulla possibilità di tempi di inattività o accesso limitato al sistema durante il processo di upgrade.

Test su Sistemi di Prova

Considerato che ELevate è ancora in fase di test, è fortemente consigliato eseguire inizialmente la migrazione su sistemi non critici o ambienti di prova. Questo approccio permette di:

  1. Identificare Problemi Specifici: Ogni ambiente IT ha le sue peculiarità e testare in un ambiente non critico aiuta a identificare problemi unici del proprio contesto prima di applicarli a sistemi più importanti.
  2. Valutare la Compatibilità delle Applicazioni: Assicurarsi che tutte le applicazioni funzionino correttamente nel nuovo sistema operativo.
  3. Formazione del Personale: Offrire al personale IT l’opportunità di familiarizzare con il processo di migrazione e risolvere eventuali problemi in un contesto a basso rischio.

Documentazione e Supporto

Infine, mantenere una documentazione dettagliata di tutto il processo di migrazione e consultare le risorse ufficiali e la comunità per supporto e linee guida. Questo aiuta a garantire una transizione informata e supportata da una solida base di conoscenze.

Conclusione

La migrazione da CentOS 7 ad una distribuzione Linux più recente e supportata rappresenta un passaggio fondamentale per assicurare la sicurezza e la stabilità dei sistemi informatici. In un contesto in cui le minacce alla sicurezza informatica sono sempre più sofisticate e frequenti, mantenere il sistema operativo aggiornato non è solo una buona pratica, ma una necessità imprescindibile.

La Nostra Esperienza al Tuo Servizio

Da MANAGED SERVER SRL, comprendiamo le sfide e le complessità coinvolte in questo processo. Con la nostra esperienza maturata dal 2005 nel settore della sistemistica Linux, siamo in grado di offrire un servizio di migrazione professionale, accurato e personalizzato. La nostra competenza copre una vasta gamma di sistemi e configurazioni, assicurando che ogni aspetto della migrazione venga gestito con la massima attenzione.

Garanzia di Sicurezza e Continuità Operativa

Sappiamo quanto sia importante non solo la sicurezza dei dati ma anche la continuità operativa per la tua azienda. Per questo, il nostro approccio alla migrazione è progettato per essere il più indolore possibile, minimizzando i tempi di inattività e garantendo che tutte le operazioni aziendali possano proseguire senza interruzioni. La salvaguardia dei dati e la continuità operativa sono le nostre priorità assolute.

Contattaci per una Migrazione Personalizzata

Se stai considerando l’aggiornamento da CentOS 7 e hai bisogno di assistenza, non esitare a contattarci. Offriamo soluzioni personalizzate per adattarci alle esigenze specifiche del tuo ambiente IT. La nostra squadra di esperti è pronta ad assisterti in ogni fase del processo, dalla pianificazione iniziale al supporto post-migrazione, per garantire una transizione fluida e sicura al tuo nuovo sistema operativo.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto