16 Gennaio 2023

Quali sono i migliori antivirus per Linux ?

Quando è necessario installare un Antivirus per Linux? Vediamo insieme alcune motivazioni comuni.

Antivirus-per-Linux

Sapevi che i virus informatici non sono una novità recente? La loro storia risale addirittura agli anni ’80! All’inizio, i virus erano principalmente creati da programmatori come una sorta di sfida tra amici o come esperimento tecnico. Immagina che un gruppo di amici programmatori si sfidano a creare il virus più elaborato o difficile da rimuovere.

Il primo virus informatico noto è stato creato nel 1981 da due studenti universitari, Rich Skrenta e Tom Duff. Questo virus, chiamato “Elk Cloner”, era un semplice virus per floppy disk che si diffondeva attraverso la copia di se stesso sui dischi floppy condivisi. Non causava alcun danno al computer infetto, ma era in grado di mostrare un messaggio divertente ogni volta che veniva avviato il computer.

Il virus Elk Cloner è stato uno dei primi esempi di una nuova forma di minaccia informatica e ha rappresentato il punto di partenza per lo sviluppo di virus sempre più sofisticati e dannosi. Nonostante sia stato creato come un semplice esperimento goliardico, ha dimostrato che era possibile creare software in grado di replicarsi autonomamente e diffondersi da un computer all’altro.

Da allora, i virus informatici sono diventati sempre più complessi e sofisticati, e la minaccia rappresentata dai virus è diventata sempre più importante per le organizzazioni e per gli utenti privati.

Con l’avvento di Internet e la crescente dipendenza dalla tecnologia, i virus informatici sono diventati un vero e proprio business per le organizzazioni criminali. Oggi i virus sono utilizzati principalmente per rubare informazioni personali, denaro o per causare danni ai sistemi informatici.

È importante notare che ora i virus non vengono più solo scritti da singoli individui, ma anche da organizzazioni criminali, che utilizzano la tecnologia per guadagnare denaro in modo illecito. Inoltre, i virus attuali sono molto più sofisticati e difficili da rilevare rispetto a quelli degli anni ’80, quindi è importante essere sempre vigili e protetti.

Cos’è un Virus Informatico?

Un virus informatico è un tipo di software dannoso che si diffonde automaticamente da un computer all’altro, utilizzando le vulnerabilità del sistema per replicarsi e propagarsi. Un virus può essere in grado di causare danni al sistema operativo, ai file o ai dati presenti sul computer infetto.

Un Trojan, invece, è un tipo di malware che si presenta come un software legittimo ma in realtà è stato progettato per eseguire azioni dannose, come la raccolta di informazioni personali o l’apertura di backdoor per consentire l’accesso remoto non autorizzato al sistema infetto.

Le conseguenze di un’infezione da virus o trojan possono essere molteplici e variano a seconda del tipo di malware e della gravità dell’infezione. Alcune possibili conseguenze sono:

  • La perdita o la corruzione dei dati presenti sul computer infetto
  • Il rallentamento delle prestazioni del sistema
  • La possibilità di essere utilizzato come punto di partenza per attacchi informatici contro altri computer o reti
  • La perdita della privacy e della sicurezza personale, a causa della raccolta e del furto di informazioni personali
  • La possibilità di utilizzo del sistema infetto per attività illegali o dannose, come spamming o attacchi DDoS

È importante quindi tenere sempre aggiornato il proprio sistema operativo e i software installati, utilizzare un software antivirus affidabile e fare attenzione alle e-mail di phishing o ai link sospetti. In caso di infezione è importante procedere subito alla pulizia del sistema o al ripristino da un backup.

Virus e Malware su Linux

In passato, era raro sentire parlare di attacchi di virus sui computer Linux. Era comunemente accettato che Linux fosse molto più sicuro rispetto a Windows e che i virus per Linux semplicemente non esistessero. Tuttavia, questa percezione sta cambiando.

Anche se si utilizza correttamente Linux, non si è automaticamente protetti da virus e malware. Il software antivirus può svolgere un ruolo importante nella protezione dei file riservati, soprattutto se si utilizzano dispositivi Linux per scopi aziendali. Infatti, oggi sentiamo parlare di un numero sempre maggiore di attacchi contro i dispositivi Linux.

Il numero di virus per Linux sta crescendo gradualmente e, anche se questi attacchi sono meno comuni rispetto a quelli per Windows, ciò non significa che non debbano essere presi in considerazione. Utilizzare una soluzione antivirus non è una cattiva idea, soprattutto quando la tua azienda utilizza Linux. Un attacco può influire notevolmente sulla produttività e rovinare i processi aziendali.

Per questo motivo è importante considerare l’utilizzo di un antivirus per Linux. Ci sono molti prodotti disponibili sul mercato, quindi è importante scegliere quello più adatto alle tue esigenze.

Il sistema operativo Linux è noto per essere molto sicuro rispetto ai sistemi operativi Microsoft come Windows. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte dei virus e del malware sono sviluppati per sfruttare le vulnerabilità dei sistemi operativi Microsoft, poiché questi sono i sistemi operativi più utilizzati al mondo. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni in cui può essere utile utilizzare un software antivirus su Linux. Ad esempio, se si utilizza Linux per accedere ai file di un sistema Windows o se si utilizzassero software che sono stati originariamente sviluppati per Windows, potrebbe essere necessario utilizzare un software antivirus per proteggere il sistema. In generale, tuttavia, Linux è considerato un sistema operativo molto sicuro e la maggior parte degli utenti non hanno bisogno di utilizzare un software antivirus.

Uno dei primi virus per Linux noti è stato il “Linux.Rst.b” creato nel 1999. Questo virus si diffondeva attraverso le vulnerabilità del sistema operativo Linux e causava la corruzione dei file.

Un altro esempio di malware per Linux è il “Linux.BackDoor.Gates”, un trojan che si diffonde attraverso vulnerabilità del sistema operativo Linux e apre una backdoor per consentire l’accesso remoto non autorizzato al sistema infetto.

Un altro esempio di malware per Linux è il “Linux.Encoder.1” un ransomware che cripta i file della vittima e chiede un riscatto per decriptarli.

È importante notare che questi malware sono molto meno comuni rispetto a quelli per Windows e spesso sono stati creati per attaccare specifiche distribuzioni o versioni di Linux.

A ragion di ciò si potrebbe pensare che non ha alcun senso parlare di Antivirus per Linux o meglio Virus e Linux; tuttavia, guardando un po’ più attentamente la problematica ci si renderà conto che non solo le cose stanno molto diversamente, ma che è proprio grazie agli Antivirus per Linux che gran parte degli utenti Microsoft possono vivere più sereni.

Antivirus per Linux

Nonostante, comunque, ci siano pochi casi di virus per Linux, il mercato degli antivirus per Linux è sempre più fiorente, soprattutto in quelle casistiche in cui un Antivirus Linux debba girare su sistemi come File Server, NAS, SAN, Condivisioni di rete SAMBA e Mail server che hanno come target client che montano sistema operativo Windows.

In parole povere i servizi realizzati su Linux hanno bisogno di proteggere gli utenti Microsoft Windows che utilizzano i servizi forniti ed erogati da Linux.

Cosa succederebbe insomma se un rappresentante di una ditta estera col PC infetto, accedesse alla nostra rete aziendale per poter mandare una mail, e nel frattempo la sua infezione riuscisse a scrivere sulla cartella condivisa del file server aziendale?

 

Probabilmente in qualche giorno l’intera rete sarebbe infetta, mettendo a rischio i dati e la business continuity dell’azienda. È importante dunque comprendere con questo banale esempio che un Antivirus in grado di scansionare i file scritti sulle condivisioni di rete di un fileserver realizzato su Linux, sia di fondamentale importanza a tutela della sicurezza informatica e dei dati dell’organizzazione.

Un altro esempio simile può invece riguardare una mail server realizzato su Linux tramite Sendmail o Exim o Postfix, gestito dal reparto tecnico di una banca che ogni giorno riceve innumerevoli comunicazioni per migliaia di dipendenti, mail gestite tramite Microsoft Outlook e che hanno moltissimi allegati.

Cosa succederebbe se arrivasse un allegato malevolo camuffato da una rendicontazione interna, che possa concedere accesso dall’esterno della banca, o crittografare tutti i terminali della filiale rendendo di fatto non operativa una filiale al pubblico?

Come potrete intuire, ragionando in quest’ottica le problematiche sono veramente tante ed è sempre più chiaro ed evidente che spesso un Antivirus su Linux lo si installa al fine di scansionare file destinati ad utenti Microsoft.

E proprio per questo motivo che molte aziende hanno sviluppato software Antivirus per Linux che svolgono funzionalità sia di scansioni standalone, che integrazione con file server e mail server, sia per le mail in fase di invio che di ricezione.

Vediamone alcuni con i relativi riferimenti.

ClamAV Antivirus

clamav

ClamAV è uno degli antivirus open-source più popolari per Linux. E’ stato sviluppato nel 2000 da Tomasz Kojm e si è evoluto nel corso degli anni diventando uno dei software di sicurezza più utilizzati su Linux. ClamAV include un’ampia gamma di funzionalità di sicurezza, tra cui la scansione in tempo reale, la scansione programmata e la protezione contro i virus, i worm e i Trojan. Inoltre, include una interfaccia di linea di comando, una libreria per lo sviluppo e un’API per l’integrazione con altri software.

ClamAV è disponibile per la maggior parte delle distribuzioni Linux e può essere utilizzato sia come programma standalone che come componente di altri software di sicurezza. Esiste anche un’interfaccia web chiamata ClamAV-Webmin che permette di gestire le funzionalità di ClamAV tramite un’interfaccia web.

ClamAV può essere utilizzato anche per la protezione dei sistemi di posta su Linux. Esiste un plugin chiamato “ClamAV-milter” che permette di integrare ClamAV con i sistemi di posta come Postfix e Sendmail. Questo plugin consente di eseguire la scansione dei messaggi di posta elettronica in entrata e in uscita e di bloccare i messaggi infetti. Inoltre, ClamAV può essere utilizzato in combinazione con altri software di sicurezza come Amavisd-new che consente di gestire la scansione dei messaggi di posta elettronica in modo più efficiente e completo.

In generale, ClamAV è uno strumento affidabile e completo per la protezione dei sistemi Linux dalle minacce informatiche. Grazie alla sua ampia gamma di funzionalità e alla possibilità di integrazione con altri software, è una scelta popolare per la protezione dei sistemi di posta e per la sicurezza generale del sistema.

Sophos AntiVirus e Sophos for Linux Mail

Sophos-antivirus-for-linux

Sophos Anti-Virus è un software commerciale disponibile per Linux. È stato sviluppato nel 1985 da Jan Hruska e Peter Lammer, con lo scopo di proteggere i sistemi Macintosh da virus e malware. Nel corso degli anni, Sophos si è espanso per supportare altri sistemi operativi tra cui Linux.

Sophos Anti-Virus include funzionalità di sicurezza avanzate come la scansione in tempo reale, la scansione programmata e la protezione contro i virus, i worm e i Trojan. Inoltre, offre un’interfaccia utente intuitiva e una console di gestione remota per la gestione dei dispositivi.

Sophos Anti-Virus può essere utilizzato anche per la protezione dei sistemi di posta su Linux. Esiste un plugin chiamato “Sophos for Linux Mail” che permette di integrare Sophos Anti-Virus con i sistemi di posta come Postfix e Sendmail. Questo plugin consente di eseguire la scansione dei messaggi di posta elettronica in entrata e in uscita e di bloccare i messaggi infetti.

Kaspersky Anti Virus

kaspersky-lab-logo

Kaspersky Anti-Virus è un software commerciale disponibile per Windows. È stato sviluppato nel 1997 da Eugene Kaspersky, Natalya Kaspersky e Alexey De-Monderik con lo scopo di proteggere i sistemi informatici dalle minacce informatiche. Nel corso degli anni, Kaspersky si è espanso per supportare altri sistemi operativi, tra cui Linux.

Kaspersky Anti-Virus include funzionalità di sicurezza avanzate come la scansione in tempo reale, la scansione programmata e la protezione contro i virus, i worm e i Trojan. Inoltre, offre un’interfaccia utente intuitiva e una console di gestione remota per la gestione dei dispositivi.

Kaspersky Anti-Virus può essere utilizzato anche per la protezione dei sistemi di posta su Linux. Esiste un plugin chiamato “Kaspersky Security for Linux Mail Server” che permette di integrare Kaspersky Anti-Virus con i sistemi di posta come Postfix e Sendmail. Questo plugin consente di eseguire la scansione dei messaggi di posta elettronica in entrata e in uscita e di bloccare i messaggi infetti. Inoltre, Kaspersky Anti-Virus può essere utilizzato in combinazione con altri software di sicurezza come Amavisd-new che consente di gestire la scansione dei messaggi di posta elettronica in modo più efficiente e completo.

ESET NOD32 Antivirus per Linux

ESET Antivirus per Linux

ESET NOD32 Antivirus è un software commerciale disponibile per Linux. È stato sviluppato nel 1992 dalla società slovacca ESET, con lo scopo di proteggere i sistemi informatici dalle minacce informatiche. Nel corso degli anni, ESET NOD32 Antivirus si è evoluto per supportare anche i sistemi operativi Linux.

ESET NOD32 Antivirus include funzionalità di sicurezza avanzate come la scansione in tempo reale, la scansione programmata e la protezione contro i virus, i worm e i Trojan. Inoltre, offre un’interfaccia utente intuitiva e una console di gestione remota per la gestione dei dispositivi.

ESET NOD32 Antivirus può essere utilizzato anche per la protezione dei sistemi di posta su Linux. Esiste un plugin chiamato “ESET Mail Security for Linux” che permette di integrare ESET NOD32 Antivirus con i sistemi di posta come Postfix e Sendmail. Questo plugin consente di eseguire la scansione dei messaggi di posta elettronica in entrata e in uscita e di bloccare i messaggi infetti. Inoltre, ESET NOD32 Antivirus può essere utilizzato in combinazione con altri software di sicurezza come Amavisd-new che consente di gestire la scansione dei messaggi di posta elettronica in modo più efficiente e completo.

Conclusioni

In conclusione, la sicurezza informatica è diventata sempre più importante con l’aumento delle minacce online. Anche se Linux è considerato un sistema operativo più sicuro rispetto a Windows, non significa che non sia soggetto a attacchi da virus e malware. Pertanto, utilizzare un software antivirus può essere una buona idea per proteggere i propri dati e dispositivi. Il mercato offre molte soluzioni commerciali per tutte le tasche, e anche soluzioni open-source come ClamAV Antivirus possono essere sufficienti per fronteggiare le minacce online senza dover investire grossi capitali. In ogni caso, è importante considerare la propria situazione specifica e scegliere una soluzione che meglio si adatti alle proprie esigenze.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Scroll to Top