20 Ottobre 2023

Qual è la differenza tra Backup e Disaster Recovery?

Scopri come Backup e Disaster Recovery lavorano in sinergia per garantire la sicurezza dei dati e la continuità operativa nell’odierno panorama digitale.

Backup-VS-Disaster-Recovery-Differenze

Nel mondo sempre più digitalizzato in cui viviamo, la sicurezza dei dati è diventata una priorità assoluta per aziende e individui. Due termini che spesso emergono in questo contesto sono “Backup” e “Disaster Recovery”. Anche se possono sembrare simili a prima vista, hanno obiettivi e applicazioni molto diversi. Questo articolo esplora le differenze fondamentali tra backup e disaster recovery, e come entrambi contribuiscono alla strategia globale di continuità aziendale.

Introduzione: Perché la sicurezza dei dati è fondamentale?

In un’epoca dominata dall’interconnessione digitale, capire l’importanza della sicurezza dei dati è più che mai una priorità non solo strategica ma anche legale. I rischi associati alla gestione dei dati sono molteplici e in costante evoluzione; vanno dagli attacchi ransomware, che crittografano i dati rendendoli inaccessibili fino al pagamento di un riscatto, agli attacchi DDoS che possono rendere un’intera rete inutilizzabile, senza dimenticare gli errori umani che possono portare a perdite accidentali di informazioni. In qualsiasi di questi scenari, le conseguenze per un’azienda possono essere disastrose. Parliamo di interruzioni operative che possono costare enormi somme di denaro per ogni minuto di inattività, di perdita di fiducia da parte dei clienti che potrebbero decidere di rivolgersi alla concorrenza, e di danni alla reputazione aziendale che possono richiedere anni per essere riparati, se mai saranno del tutto recuperabili.

Ma non si tratta solo di una questione di buona governance o di minimizzazione del rischio. In Italia, la legge impone specifiche responsabilità alle aziende per quanto riguarda la protezione dei dati. Il Decreto Legislativo 196/2003, meglio noto come Codice in materia di protezione dei dati personali, e il Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), ad esempio, stabiliscono obblighi precisi sulla conservazione e protezione dei dati. Alcune normative, come la Legge 82/2005 sull’e-government, vanno ancora più a fondo, imponendo alle amministrazioni pubbliche l’obbligo di predisporre piani di disaster recovery. In questo quadro normativo, la non conformità può portare a sanzioni severe, comprese pesanti multe che possono avere un impatto significativo sull’operatività aziendale.

Pertanto, la sicurezza dei dati non è solo una pratica consigliata, ma spesso un obbligo di legge, soprattutto a livello aziendale. Ignorare questi aspetti può portare a conseguenze che vanno ben oltre il danno operativo o reputazionale, arrivando a implicare seri problemi legali e finanziari. Ecco perché è assolutamente fondamentale che le aziende adottino misure rigorose per la protezione dei dati, che includano sia strategie di backup sia piani di disaster recovery.

Che cos’è un Backup?

Il backup è il processo attraverso il quale i dati sono copiati fisicamente e conservati su un supporto di archiviazione separato dal sistema originale. Questo supporto può variare da un disco rigido esterno a una soluzione di archiviazione in rete (NAS), fino ad arrivare a servizi di backup basati su cloud. L’obiettivo fondamentale del backup è fornire un mezzo attraverso il quale i dati possono essere rapidamente e facilmente recuperati in caso di perdita di dati o corruzione. Questo processo non si limita alla semplice copia dei file, ma può anche includere l’archiviazione di configurazioni di sistema, database, e-mail e altre risorse digitali fondamentali per l’operatività di un’organizzazione o di un individuo.

L’importanza del backup diventa chiara quando si considerano gli scenari in cui potrebbe essere necessario. Ad esempio, le cancellazioni accidentali di file sono più comuni di quanto si possa pensare, soprattutto in ambienti di lavoro frenetici dove un click sbagliato può portare alla perdita di documenti cruciali. Anche la corruzione di dati, che può essere causata da vari fattori come malfunzionamenti del software, errori di sistema o attacchi malware, rappresenta un rischio significativo. Inoltre, i danni fisici ai dispositivi di archiviazione, come il guasto di un disco rigido, possono portare alla perdita irreparabile di dati importanti se non esiste un backup adeguato.

Oltre a proteggere contro la perdita di dati, il backup offre anche una strategia per il recupero da situazioni di inattività minore. Ad esempio, se un’applicazione critica per le operazioni aziendali subisce una corruzione dei dati, avere un backup recente può permettere di ripristinare rapidamente la funzionalità, riducendo al minimo l’interferenza con le operazioni commerciali.

Il backup non è un processo monolitico, ma può essere personalizzato in base alle esigenze specifiche. Ci sono diversi tipi di backup, tra cui backup completi, che copiano tutti i dati selezionati; backup incrementali, che copiano solo i dati modificati dall’ultimo backup; e backup differenziali, che copiano tutti i dati che sono stati modificati dall’ultimo backup completo. Questi metodi possono essere combinati in varie strategie di backup, offrendo un equilibrio tra l’uso dello spazio di archiviazione e la rapidità del processo di recupero.

Tipi di Backup

  1. Backup completo: Copia tutti i file e le cartelle selezionati.
  2. Backup incrementale: Copia solo i dati che sono stati modificati dall’ultimo backup.
  3. Backup differenziale: Copia tutti i dati modificati dall’ultimo backup completo.

Quando usare il Backup?

Il backup è più utile per problemi a basso impatto come la cancellazione accidentale di file, corruzione di dati minori o guasti hardware non critici. In genere, i backup sono programmati per funzionare automaticamente a intervalli regolari, garantendo che sempre una copia relativamente aggiornata dei dati sia disponibile.

Che cos’è il Disaster Recovery?

Il Disaster Recovery rappresenta una strategia ben più complessa e completa rispetto al mero backup dei dati. Mentre il backup è focalizzato principalmente sul salvataggio delle informazioni digitali in modo che possano essere recuperate, il Disaster Recovery è un piano olistico che mira al ripristino delle funzionalità operative di un’intera infrastruttura IT a seguito di un evento catastrofico. In altre parole, non si tratta solo di garantire che i dati siano al sicuro, ma di assicurare che l’intero ecosistema tecnologico dell’azienda possa essere rimesso in funzione nel più breve tempo possibile.

Questo implica la considerazione di una serie di asset e risorse IT, che vanno ben oltre i dati. Stiamo parlando del ripristino di server, sistemi di storage, reti e connettività, applicazioni software, sistemi di sicurezza e persino delle configurazioni utente. In alcuni casi, il Disaster Recovery può implicare anche la necessità di spostare fisicamente l’infrastruttura IT in una nuova sede, se la location originale dovesse essere resa inutilizzabile da eventi come incendi, allagamenti o altri disastri naturali.

Il Disaster Recovery include anche procedure dettagliate e passaggi specifici che devono essere seguiti per ripristinare ogni componente del sistema. A differenza del backup, che può essere eseguito da singoli individui o piccoli team, un piano di Disaster Recovery efficace richiede la collaborazione tra diversi dipartimenti all’interno di un’organizzazione, spesso coordinata da un team dedicato di esperti in continuità aziendale e ripristino del sistema.

E’ importante sottolineare che un piano di Disaster Recovery deve essere testato regolarmente per assicurare che sia realmente efficace. Questo può includere simulazioni di disastri e esercizi pratici che mettono alla prova non solo la tecnologia, ma anche la prontezza del personale e la robustezza delle procedure operative.

Componenti del Disaster Recovery

Parlare di Disaster Recovery implica la comprensione di alcuni concetti e componenti chiave che contribuiscono all’efficacia di un piano di recupero. Tra i più importanti troviamo il Piano di Disaster Recovery (DRP), il Ripristino punto-obbiettivo (RPO) e il Tempo obiettivo di ripristino (RTO). Ognuno di questi elementi svolge un ruolo cruciale nel garantire che un’organizzazione possa recuperare rapidamente e in modo efficace da un disastro.

Piano di Disaster Recovery (DRP): Un DRP non è altro che una guida dettagliata che fornisce istruzioni passo-passo su come un’organizzazione dovrebbe procedere per ripristinare le sue operazioni in caso di interruzione o disastro. Questo piano è di solito un documento formale che include un elenco di attività prioritarie, risorse necessarie e responsabilità assegnate a vari membri del team. Può anche includere contatti d’emergenza, procedure per la comunicazione interna ed esterna, e persino piani per la gestione della catena logistica e delle relazioni con i clienti durante l’interruzione. Il DRP dovrebbe essere considerato un documento “vivo”, in quanto necessita di revisioni periodiche e aggiornamenti per rimanere al passo con le mutevoli necessità aziendali e le nuove vulnerabilità emerse.

Ripristino punto-obbiettivo (RPO): Il RPO è una metrica che indica l’età massima dei file o dei dati che un’organizzazione può tollerare di perdere nel caso in cui si verifichi un disastro. In pratica, definisce la frequenza con cui i backup dovrebbero essere effettuati. Ad esempio, un RPO di due ore significa che l’azienda deve eseguire backup almeno ogni due ore per assicurare che i dati recuperati siano il più aggiornati possibile. Questa metrica è fondamentale per comprendere quanto sia critica la perdita di dati per l’operatività aziendale e per determinare le strategie di backup più appropriate.

Tempo obiettivo di ripristino (RTO): Questa è un’altra metrica cruciale che indica il tempo massimo consentito per il ripristino delle operazioni dopo un evento disastroso. L’RTO è strettamente correlato al livello di tolleranza ai guasti di un’organizzazione e rappresenta la finestra di tempo entro cui tutte le funzioni e i sistemi critici devono essere ripristinati per evitare un impatto significativo sull’azienda. Ad esempio, un RTO di quattro ore suggerisce che tutti i servizi, applicazioni e funzioni devono essere completamente operativi entro quattro ore dal momento dell’interruzione.

Ogni uno di questi componenti rappresenta un aspetto critico del piano di Disaster Recovery e richiede un’attenta pianificazione, valutazione e test per garantire che siano adeguatamente calibrati alle esigenze specifiche di un’organizzazione. Insieme, contribuiscono a formare un quadro robusto che permette alle aziende di affrontare e superare gli inevitabili disastri e interruzioni, minimizzando al contempo i danni e accelerando il ritorno alla normalità operativa.

Quando usare il Disaster Recovery?

Il disaster recovery è essenziale per scenari ad alto impatto che possono interrompere completamente le operazioni aziendali. Questi includono catastrofi naturali come terremoti e inondazioni, attacchi cibernetici su larga scala o guasti hardware critici che influenzano l’intera rete.

Backup vs Disaster Recovery: Un confronto

Caratteristica Backup Disaster Recovery
Obiettivo Recupero dati Continuità aziendale
Scopo Problemi minori Catastrofi
Copertura Dati Infrastruttura IT
Costo Inferiore Superiore

Come integrare Backup e Disaster Recovery nella vostra strategia

Non si tratta di scegliere tra backup e disaster recovery; entrambi rappresentano componenti essenziali e complementari di una strategia di continuità aziendale ben congegnata e implementata. Il backup serve come rete di sicurezza per i dati, fornendo un mezzo per il loro recupero in caso di perdite accidentali, corruzioni o altre forme di compromissione. D’altro canto, il disaster recovery va ben oltre, assicurando che l’intera infrastruttura operativa, compresi hardware, software, rete e risorse umane, possa essere ripristinata e tornare funzionale in tempi rapidi dopo un disastro.

Valutare i Rischi e le Esigenze: La prima fase nella creazione di una solida strategia di continuità aziendale è valutare accuratamente i rischi e le esigenze specifiche dell’organizzazione. È fondamentale identificare quali dati sono critici per le operazioni quotidiane e quali scenari di disastro sono più probabili per la vostra azienda. Questa valutazione può includere una varietà di fattori, dai rischi naturali come terremoti o alluvioni, a quelli legati alla sicurezza informatica, come attacchi ransomware o violazioni dei dati.

Implementare Backup Regolari: Una volta comprese le esigenze, la fase successiva è implementare una strategia di backup efficace. Per massimizzare la protezione, è consigliabile utilizzare una combinazione di tipi di backup: completi, incrementali e differenziali. I backup completi offrono la copia più completa dei dati, mentre i backup incrementali e differenziali permettono di risparmiare spazio e tempo, copiando solo i dati modificati da un punto di riferimento prestabilito.

Creare un Piano di Disaster Recovery: Con una comprensione chiara dei rischi e delle esigenze e una strategia di backup in atto, il passo successivo è sviluppare un Piano di Disaster Recovery dettagliato. Questo piano dovrebbe fungere come una guida su come recuperare da vari tipi di disastri, delineando i passaggi specifici, le risorse necessarie e i tempi di esecuzione per il ripristino delle operazioni.

Testare il Piano: Un piano, per quanto ben scritto, è inutile se non è efficace nella pratica. Ecco perché è essenziale eseguire esercizi di recupero regolari per testare l’efficacia del piano. Questi test simulano le condizioni di un disastro reale e forniscono un’opportunità preziosa per valutare la prontezza dell’organizzazione, individuare eventuali lacune nel piano e apportare le modifiche necessarie.

Conclusione

Backup e disaster recovery sono più che semplici procedure tecniche; rappresentano due lati fondamentali della medaglia chiamata “Sicurezza dei dati”. Questi due elementi sono indispensabili per qualsiasi strategia di gestione delle informazioni e protezione delle risorse digitali. Investire in una soluzione di backup robusta e in un piano di disaster recovery meticolosamente progettato non è solo un’azione proattiva, ma una necessità assoluta in un’epoca in cui le minacce alla sicurezza dei dati sono sempre più sofisticate e pervasive.

Oltre a fornire una rete di sicurezza per le informazioni vitali, l’implementazione efficace di strategie di backup e disaster recovery contribuisce anche alla continuità delle operazioni aziendali. Questo aspetto è cruciale in un ambiente di business sempre più competitivo e interconnesso, dove le interruzioni operative possono avere conseguenze devastanti non solo a livello finanziario, ma anche in termini di reputazione e fiducia del cliente. In breve, disporre di protocolli di backup e disaster recovery solidi rende un’organizzazione resiliente contro una vasta gamma di minacce, che vanno dai disastri naturali agli attacchi informatici, passando per errori umani e guasti hardware.

Infine, è importante sottolineare che la sicurezza dei dati non è una destinazione, ma un processo in continua evoluzione. La manutenzione regolare, l’aggiornamento delle soluzioni tecnologiche e la formazione del personale sono tutti passaggi fondamentali per garantire che le strategie di backup e disaster recovery siano sempre all’altezza delle sfide emergenti. Pertanto, far diventare queste pratiche una parte integrante della cultura aziendale non è solo una scelta saggia, ma un imperativo per navigare con successo nell’odierno complesso panorama digitale.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto