25 Ottobre 2022

In che modo la crisi energetica europea potrebbe avere un impatto sull’IT

Le organizzazioni IT europee affrontano un inverno lungo e freddo mentre lottano per far fronte alla diminuzione delle risorse energetiche e all’aumento dei prezzi.

Indice dei contenuti dell'articolo:

Print Friendly, PDF & Email

L’Europa sta affrontando una crisi energetica che ha il potenziale di paralizzare un’ampia gamma di organizzazioni IT in diverse nazioni nei prossimi mesi.

Ci sono due fattori principali dietro l’attuale crisi, afferma Steve Hall, partner e presidente della società di ricerca e consulenza tecnologica ISG. “Chiaramente, la chiusura dell’oleodotto Nord Stream 1 a causa della guerra in Ucraina ha un impatto sui flussi di petrolio e gas naturale in tutto il mondo”, osserva. Il recente annuncio dell’OPEC che ridurrà la sua produzione di petrolio di due milioni di barili al giorno acuirà l’impatto, aggiunge Hall.

Ci sono anche molti altri fattori in gioco, osserva Sophia Jones, analista di investimenti presso PiggyBank, una società canadese di consulenza sugli investimenti personali. Per compensare le scarse e costose risorse importate, molti paesi europei si stanno rivolgendo al carbone per la produzione di energia. Di conseguenza, più governi si trovano ora ad affrontare il dilemma di generare energia alternativa, ma a costo di un maggiore inquinamento. Ad aggravare il problema c’è il fatto che un certo numero di centrali nucleari viene gradualmente ritirato dal funzionamento a causa di problemi di sicurezza e finanziamenti limitati. “Ciò significa che non viene prodotta abbastanza elettricità per soddisfare la domanda in alcuni paesi”, afferma Jones.

I più a rischio

Le organizzazioni IT con sede in Germania saranno probabilmente interessate per prime, in base alla loro dipendenza dall’energia dalla Russia, afferma Hall. “La Francia sarà probabilmente meno colpita a causa della dipendenza del paese dall’energia nucleare per una percentuale significativa del suo fabbisogno energetico”, osserva. Il Regno Unito e le nazioni nordiche vedranno entrambi aumenti di prezzo significativi, prevede Hall, sulla base della volatilità complessiva del mercato nel settore petrolifero, anche se probabilmente non avranno problemi di approvvigionamento significativi.

Le aziende con data center interni inefficienti saranno le organizzazioni più colpite dalla crisi energetica. “Le aziende che hanno già acquistato o sono passate al cloud saranno meno colpite, anche se non sfuggiranno ad alcune sfide di costo”, afferma Hall. “I costi energetici stanno aumentando su tutta la linea, quindi puoi aspettarti che tali costi vengano trasferiti ai clienti attraverso gli accordi esistenti”.

Con l’energia sempre più scarsa e costosa, molte aziende europee si stanno rivolgendo agli hyper-scaler, un metodo agile per elaborare i dati tramite data center remoti dotati di server collegati orizzontalmente. Hall prevede una maggiore spinta al cloud computing nei prossimi mesi, in particolare verso i principali fornitori di hyper-scaler, tra cui Amazon AWS, Microsoft Azure, Google GCP, Alibaba Cloud, IBM e Oracle, che tendono a offrire sia costi inferiori che ridotti emissioni di carbonio. “Data la complessità della transizione dei carichi di lavoro, tuttavia, siamo preoccupati che i clienti ritireranno la spesa tecnologica per le attività a priorità più bassa”, afferma.

Mitigazione dell’impatto

L’Unione Europea ha già compiuto diversi passi per mitigare l’impatto della crisi esortando gli Stati membri a ridurre i propri consumi di gas ed elettricità. “La Francia, ad esempio, ha incoraggiato i cittadini a utilizzare meno elettricità durante le ore di punta utilizzando elettrodomestici, come lavastoviglie e lavatrici quando la domanda di elettricità è bassa”, afferma Jones di PiggyBank.

Se si pensa ad esempio che la Germania è teoricamente il paese più impattato a livello economico dall’aumento dei costi delle risorse energetiche, è anche vero che il governo ha già stanziato oltre 200 miliardi di euro di fondi che verranno utilizzati per mitigare i costi.

Nel frattempo, molte organizzazioni IT europee stanno spostando i costi per coprire gli aumenti dei prezzi dell’energia. “Stanno anche gestendo meglio l’utilizzo complessivo per ridurre i consumi”, osserva Hall, aggiungendo che si aspetta “un’estensione delle politiche di lavoro da qualsiasi luogo, implementate durante la pandemia, come un modo per ridurre i costi delle strutture”.

Risoluzione

Il primo passo per risolvere la crisi sarà che ogni paese negozia con la Russia e giunga a un accordo che consentirà loro di continuare ad acquistare gas, afferma Jones. “Ciò potrebbe richiedere alcune concessioni da entrambe le parti, ma è qualcosa che deve essere fatto se vogliamo evitare problemi più grandi lungo la strada”.

Per soddisfare le esigenze a lungo termine, Jones ritiene che l’Europa dovrà diversificare le proprie fonti di energia investendo nelle tecnologie rinnovabili e nell’energia nucleare. “Questo li aiuterà a diventare meno dipendenti dalle importazioni estere di gas naturale o da qualsiasi altra forma di combustibile fossile”.

Guardando al futuro, Hall ritiene che i data center dovrebbero sforzarsi di adottare fonti di energia pulita con carichi di lavoro in esecuzione nel cloud pubblico. “Ci vorranno diversi anni per raggiungere questo obiettivo, quindi probabilmente vedremo costi più elevati trasferiti ai consumatori poiché i costi di produzione di beni e servizi continueranno ad aumentare”, afferma. “Questo, ovviamente, si aggiungerà alla pressione inflazionistica attualmente avvertita e probabilmente porterà a una continua pressione salariale”.

Hall è, tuttavia, generalmente ottimista. “Probabilmente sarà un lungo inverno, ma supponendo che i problemi energetici vengano risolti entro la metà della primavera del 2023, non dovrebbe essere dirompente per il settore IT in generale”.

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su