2 Novembre 2023

Il conflitto Tra Open Source e Pseudo-Open Source: Una storia antica quanto il software stesso

Dalle radici open source alla deriva verso modelli di business proprietari nel settore tecnologico.

Durante il Summit dei membri della Linux Foundation, tenutosi a Monterrey in California, si è molto discusso di intelligenza artificiale e open source. Un altro tema acceso è stato la decisione di HashiCorp di abbandonare la Mozilla Public License (MPL) di Terraform a favore della Business Source License (BSL) versione 1.1, la nascita del fork OpenTofu, e le reazioni del CEO di HashiCorp, David McJannet, al supporto di OpenTofu da parte della Linux Foundation.

Il dibattito, le scissioni e le controversie continuano a essere accesi e intensi. Tuttavia, mi colpisce il fatto che molte persone considerano questa situazione una novità, quando in realtà non lo è.

Non è né la prima né l’ennesima volta che un’azienda trasforma del codice open source in un prodotto proprietario o lo inserisce all’interno di un “guscio” esclusivo.

Per anni, alcuni hanno preso il codice open source, rimosso la licenza e proseguito per la loro strada, senza necessariamente commettere un furto. Infatti, alcune licenze come quella del MIT o la BSD a due clausole permettono alle aziende e agli sviluppatori di incorporare il loro codice in software proprietario. Pensiamo a progetti noti del MIT come Angular, .NET, Node.js, Ruby on Rails e React.

Poi ci sono stati casi in cui software originariamente open source sono stati talmente modificati dai loro creatori che molti non ricordano più le loro radici libere. Un esempio su tutti è il sistema operativo macOS di Apple.

Sorpresi di apprendere che macOS aveva origini open source? In effetti, è così.

macOS ha le sue radici in Darwin, un sistema operativo Unix. Quando Steve Jobs ritornò in Apple, portò con sé il sistema operativo NeXTStep basato su Unix. Nel 2000, Apple rimpiazzò il suo sistema operativo Mac Classic con macOS Darwin, che attingeva apertamente dai sistemi operativi open source FreeBSD e Mach.

Ancora oggi, scavando a fondo, si può trovare traccia di Darwin sotto la Apple Public Source License 2.0 in macOS. Esiste persino un progetto, PureDarwin, che si sforza di sviluppare un sistema operativo autonomo basato su Darwin, sebbene con scarsi risultati. Apple ha sapientemente lasciato appassire uno dei sistemi operativi open source più significativi.

Più comunemente, il software open source si integra nei prodotti commerciali attraverso l’open core. Quest’ultimo, a differenza dell’open source, è un modello di business: un’azienda offre una versione base gratuita e open source del suo software, per poi circondarla con componenti proprietari a pagamento.

Il termine “open core” è stato coniato da Andrew Lampitt nel 2008, ma il concetto esisteva già. Serviva a sostituire l’espressione ambigua “doppia licenza” e a promuovere un modello di business chiaro per comunità open source, clienti paganti e fornitori. Mirava anche a prevenire controversie come quelle che stiamo vedendo ora con HashiCorp.

Anche se il successo del modello open core può essere dibattuto, non c’è dubbio che abbia riscosso popolarità. Tuttavia, recentemente abbiamo assistito al passaggio dal modello open core a quello di sorgente disponibile, dove il codice è visibile ma non liberamente modificabile o utilizzabile in determinate circostanze.

MongoDB ha introdotto la Server Side Public License (SSPL), non riconosciuta come open source, come risposta alle piattaforme hypercloud che traggono profitto dal suo codice offrendo servizi self-hosted.

Server Side Public License - MongoDB

MongoDB non è stata l’unica; Elastic ha prosperato con l’open core, ma quando AWS ha iniziato a lucrare offrendo ElasticSearch come servizio, Elastic ha cambiato le regole nel 2021, passando alla SSPL, allontanandosi dalla licenza open source Apache 2.0.

Queste aziende hanno voluto proteggere i propri prodotti dall’essere offerti come servizio da parte di terzi. Tuttavia, quando AWS ha risposto creando un fork del progetto, la situazione ha avuto risonanza della vicenda HashiCorp.

Nonostante il cambiamento di licenze abbia suscitato preoccupazioni tra utenti e sviluppatori, queste aziende hanno continuato a prosperare. Si può disapprovare, ma bisogna riconoscere che dal punto di vista aziendale la strategia ha avuto successo.

Il caso di Red Hat poi, che ha limitato l’uso del suo Red Hat Enterprise Linux (RHEL) ai soli clienti, è emblematico. Per anni Red Hat ha bilanciato il suo ruolo di paladino dell’open source con la gestione dei cloni di RHEL come CentOS, e più recentemente AlmaLinux e Rocky Linux.

Con il tempo, Red Hat ha mostrato crescente riluttanza nel condividere il suo codice, tanto da far dubitare del suo impegno verso l’open source. Sebbene Red Hat rispetti formalmente la GNU General Public License (GPL), alcuni sostengono che abbia perso lo spirito originario.

Al centro di tutti questi casi vi è una comunanza: la ricerca del profitto. Il detto “l’amore del denaro è la radice di tutti i mali” potrebbe non essere universale, ma l’intersezione tra l’amore per il denaro e i principi dell’open source è spesso problematica.

Non c’è nulla di male nel lucrare dall’open source, come afferma Richard M. Stallman: “Non c’è nulla di sbagliato nel voler essere pagati per il lavoro, o nel cercare di massimizzare il proprio reddito, purché non si utilizzino mezzi distruttivi“. Tuttavia, Stallman aggiunge che “l’obiettivo di guadagnare denaro limitando l’uso di un programma è distruttivo“.

Le opinioni di Stallman possono non essere più così diffuse come un tempo, ma la tensione tra pratiche commerciali e filosofia open source rimane attuale, con molti ancora dalla sua parte.

Informazioni sull'autore

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto