8 Ottobre 2021

Google Pagespeed Insights e Core Web Vitals : Quanto sono importanti per la SEO ?

Scopriamo la differenza tra i due termini e quanto essi siano importanti come fattore di Ranking.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Print Friendly, PDF & Email

La domanda principale è: quanto è importante per una SEO di successo cercare di ottenere un punteggio di 100/100 nel test PageSpeed Insights? Ne parleremo in questo articolo.

Lo scorso novembre Google ha annunciato che “i segnali di ranking dell’esperienza di pagina per Ricerca Google verranno lanciati a maggio 2021. Ciò combinerà Core Web Vitals e precedenti segnali relativi alla UX“.

Google dice raramente alla community SEO quale parte del suo algoritmo considera un fattore di ranking, ma quando lo fa, come con il più recente annuncio di aggiornamento dell’algoritmo BERT , dobbiamo prestare attenzione e assicurarci di allineare la nostra strategia SEO per includere le migliori pratiche di Google.

Google PageSpeed Insights è un potente strumento online per valutare le prestazioni web. Valuta il sito su una scala da uno a 100 e fornisce consigli per un’ulteriore ottimizzazione. Un altro strumento di Google, Core Web Vitals , fornisce dettagli specifici sulla velocità reale del sito e sull’esperienza utente. Seguire i suggerimenti di queste piattaforme migliorerà il tuo SEO e ti aiuterà a spingere la pagina più in alto nella parte superiore di Google.

 

Che cos’è Google PageSpeed Insights?

Sebbene Google non sveli i suoi algoritmi, almeno una cosa è chiara: la velocità di caricamento viene utilizzata come fattore di classificazione sia sui dispositivi desktop che sui dispositivi mobili .

Google PageSpeed Insights è utile quando un manutentore di un sito web desidera analizzare le prestazioni del sito su desktop e dispositivi mobili e determinare i fattori che influenzano la velocità, l’efficienza e l’attrattiva complessiva del sito. Fondamentalmente, consente di misurare il tempo di caricamento della pagina e osservare come si posiziona la velocità del sito.

Per testare un sito web, inserisci semplicemente il suo URL e premi il pulsante “Analizza”:

Google PageSpeed Insights

Lo strumento fornisce i dati sulla velocità su dispositivi mobili e desktop e dovresti scegliere una delle opzioni prima di premere il pulsante “Analizza”. Negli ultimi anni, con i risultati di ricerca mobile-first, la velocità di caricamento sui dispositivi mobili è diventata molto più critica rispetto al desktop, quindi non dimenticare di controllarli.

Il risultato mostra un punteggio complessivo che riassume le prestazioni della pagina e ulteriori dettagli sui fattori che la influenzano. Il punteggio viene calcolato eseguendo uno strumento automatizzato open source chiamato Lighthouse .

La maggior parte delle informazioni che ottieni si riferisce a problemi tecnici delle prestazioni del sito web. Ed è una trappola in cui cadono così tanti gestori e gestori di siti web. Quando vedi diversi grafici di colori verde, giallo e rosso molto informativi e un punteggio effettivo su di esso, ti affretti intuitivamente a migliorare le metriche per avvicinare il punteggio a 100.

 

Il punteggio conta davvero?

Il fatto è che per ottenere un primo posto nella pagina dei risultati di Google, il tuo sito non deve necessariamente ottenere un punteggio di 100 su 100 su PageSpeed Insights. In effetti, un tale approccio potrebbe essere persino distruttivo per il sito Web, in quanto potrebbe richiedere lo smaltimento di molti elementi utili di UX. Più importante è controllare se i grafici generati dall’analisi sono verdi e se sono gialli o addirittura rossi, dovresti lavorare sul miglioramento.

Per dimostrare che il punteggio più alto non garantisce al sito un posto tra le pagine con il ranking più alto, abbiamo condotto un esperimento. Abbiamo cercato su Google moduli popolari WordPress  e testato ogni pagina dalla top-10 con PageSpeed Insight.

Non sorprende che la prima pagina abbia ottenuto un punteggio di 42/100 e che i suoi grafici mostrassero alcune sezioni gialle e rosse. La pagina numero due ha ottenuto 32/100 con molto colore rosso nell’infografica. È interessante notare che la pagina al 10° posto ha ottenuto 84/100 con meno rosso e un po’ di giallo.

Cosa significa? Il test PageSpeed Insights è inutile in termini di acquisizione di un primo posto nelle SERP (Pagine dei risultati dei motori di ricerca)?

Certo, non lo è. Ma la parte più preziosa dell’analisi non sono i numeri impressionanti, ma i suggerimenti forniti.

Come mai? Poiché uno dei punti di vista che PageSpeed Insights esamina la pagina è l’esperienza dell’utente. E il punteggio non lo riflette davvero.

Come utilizzare i suggerimenti di Google PageSpeed Insights

Il tempo di caricamento del sito è, senza dubbio, tra i fattori più significativi che influenzano la soddisfazione degli utenti. Se le persone si infastidiscono più velocemente di quanto la pagina finisca di caricare, semplicemente rimbalzano via. Ciò significa che dovresti lavorare per aumentare la velocità effettiva del sito (può essere misurata con strumenti diversi) e le sue prestazioni percepite (quanto velocemente il sito sembra agli utenti) invece di pensare al punteggio più alto. È qui che i consigli di PageSpeed Insights sono utili.

Quando analizzi il sito, troverai dati sul campo e di laboratorio. 

I dati sul campo mostrano le prestazioni di un determinato sito rispetto ad altri nel rapporto sull’esperienza utente di Chrome nel mondo reale negli ultimi 30 giorni e aiutano a trovare i colli di bottiglia del mondo reale. In alcuni casi, questi dati potrebbero non essere disponibili . Per monitorare la vera esperienza dell’utente, Google ha rilasciato Core Web Vitals . Questo servizio fornisce dettagli specifici sulla velocità e l’esperienza nella vita reale del sito. Parliamo di questo strumento più avanti nel testo. 

I dati di laboratorio stimano le prestazioni del sito su diverse metriche durante il caricamento di una pagina simulata in un ambiente controllato.

La combinazione di dati sul campo e dati di laboratorio fornisce un’idea migliore delle prestazioni web del sito rispetto al punteggio complessivo. Tenendo questo in mente, puoi procedere ai suggerimenti per ulteriori miglioramenti. Queste raccomandazioni sono chiamate Opportunità nei rapporti.

Maggiori informazioni sono fornite nella sezione Diagnostica.

Altri punti deboli tipici che hanno comunque funzionato bene per la pagina indicata possono essere trovati nella sezione Audit superati.

Alcuni dei suggerimenti più tipici di Google PageSpeed Insights (con suggerimenti specifici per i siti WordPress)

1. Servi l’immagine nei formati di nuova generazione

I formati di immagine comunemente usati come JPEG o PNG forniscono una compressione peggiore rispetto a formati come PEG 2000, JPEG XR e WebP. L’utilizzo di un modulo per sfruttare i formati di immagine WebP che crea automaticamente una copia WebP delle immagini caricate può essere conveniente.

2. Elimina le risorse che bloccano il rendering

Ciò significa che alcuni script JavaScript e CSS rallentano il caricamento della pagina. Per ottimizzare, PageSpeed Insights suggerisce di incorporare CSS e JavaScript critici o considerare l’utilizzo di moduli per il caricamento asincrono

3. Dimensioni corrette delle immagini

Le immagini di dimensioni adeguate non solo migliorano il tempo di caricamento, ma salvano anche i dati cellulari. Per i siti Web WordPress, è una buona idea utilizzare gli stili di immagine responsive nativi (disponibili in WordPress 8 e versioni successive).

4. Rimanda le immagini fuori schermo

Il rinvio delle immagini fuori schermo o il caricamento lento significa che le immagini vengono caricate solo quando sono necessarie. Migliora notevolmente le prestazioni percepite e può essere ottenuto con l’aiuto di vari moduli o plug-in specifici dello stack (ci sono opzioni per WordPress ).

5. Riduci JavaScript inutilizzato

JavaScript potrebbe bloccare il rendering o essere asincrono, ma in entrambi i casi è una buona idea eliminare gli script inutilizzati poiché rallentano il caricamento della pagina. Per WordPress, considera di utilizzare solo le librerie necessarie per la pagina pertinente o anche per il particolare componente in una pagina.

6. Servi le risorse statiche con una politica di cache efficiente

Il processo di memorizzazione nella cache significa che i browser salvano copie delle pagine web. Quando lo stesso utente rivisita il sito, viene caricato più velocemente. Per WordPress, potresti voler impostare la “Età massima della cache del browser e del proxy” .

I principali punti vitali del Web di Google

I Core Web Vitals sono le quattro misurazioni che rappresentano i diversi aspetti dell’esperienza dell’utente. Queste misurazioni sono:

1. FCP – First Content Paint

Mostra il tempo necessario dalla richiesta iniziale del browser al rendering di qualsiasi parte della pagina. Puoi migliorare questo punteggio inviando solo le risorse necessarie per rendere ciò che è visibile agli utenti nel viewport. Ad esempio, gli stili in linea e il caricamento lento di cui abbiamo parlato prima sono ottime pratiche in questo caso.

2. LCP – Il più grande contenuto “Disegnato”

Misura la performance di caricamento percepita, ovvero il tempo che intercorre tra la richiesta iniziale e quando il contenuto principale del sito è pronto. Questo punteggio può essere migliorato controllando le prestazioni dei caratteri e utilizzando un tag immagine nativo con srcset o un elemento immagine. In generale, è una buona idea assicurarsi che le immagini, il testo e tutto il contenuto nella finestra vengano visualizzati con il minor numero di dipendenze seriali possibile.  

3. FID – First Input Delay – Ritardo primo input

Misura la reattività del carico o l’interattività. Questo punteggio è influenzato dall’elaborazione di script pesanti o dal rendering di stili complessi. Quindi, ha senso ridurre la quantità di JavaScript che viene eseguito su una determinata pagina. Inoltre, il FID è influenzato dalle prestazioni del dispositivo. Non dimenticare di testare il tuo sito su diversi dispositivi.

4. CLS – Cambio layout cumulativo

Misura la stabilità visiva. In altre parole, quando il contenuto della pagina già caricato si sposta improvvisamente, si può parlare di uno spostamento del layout imprevisto. Questa esperienza si rivela estremamente frustrante per gli utenti. Il motivo di un tale disordine potrebbe essere risorse che vengono caricate in modo asincrono o contenuto iniettato dinamicamente. Ci sono molti consigli per ottimizzare CLS , inclusa la prenotazione di spazio per immagini e annunci sul sito.

Riepilogo

I siti veloci con una migliore esperienza utente sono classificati più in alto da Google. Per ottimizzare i siti web, abbiamo bisogno di molte misurazioni e PageSpeed Insights è uno strumento efficace che fornisce informazioni sulle prestazioni delle pagine web. Fornisce inoltre consigli per un’ulteriore ottimizzazione.

Tuttavia, il punteggio complessivo di PageSpeed Insights non è così significativo e un punteggio di 100/100 non garantirà al sito un primo posto tra i risultati di ricerca di Google. Ciò che conta davvero è concentrarsi sui suggerimenti o sulle opportunità offerte dal servizio. Un altro strumento utile è Google Core Web Vitals. Ha lo scopo di misurare l’esperienza utente nella vita reale ed è un must per i manutentori di siti web contemporanei.

17279

Vuoi ricevere i migliori consigli ?

Ogni settimana nuovi consigli e novità !

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Scrivici

Chatta direttamente con il nostro supporto tecnico.

0256569681

Chiamaci subito negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Ricevi assistenza

Apri un ticket direttamente nell’area di supporto.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su