Dropbox ha risparmiato quasi 75 Milioni in due anni abbandonando Amazon AWS e costruendo la propria infrastruttura tecnologica - 🏆 Managed Server
7 Luglio 2018

Dropbox ha risparmiato quasi 75 Milioni in due anni abbandonando Amazon AWS e costruendo la propria infrastruttura tecnologica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Print Friendly, PDF & Email

Dopo aver preso la decisione di rinnovare la propria infrastruttura e ridurre la dipendenza da Amazon Web Services, Dropbox ha ridotto i suoi costi operativi di 74,6 milioni di dollari nei prossimi due anni.

A partire dal 2015, Dropbox ha iniziato a spostare gli utenti del suo servizio di archiviazione di file dal servizio di archiviazione S3 di AWS e su un’infrastruttura e un software personalizzati progettati, e i vantaggi in termini di costi sono stati immediati. Dal 2015 al 2016, Dropbox ha risparmiato 39,5 milioni di dollari nel costo del bucket dei ricavi grazie al progetto, che ha ridotto le spese per “il nostro fornitore di servizi di datacenter di terze parti” di $ 92,5 milioni compensato da maggiori spese di $ 53 milioni per i propri data center. L’anno successivo, nel 2017, ha risparmiato ulteriori $ 35,1 milioni di costi operativi oltre i numeri del 2016.

Dropbox era una volta la storia di successo del cloud per eccellenza, una startup che ha costruito una massiccia base di utenti e presenza di brand grazie al suo utilizzo di Amazon Web Services. Ovviamente, molte aziende sono ancora felici di pagare AWS per gestire la propria infrastruttura, come dimostrano i guadagni costanti del leader del mercato cloud realizzati nel 2017 .

Ma una volta che alcune startup si trasformano in grandi aziende con centinaia di milioni di utenti, con esigenze di elaborazione che sono arrivate a comprendere intimamente, può essere molto più efficiente impostare infrastrutture di calcolo progettate esattamente tenendo conto di tali esigenze. Dopo un processo pluriennale, Dropbox ha completato quello che definisce il suo progetto “Ottimizzazione dell’infrastruttura” nel quarto trimestre del 2016.

La nostra ottimizzazione dell’infrastruttura ha ridotto i costi unitari e ha contribuito a limitare le spese in conto capitale e il relativo ammortamento. In combinazione con il contemporaneo aumento della nostra base di utenti paganti, abbiamo sperimentato una riduzione del nostro costo del fatturato, un aumento dei nostri margini lordi e un miglioramento del nostro flusso di cassa libero nei periodi presentati “, ha detto la società.

Ci sono stati due fattori che hanno reso Akhil Gupta, vice presidente di Infrastructure per Dropbox, rendersi conto che l’azienda dovrebbe uscire dal cloud. Il primo è formato e crescita. Dropbox ha 500 milioni di utenti e sta memorizzando 500 petabyte di dati. “La scala su cui stiamo operando è quella su cui pochissime saranno le altre società”, afferma Gupta.

In secondo luogo, Gupta desiderava avere un controllo end-to-end dell’infrastruttura in modo da poter controllare le prestazioni, l’affidabilità e l’esperienza complessiva dell’utente. 

Ottimizzando lo stack e personalizzando l’infrastruttura per il nostro caso d’uso, siamo stati in grado di fornire un elemento chiave di differenziazione nel mercato e un valore chiave per i nostri utenti

afferma Gupta.

Non tutte le aziende hanno la scala su cui Dropbox opera. E la maggior parte delle aziende non vedrebbe un enorme vantaggio dalla personalizzazione dell’infrastruttura per adattarla alle proprie esigenze specifiche, afferma Gupta. Il viaggio di Dropbox è durato due anni e mezzo e ha richiesto investimenti nel personale per capire come l’infrastruttura dovrebbe essere personalizzata e gli altri lavoratori per gestire i loro data center.

“La personalizzazione è un sacco di lavoro in anticipo”, ha detto Gupta. Il ritorno sull’investimento dura per un lungo periodo di tempo, quindi è necessario disporre della scala per investire nei team e sviluppare relazioni con i fornitori. I cloud pubblici, ammette Gupta, sono molto bravi nell’offrire servizi infrastrutturali sufficienti per molti carichi di lavoro. Dropbox continuerà ad utilizzare AWS per alcuni servizi, ma la sua piattaforma di archiviazione principale verrà eseguita internamente.

Il vicepresidente di Forrester Research, Richard Fichera, dice purtroppo che non esiste una regola semplice per quando è più efficiente eseguire qualcosa nel proprio data center rispetto all’utilizzo del pubblico. Ma generalmente il cloud è un posto molto efficiente per eseguire la maggior parte dei carichi di lavoro. “A meno che tu non sia nei primi percentili di dimensioni, probabilmente non ha senso“, dice Fichera di andare da solo. Anche se hai le dimensioni che avrebbero senso economico per gestirlo internamente, ci sono altri vantaggi che il cloud offre. I fornitori di cloud forniscono lo storage come servizio: non è necessario gestire l’hardware dell’infrastruttura.

Ciò non significa che la nuvola non abbia svantaggi. I provider di cloud pubblici hanno ciò che Fichera chiama “pedaggi” sull’utilizzo e lo spostamento dei dati. Di solito non ci sono costi per caricare dati nel cloud, ma ci sono costi di larghezza di banda per farlo uscire. Il cloud computing IaaS è anche la soluzione migliore per carichi di lavoro variabili con esigenze di risorse variabili. Carichi di lavoro più stabili possono essere in grado di funzionare internamente in modo più efficiente, sebbene con l’avvento di prezzi scontati per istanze riservate o utilizzo prolungato come Amazon e Google offrono, anche carichi di lavoro costanti trovano case relativamente economiche nel cloud. 

Dropbox utilizza ancora AWS per meno del 10 percento delle sue esigenze di archiviazione, come affermato nella dichiarazione. La società gestisce tre data center negli Stati Uniti ma nessuno in Europa e utilizza le risorse AWS in Europa per servire alcuni clienti in quel continente.

 

Hai dei dubbi? Non sai da dove partire? Contattaci


Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Scrivici

Chatta direttamente con il nostro supporto tecnico.

0256569681

Chiamaci subito negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Ricevi assistenza

Apri un ticket direttamente nell’area di supporto.

INFORMAZIONI

ManagedServer.it è il principale provider italiano di soluzioni hosting ad alte performance. Il nostro modello di sottoscrizione ha costi contenuti e prevedibili, affinché i clienti possano accedere alle nostre affidabili tecnologie di hosting, server dedicati e cloud. ManagedServer.it offre, inoltre, eccellenti servizi di supporto e consulenza su Hosting dei principali CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Magento.

Torna su