26 Gennaio 2024

DMARC ed i nuovi requisiti di recapito mail per Google e Yahoo

Nuovi Requisiti di Google e Yahoo dal 24 Febbraio: L’Importanza Vitale di DMARC per la Sicurezza e l’Autenticazione Email.

Yahoo-Google-DMARC-SPAM

In un mondo sempre più interconnesso, la sicurezza delle comunicazioni via e-mail è diventata un aspetto cruciale per le aziende di ogni dimensione. Con l’annuncio di nuove politiche di recapito da parte di giganti come Google e Yahoo, si apre un nuovo capitolo nel campo dell’autenticazione e della sicurezza delle e-mail. A partire da inizio 2024, Google e Yahoo richiederanno ai mittenti di newsletter e di e-mail massive di conformarsi a specifici requisiti per garantire l’affidabilità della posta elettronica e combattere efficacemente il fenomeno dello Spam.

Il Contesto dell’Evoluzione delle Politiche di Recapito Mail

Ogni giorno, miliardi di e-mail vengono scambiati globalmente, e una significativa percentuale di queste è costituita da Spam, phishing e altre forme di comunicazioni indesiderate o dannose. Per contrastare questo fenomeno, i provider di servizi di posta elettronica hanno implementato vari strumenti e protocolli di autenticazione. L’introduzione del protocollo DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting, and Conformance) rappresenta un ulteriore passo in avanti nella lotta contro lo Spam e il phishing.

Cos’è il Protocollo DMARC e la Sua Fondamentale Importanza

Il protocollo DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting, and Conformance) rappresenta una pietra miliare nel campo della sicurezza delle comunicazioni e-mail. Nell’era digitale, dove il phishing e lo spoofing sono diventati problemi quotidiani per individui e aziende, DMARC emerge come uno strumento essenziale per garantire l’integrità e l’autenticità delle comunicazioni via e-mail.

Definizione e Funzionalità di DMARC

DMARC è un framework di autenticazione e-mail che consente ai proprietari dei domini di esercitare un controllo più stretto sulle e-mail inviate dai loro domini. Questo protocollo si basa e integra con gli standard esistenti SPF (Sender Policy Framework) e DKIM (DomainKeys Identified Mail), per fornire un approccio a tre livelli all’autenticazione delle e-mail.

  • SPF permette ai proprietari dei domini di specificare quali server sono autorizzati a inviare e-mail a nome del loro dominio.
  • DKIM fornisce un metodo per validare un dominio attraverso la firma digitale, assicurando che il contenuto di un messaggio non sia stato alterato durante il trasferimento.

DMARC entra in gioco unendo questi due protocolli e aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza: definisce come gli ISP (Internet Service Providers) dovrebbero trattare le e-mail che non passano questi controlli di autenticazione. In pratica, il proprietario del dominio può impostare politiche DMARC per richiedere agli ISP di rifiutare, mettere in quarantena o semplicemente monitorare e-mail che non superano i controlli SPF o DKIM.

I Nuovi Requisiti di Google e Yahoo

Con l’avvento del 2024, Google e Yahoo richiederanno l’adozione del protocollo DMARC per tutti i mittenti di newsletter e di e-mail massive dirette ai loro utenti. Questo significa che, se la tua azienda invia grandi volumi di e-mail a contatti con indirizzi Gmail o Yahoo, dovrai assicurarti che il tuo dominio sia autenticato attraverso DMARC. Inoltre, verranno imposti altri requisiti come la possibilità per gli utenti di disiscriversi dalle mailing list con un solo clic e il mantenimento delle segnalazioni Spam al di sotto dello 0,1%.

Passi da Seguire per l’Implementazione di DMARC

  1. Verifica degli Attuali Strumenti di Autenticazione: Prima di implementare DMARC, è essenziale assicurarsi che il tuo dominio sia già configurato con SPF e DKIM. Questi protocolli sono la base per una buona autenticazione delle e-mail.
  2. Pubblicazione del Record DMARC: Si tratta di aggiungere un record DMARC al DNS del tuo dominio. Questo record definisce la politica DMARC del tuo dominio e fornisce istruzioni agli ISP su come gestire le e-mail che non superano i controlli di autenticazione.
  3. Monitoraggio e Analisi: Una volta implementato DMARC, è importante monitorare i rapporti generati e analizzare i dati per identificare eventuali problemi di autenticazione delle e-mail.
  4. Adeguamento e Ottimizzazione: In base ai risultati del monitoraggio, potrebbe essere necessario apportare modifiche alle configurazioni di SPF, DKIM e DMARC per migliorare la deliverability e la sicurezza delle e-mail.

Benefici dell’Adozione di DMARC

  1. Prevenzione del Phishing e dello Spoofing: Con l’aumento delle frodi online, DMARC aiuta a prevenire l’uso improprio dei domini aziendali in attacchi di phishing e spoofing. Questo è vitale per proteggere sia i consumatori che le aziende da tentativi di frode e furti di identità.
  2. Miglioramento della Reputazione del Mittente e Deliverability: L’utilizzo di DMARC migliora la reputazione del mittente presso gli ISP, aumentando le possibilità che le e-mail legittime raggiungano effettivamente le caselle di posta degli utenti, anziché essere erroneamente marcate come Spam.
  3. Feedback e Reporting: Una delle caratteristiche distintive di DMARC è la sua capacità di fornire report dettagliati ai proprietari dei domini. Questi report forniscono informazioni preziose su come le e-mail inviate dal loro dominio vengono gestite, consentendo loro di identificare e risolvere i problemi legati alla deliverability delle e-mail.
  4. Conformità e Standardizzazione: In un’epoca in cui la protezione dei dati e la sicurezza cibernetica sono sempre più al centro dell’attenzione, l’adozione di DMARC diventa un elemento chiave per la conformità agli standard di sicurezza globali. Le aziende che implementano DMARC dimostrano un impegno verso la sicurezza e la protezione dei dati, elementi sempre più valutati dai clienti e dai partner commerciali.

Considerazioni Finali

L’adozione del protocollo DMARC è più che una semplice conformità alle nuove politiche di Google e Yahoo; rappresenta un passo fondamentale verso una maggiore sicurezza e affidabilità nel mondo delle comunicazioni elettroniche. Le aziende che si adeguano a queste nuove richieste non solo migliorano la loro immagine e la fiducia dei propri clienti, ma contribuiscono anche alla creazione di un ecosistema digitale più sicuro.

In conclusione, l’implementazione di DMARC, insieme a SPF e DKIM, dovrebbe essere vista non solo come un requisito, ma come un’opportunità per migliorare la sicurezza, la reputazione e l’efficacia delle proprie comunicazioni e-mail. Con l’approccio giusto e un’attenta pianificazione, l’adeguamento a queste nuove politiche può portare a benefici a lungo termine per le aziende di tutte le dimensioni.

Se stai trovando difficoltà nell’implementazione di DMARC contattaci pure.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto