11 Luglio 2023

Differenze tra Plesk e cPanel

Comparazione, pro e contro dei due più popolari pannelli di controllo Web.

Plesk-Vs-cPanel

L’evoluzione del web hosting ha portato alla nascita di numerose soluzioni per facilitare la gestione dei siti web. Tra queste, i pannelli di controllo come Plesk e cPanel hanno assunto un ruolo fondamentale, rendendo più semplice la gestione delle risorse web anche per utenti meno esperti. Questo post illustrerà in dettaglio le differenze tra Plesk e cPanel, due dei più popolari pannelli di controllo utilizzati nel settore dell’hosting.

La Storia dei Pannelli Web

I pannelli di controllo del web hosting nascono dall’esigenza di fornire agli utenti un’interfaccia grafica intuitiva e facile da usare per gestire le proprie risorse web. Prima della loro comparsa, la gestione di un server web richiedeva un’ampia conoscenza di sistemi operativi e linguaggi di scripting. Con l’avvento dei pannelli di controllo, tuttavia, è diventato possibile gestire un sito web senza dover conoscere in dettaglio il funzionamento del server.

La Storia di Plesk

Nel panorama dei pannelli di controllo per il web hosting, Plesk è senza dubbio uno dei nomi più riconosciuti, grazie ad una storia di successi che si estende per oltre due decenni.

Plesk ha visto la luce nel 2001, lanciato dalla società russa SWsoft. Questa società, guidata da un team di esperti e visionari, ha ideato Plesk con l’obiettivo di fornire una soluzione completa e user-friendly per la gestione di un server web. Il risultato è stato uno dei primi pannelli di controllo che hanno offerto la possibilità di automatizzare molte attività di routine. Grazie a Plesk, compiti che un tempo richiedevano una significativa competenza tecnica e un sacco di tempo, come la creazione di account e-mail, la gestione dei database e l’installazione di applicazioni web, sono diventati rapidi e semplici da eseguire.

La forza innovativa di Plesk non è passata inosservata nel settore dell’hosting. Nel giro di pochi anni, il software è diventato un punto di riferimento nel settore, acquisendo un ampio seguito di utenti che hanno apprezzato la sua interfaccia intuitiva e la vasta gamma di funzionalità offerte.

Nel 2008, la storia di Plesk ha preso una svolta significativa quando SWsoft si è fusa con Parallels, una società nota per le sue soluzioni di virtualizzazione. Questa fusione ha portato a un ulteriore sviluppo e ampliamento delle capacità di Plesk, consolidando ulteriormente la sua posizione come una delle soluzioni di hosting più popolari sul mercato.

Negli anni successivi, Plesk ha continuato a evolversi, ampliando il suo supporto a un’ampia varietà di sistemi operativi e introducendo nuove funzionalità per soddisfare le crescenti esigenze degli utenti. Allo stesso tempo, l’azienda dietro Plesk non ha mai perso di vista la sua missione originale: rendere la gestione del server web accessibile e semplificata per tutti, indipendentemente dalle loro competenze tecniche.

Oggi, Plesk è uno strumento globale, utilizzato da milioni di professionisti in tutto il mondo, con il merito di aver reso la gestione del web hosting una realtà molto più gestibile e user-friendly.

La Storia di cPanel

Intriso di tradizione e innovazione, cPanel si è guadagnato un posto d’onore nel panorama dei pannelli di controllo web. La sua storia, che risale a più di due decenni fa, è un racconto di progresso costante e leadership nel settore.

Lanciato nel lontano 1996 da una società chiamata Speed Hosting, cPanel è stato uno dei primi pannelli di controllo per server web a essere creato. Nonostante l’ambiente digitale dell’epoca fosse molto diverso da quello attuale, l’obiettivo fondamentale di cPanel era già chiaro: rendere la gestione dei server web un’operazione semplice e intuitiva.

Da subito, cPanel ha saputo distinguersi per la sua interfaccia user-friendly e la vasta gamma di funzionalità offerte. Il software è stato progettato con l’utente in mente, mirando a fornire uno strumento che potesse rendere semplici anche le attività più complesse. Questo impegno nella creazione di un’esperienza utente di alta qualità ha contribuito a rendere cPanel una scelta popolare tra gli utenti di tutto il mondo.

Ma cPanel non si è fermato alla mera facilità d’uso. Già allora, la società ha dimostrato una forte consapevolezza dell’importanza della sicurezza nel web hosting. Così, cPanel è stato uno dei primi pannelli di controllo a offrire una suite completa di strumenti di sicurezza, inclusi meccanismi di protezione da spam e virus. Questo impegno nella sicurezza ha contribuito a cementare la reputazione di cPanel come uno dei pannelli di controllo più sicuri e affidabili sul mercato.

Nel corso degli anni, cPanel ha mantenuto una posizione di leadership nel mercato dei pannelli di controllo. Ha continuato ad innovare, aggiungendo nuove funzionalità e migliorando l’usabilità e la sicurezza. Allo stesso tempo, ha mantenuto il suo impegno a fornire un servizio di alta qualità, sostenendo la sua reputazione come uno dei pannelli di controllo più rispettati nel settore.

Oggi, cPanel rimane un pilastro nel panorama del web hosting, ampiamente riconosciuto per la sua interfaccia intuitiva, la sua robusta suite di funzionalità e il suo impegno per la sicurezza. La sua lunga storia di successo è testimonianza della sua capacità di adattarsi e innovare in un settore in continua evoluzione.

Acquisizione di Plesk e cPanel dallo Stesso Fondo di Investimento

Nel mondo dei business digitali, le fusioni e le acquisizioni sono all’ordine del giorno e possono portare a cambiamenti significativi nel panorama del settore. Un evento di questo tipo ha coinvolto direttamente Plesk e cPanel nel 2017, quando entrambe le società sono state acquisite da Oakley Capital, un prestigioso fondo di investimento britannico.

Fondato nel 2002, Oakley Capital si è distinto per il suo impegno a investire in aziende tecnologiche innovative e ad alto potenziale di crescita. L’acquisizione di Plesk e cPanel si inserisce in questa strategia, rappresentando un significativo investimento nel settore dell’hosting web. Questa mossa non solo ha segnato una nuova era per entrambe le piattaforme, ma ha anche alimentato una serie di discussioni e speculazioni nell’industria.

Dopo l’annuncio dell’acquisizione, molti osservatori e utenti hanno iniziato a ipotizzare una possibile fusione di Plesk e cPanel. Considerando che entrambe le piattaforme erano ora sotto lo stesso controllo, la prospettiva di una fusione o di un’integrazione sembrava possibile e persino logica per alcuni.

Tuttavia, Oakley Capital ha scelto un approccio diverso. Invece di unire le due piattaforme, il fondo di investimento ha deciso di mantenere separate Plesk e cPanel, permettendo a ciascuna di continuare a svilupparsi in modo indipendente. Questa decisione ha assicurato che ciascuna piattaforma mantenesse la sua unicità e continuasse a servire la propria base di utenti come sempre.

Questo non significa che non ci siano state sinergie o cooperazioni tra le due piattaforme. Ma fino ad oggi, Plesk e cPanel sono rimaste due entità separate, ognuna con la propria identità, i propri punti di forza e la propria visione. Questa strategia ha consentito a entrambe le piattaforme di prosperare sotto la guida di Oakley Capital, continuando a fornire servizi di alta qualità ai loro rispettivi utenti.

L’acquisizione di Plesk e cPanel da parte di Oakley Capital è un esempio di come i movimenti nel mondo degli investimenti possono influenzare il panorama tecnologico. Sebbene le due piattaforme siano rimaste separate, l’influenza di Oakley Capital ha sicuramente contribuito a plasmare il loro sviluppo e a garantire il loro successo continuato nel settore dell’hosting web.

Caratteristiche Tecniche di Plesk

Plesk pannello di controllo

Plesk, nel corso degli anni, si è affermato come uno strumento affidabile e potente per la gestione del web hosting, offrendo una serie di funzionalità distintive. Ecco un approfondimento sulle sue principali caratteristiche:

  1. Supporto multipiattaforma: Una delle principali forze di Plesk risiede nella sua capacità di supportare sia Linux che Windows. Questo lo rende un’opzione ideale per chi cerca versatilità nell’ambiente server. Mentre molti altri pannelli di controllo supportano esclusivamente Linux, Plesk ha una forte presenza nel settore Windows, permettendo agli utenti di sfruttare la potenza di entrambi i sistemi operativi. Puoi scegliere il sistema operativo che meglio si adatta alle tue esigenze e avere la sicurezza che Plesk sarà in grado di gestirlo.
  2. Gestione completa del server: Plesk offre un ambiente di gestione completa, andando oltre il semplice hosting di siti web. Include funzionalità di posta elettronica, facilitando la creazione, gestione e eliminazione degli account email. Il supporto FTP permette agli utenti di caricare e scaricare file direttamente dal server. La gestione SSL è semplificata, consentendo l’installazione di certificati con pochi clic. Inoltre, Plesk gestisce efficacemente i database, offrendo un’interfaccia per MySQL e PostgreSQL, e rendendo semplice la creazione, modifica ed eliminazione dei database.
  3. Interfaccia utente intuitiva: Plesk si distingue per la sua interfaccia utente amichevole e intuitiva. Gli utenti possono gestire le risorse web in maniera semplice e veloce, grazie a un design orientato alla facilità d’uso. Plesk suddivide le funzionalità in diverse sezioni chiaramente definite, rendendo facile trovare e accedere alle funzioni desiderate. L’interfaccia offre anche una serie di scorciatoie e suggerimenti che facilitano l’apprendimento e l’utilizzo del pannello di controllo.
  4. Estensibilità: L’estensibilità è un’altra caratteristica importante di Plesk. Il pannello di controllo può essere ampliato e personalizzato tramite l’uso di estensioni, che aggiungono funzionalità e servizi. Questo include l’accesso a servizi di terze parti, strumenti di sviluppo, integrazioni di sicurezza e molto altro. Gli utenti possono così costruire un ambiente di hosting che risponde esattamente alle loro esigenze. Le estensioni sono disponibili direttamente attraverso il catalogo di Plesk, rendendo facile esplorare, installare e gestire questi potenziamenti del pannello di controllo.

Distribuzioni Linux che supportano Plesk

Plesk offre un ampio supporto per diverse distribuzioni Linux. Di seguito, una lista delle principali distribuzioni supportate:

  1. CentOS: Questa è una delle distribuzioni Linux più popolari per l’hosting web e Plesk supporta versioni recenti di CentOS.
  2. Debian: Debian è un’altra distribuzione molto popolare nel mondo del web hosting e Plesk offre supporto completo per le versioni recenti di Debian.
  3. Ubuntu: Ubuntu è una delle distribuzioni Linux più user-friendly e Plesk supporta anche questa, permettendo agli utenti di sfruttare la facilità d’uso di Ubuntu con la potenza di Plesk.
  4. Red Hat Enterprise Linux (RHEL): RHEL è una distribuzione orientata all’impresa e Plesk supporta le versioni recenti di RHEL.
  5. CloudLinux: Progettato specificamente per l’hosting condiviso, CloudLinux offre un ambiente isolato per ciascun utente su un server. Plesk supporta questa distribuzione per migliorare la sicurezza e l’efficienza del server.
  6. Virtuozzo Linux (anteriormente noto come OpenVZ): Questa è una distribuzione Linux orientata alla virtualizzazione e Plesk supporta anche Virtuozzo Linux.

Ricorda che è sempre una buona idea verificare la compatibilità specifica con la versione di Plesk che intendi utilizzare, in quanto la lista delle distribuzioni supportate può variare da una versione all’altra.

Caratteristiche Tecniche di cPanel

cPanel Pannello di controllo

cPanel è un altro strumento di gestione del web hosting molto apprezzato, con un’ampia varietà di funzionalità rivolte alla semplificazione e alla sicurezza dell’hosting. Di seguito, un esame più approfondito delle sue principali caratteristiche:

  1. Supporto solo per Linux: cPanel si differenzia da Plesk per il suo esclusivo supporto a Linux. Questa scelta può sembrare una limitazione per alcuni utenti, in particolare per coloro che lavorano in un ambiente Windows. Tuttavia, è importante sottolineare che l’approccio “solo Linux” di cPanel non è privo di vantaggi. Focalizzandosi su un singolo sistema operativo, cPanel può ottimizzare la sua performance e funzionalità specificamente per Linux, garantendo un’esperienza di hosting efficiente e integrata.
  2. Suite completa di strumenti di sicurezza: cPanel presta particolare attenzione alla sicurezza dell’hosting. Dispone di una suite completa di strumenti di sicurezza progettati per proteggere il server e i siti web da varie minacce. Questi strumenti comprendono protezioni contro spam e virus, che aiutano a mantenere l’integrità dei dati e la sicurezza degli utenti. cPanel include anche funzionalità come l’Hotlink Protection, che impedisce ad altri siti di utilizzare inappropriatamente i tuoi contenuti, e l’IP Deny Manager, che permette di bloccare gli IP indesiderati.
  3. Interfaccia utente intuitiva: cPanel condivide con Plesk la reputazione di avere un’interfaccia utente intuitiva e user-friendly. L’interfaccia di cPanel è progettata per semplificare la gestione delle risorse web, presentando le funzionalità in modo organizzato e accessibile. Gli utenti possono facilmente navigare tra le diverse sezioni, che vanno dalla gestione degli account email alla supervisione delle statistiche del sito web. L’interfaccia di cPanel è anche personalizzabile, permettendo agli utenti di modificare l’aspetto del pannello di controllo in base alle proprie preferenze.
  4. Automazione di routine: Un’altra forza di cPanel risiede nella sua capacità di automatizzare numerose attività di routine. Questo permette agli utenti di risparmiare tempo prezioso che può essere speso altrove. Le attività che possono essere automatizzate con cPanel includono backup del sito web, aggiornamenti del software, gestione del cron (per programmare attività ricorrenti sul server), tra le altre. Questa automazione facilita la manutenzione e la gestione del sito, rendendo cPanel un’opzione molto apprezzata per molti utenti.

Distribuzioni Linux che supportano cPanel

cPanel offre supporto per diverse distribuzioni Linux. Di seguito, una lista delle principali distribuzioni supportate:

  1. CentOS: Questa è una delle distribuzioni Linux più popolari per l’hosting web e cPanel supporta versioni recenti di CentOS.
  2. Red Hat Enterprise Linux (RHEL): RHEL è una distribuzione orientata all’impresa e cPanel supporta le versioni recenti di RHEL.
  3. CloudLinux: Progettato specificamente per l’hosting condiviso, CloudLinux offre un ambiente isolato per ciascun utente su un server. cPanel supporta questa distribuzione per migliorare la sicurezza e l’efficienza del server.
  4. Amazon Linux: cPanel supporta anche Amazon Linux, che è ottimizzato per l’esecuzione su infrastruttura Amazon Web Services (AWS).

Ricorda che è sempre una buona idea verificare la compatibilità specifica con la versione di cPanel che intendi utilizzare, in quanto la lista delle distribuzioni supportate può variare da una versione all’altra.

Confronto sommario tra Plesk e cPanel

Plesk e cPanel sono due dei pannelli di controllo per la gestione del web hosting più popolari e affidabili sul mercato, ciascuno con un’ampia gamma di funzioni progettate per semplificare l’amministrazione delle risorse web. Nonostante le loro somiglianze, ci sono alcune differenze chiave che potrebbero influenzare la decisione di un utente su quale piattaforma scegliere.

  1. Supporto multipiattaforma: Uno degli aspetti in cui Plesk e cPanel differiscono significativamente è nel loro supporto ai sistemi operativi. Plesk supporta sia Linux che Windows, il che lo rende una scelta adatta per gli utenti che gestiscono server basati su entrambi i sistemi operativi o che desiderano la flessibilità di cambiare tra di essi. D’altra parte, cPanel è esclusivamente dedicato a Linux. Sebbene questa scelta possa sembrare limitante, permette a cPanel di ottimizzare la sua performance e funzionalità per l’ambiente Linux, offrendo un’esperienza di hosting altamente affinata per questo specifico sistema operativo.
  2. Strumenti di sicurezza: In termini di sicurezza, cPanel ha un leggero vantaggio, grazie alla sua vasta suite di strumenti di protezione. Questi strumenti offrono una protezione completa contro varie minacce, tra cui spam e virus, garantendo l’integrità dei dati e la sicurezza del server. Plesk, tuttavia, non è in ritardo e offre anche una solida selezione di strumenti di sicurezza.
  3. Interfaccia utente: Entrambi i pannelli di controllo sono noti per le loro interfacce utente intuitive e user-friendly, rendendo la gestione delle risorse web un’attività relativamente semplice anche per i non esperti di tecnologia. Tuttavia, l’aspetto visivo e la disposizione delle funzioni possono variare tra Plesk e cPanel. La scelta potrebbe quindi dipendere dalle preferenze personali dell’utente: alcuni potrebbero preferire l’interfaccia più pulita e moderna di Plesk, mentre altri potrebbero sentirsi più a loro agio con l’interfaccia più tradizionale e testata nel tempo di cPanel.
  4. Estensibilità: In termini di estensibilità, entrambe le piattaforme si distinguono. Tuttavia, Plesk potrebbe avere un leggero vantaggio, offrendo una vasta gamma di estensioni che permettono agli utenti di aggiungere funzionalità e personalizzare il pannello di controllo in base alle loro esigenze specifiche. cPanel, tuttavia, non è da meno e offre anche la possibilità di aggiungere funzionalità tramite plugin.

Costi di Licenza tra Plesk e cPanel

Un altro aspetto cruciale da considerare quando si confrontano Plesk e cPanel sono i costi di licenza e i relativi modelli di tariffazione.

Plesk offre diverse opzioni di licenza basate sulla tipologia di utilizzo. Per una singola installazione, i costi partono da $10 al mese per Plesk Web Admin Edition, che permette di gestire fino a 10 domini. Plesk Web Pro Edition, che consente di gestire fino a 30 domini, è disponibile a $15 al mese. Infine, Plesk Web Host Edition, che offre la gestione di un numero illimitato di domini, è disponibile a $25 al mese. È importante notare che Plesk offre sconti per sottoscrizioni annuali, rendendo il costo mensile effettivo leggermente inferiore.

D’altro canto, cPanel ha un modello di licenza leggermente differente. Nel 2019, cPanel ha cambiato la sua struttura di prezzi, passando da un prezzo fisso a un modello basato sul numero di account. cPanel offre la licenza Standard a $45 al mese che permette di gestire fino a 100 account. Se si necessita di gestire più account, è disponibile cPanel Premier. Questa licenza inizia a $45 al mese per i primi 100 account e aggiunge $0.20 per ogni account aggiuntivo.

In confronto, la struttura tariffaria di Plesk può sembrare più semplice e prevedibile, con costi fissi basati sul numero di domini gestiti. cPanel, d’altra parte, offre una struttura tariffaria scalabile che può essere più conveniente per chi gestisce pochi account, ma che potrebbe diventare significativamente più costosa per i provider di hosting con un gran numero di account. Prima di prendere una decisione, è quindi importante valutare accuratamente le proprie esigenze in termini di numero di domini o account da gestire.

Nota: i prezzi menzionati possono variare nel tempo e si consiglia di verificare direttamente sui siti ufficiali di Plesk e cPanel per ottenere le informazioni più aggiornate.

In conclusione, la scelta tra Plesk e cPanel dipenderà in gran parte dalle esigenze, preferenze e contesto operativo specifici dell’utente. Entrambi i pannelli di controllo offrono un set robusto di funzionalità che possono facilitare notevolmente la gestione del web hosting, rendendoli entrambi scelte valide. È quindi fondamentale considerare attentamente quali aspetti siano più importanti per le proprie necessità operative prima di prendere una decisione.

Alternativa a Plesk e cPanel

Nonostante le funzionalità avanzate e l’interfaccia user-friendly offerte da Plesk e cPanel, alcuni potrebbero trovare che questi pannelli di controllo non sono la soluzione ideale per le loro esigenze. I costi di licenza, i limiti nell’ottimizzazione dei web server e la necessità di un certo grado di conoscenza tecnica possono rappresentare ostacoli significativi.

In alternativa, una soluzione efficace può essere quella di optare per un servizio di assistenza managed, fornito da esperti sistemisti Linux. Questo tipo di assistenza offre numerosi vantaggi in termini di competenza e sicurezza.

In primo luogo, la mitigazione di attacchi DDoS è una questione cruciale per qualsiasi server. Mentre sia Plesk che cPanel offrono qualche strumento di sicurezza, un servizio managed può fornire soluzioni di sicurezza molto più sofisticate e personalizzate, in grado di far fronte a un’ampia gamma di potenziali minacce.

Inoltre, la gestione dei backup e il disaster recovery sono aree in cui un servizio managed può eccellere. Mentre Plesk e cPanel includono funzionalità di backup, un servizio managed può offrire strategie di backup più complete e sofisticate, oltre a piani di disaster recovery dettagliati che possono garantire la continuità del servizio anche in caso di problemi gravi.

La nostra azienda è specializzata nella fornitura di assistenza managed su server Linux, offrendo un’alternativa altamente efficace ai tradizionali pannelli di controllo web. Con la nostra esperienza e competenza, siamo in grado di garantire un’assistenza di alto livello, personalizzata in base alle esigenze del cliente. I nostri servizi vanno oltre la semplice gestione del server, comprendendo anche l’ottimizzazione delle prestazioni, la sicurezza avanzata, la gestione dei backup e il disaster recovery.

In conclusione, sebbene Plesk e cPanel siano soluzioni valide per la gestione del web hosting, un servizio di assistenza managed può offrire una soluzione più completa e personalizzata, che può risparmiare tempo, risorse e potenziali problemi futuri.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto