1 Aprile 2024

Cos’è un Record CNAME e Come si Differenzia da un Record A?

Differenze e vantaggi dei Record CNAME rispetto ai record A per la gestione flessibile dei domini

CNAME-Record-Guida

Nel vastissimo argomento della gestione dei domini e della sistemistica, i record DNS (Domain Name System) giocano un ruolo cruciale nel dirigere il traffico su Internet. Tra questi, i record CNAME (Canonical Name) e A (Address) rappresentano due delle strutture fondamentali attraverso le quali questo traffico viene indirizzato. Sebbene entrambi svolgano funzioni essenziali, esistono differenze significative nel loro utilizzo e nella loro configurazione. In questo articolo, esploreremo in dettaglio cos’è un record CNAME, come si differenzia da un record A, i vantaggi derivanti dalla sua implementazione e alcuni esempi pratici di utilizzo.

Introduzione

Nel sistema DNS, ogni sito web e servizio online è identificato non solo da un nome di dominio facilmente leggibile dall’uomo, ma anche da un indirizzo IP, che è ciò che i computer utilizzano per comunicare tra loro su Internet. I record DNS fungono da ponte tra questi due modi di identificazione, permettendo agli utenti di raggiungere destinazioni online usando nomi di dominio familiari.

Cos’è un Record CNAME?

Un record CNAME, o Canonical Name record, è utilizzato nel sistema DNS per indicare che un dominio o un sottodominio è un alias di un altro dominio. Piuttosto che puntare direttamente a un indirizzo IP, come fa un record A, un record CNAME punta a un altro nome di dominio. Questa caratteristica rende i record CNAME estremamente utili per gestire più servizi sotto un singolo dominio, consentendo una gestione più flessibile e semplificata dei DNS.

Differenze Chiave tra Record CNAME e Record A

Le differenze chiave tra i record CNAME e i record A si manifestano nella loro funzione di base all’interno del sistema DNS. Il record A, noto come Address record, svolge un ruolo diretto e inequivocabile: associa un nome di dominio specifico, come www.esempio.com, a un indirizzo IP univoco, come 192.0.2.1. Questa associazione permette ai browser e ad altre applicazioni di rete di trovare e accedere a risorse su Internet utilizzando nomi di dominio leggibili dall’uomo anziché indirizzi IP numerici. Quando inserisci un URL nel tuo browser, il record A corrispondente guida la tua richiesta direttamente al server specifico dove il sito web è ospitato, facilitando così una connessione diretta e senza fronzoli.

Al contrario, i record CNAME, o Canonical Name records, introducono un livello di indirizzamento. Un record CNAME non mappa un nome di dominio direttamente a un indirizzo IP; piuttosto, esso associa un nome di dominio a un altro nome di dominio. Ad esempio, se hai configurato un record CNAME per blog.esempio.com che punta a www.esempio.com, ogni richiesta a blog.esempio.com verrà indirizzata a www.esempio.com. Questa caratteristica è particolarmente utile in situazioni dove l’indirizzo IP di un sito web o servizio può cambiare frequentemente, come in ambienti di hosting condiviso o quando si utilizzano servizi cloud. I record CNAME offrono una maggiore flessibilità nella gestione dei nomi di dominio, poiché consentono agli amministratori di reindirizzare più sottodomini a un singolo dominio target senza la necessità di aggiornare manualmente gli indirizzi IP per ogni sottodominio.

Un altro aspetto fondamentale da considerare è che, mentre i record A possono essere applicati a qualsiasi dominio, i record CNAME sono utilizzati esclusivamente con sottodomini, escludendo il dominio radice. Questo limita il loro utilizzo in certi scenari ma li rende ideali per configurazioni di sottodomini multipli che richiedono flessibilità e facile gestione.

Esempio di Zona in Formato BIND9

Per illustrare come questi record vengono utilizzati nella pratica, di seguito è presentato un esempio di una zona DNS configurata nel formato BIND9, che è uno standard de facto per la configurazione del DNS. In questo esempio, vengono definiti sia record A che record CNAME per un dominio immaginario esempio.com.

$TTL 86400 ; 24 ore
@ IN SOA ns1.esempio.com. admin.esempio.com. (
2024010101 ; Seriale
7200 ; Refresh
7200 ; Retry
172800 ; Expire
86400 ) ; Negative Cache TTL
; Definizione dei server DNS
IN NS ns1.esempio.com.
IN NS ns2.esempio.com.

; Record A per il server DNS principale e secondario
ns1 IN A 192.0.2.1
ns2 IN A 192.0.2.2

; Record A per il dominio principale
@ IN A 203.0.113.1

; Record A per un sottodominio diretto
www IN A 203.0.113.1

; Record CNAME per reindirizzare blog a www
blog IN CNAME www.esempio.com.

; Record CNAME per un servizio esterno, come una piattaforma cloud
cloud IN CNAME servizio.esterno.com.

In questo esempio, il record A per www.esempio.com e il record CNAME per blog.esempio.com dimostrano la differenza pratica nell’uso di questi due tipi di record. Mentre www è direttamente mappato all’indirizzo IP 203.0.113.1, blog è indirizzato a www.esempio.com, beneficiando così della flessibilità offerta dai record CNAME per eventuali future modifiche all’indirizzo di destinazione senza necessità di aggiornare il record blog direttamente.

Vantaggi dei Record CNAME rispetto ai Record A

Approfondendo i vantaggi dei record CNAME rispetto ai record A, possiamo esplorare più in dettaglio come questi vantaggi si traducano in applicazioni pratiche e benefici tangibili per la gestione dei domini e l’architettura di rete.

Flessibilità

I record CNAME offrono una flessibilità senza pari nella gestione dei nomi di dominio e dei sottodomini. Considerando un scenario in cui un’organizzazione dispone di diversi sottodomini per vari servizi—come mail.esempio.com per il servizio di posta elettronica e www.esempio.com per il sito web principale—se l’indirizzo IP del server che ospita questi servizi cambia, l’amministratore del DNS deve normalmente aggiornare il record A di ogni sottodominio individualmente. Tuttavia, con l’impiego di record CNAME, è possibile avere tutti i sottodomini che puntano a un dominio canonico (ad esempio, services.esempio.com). In questo modo, qualsiasi modifica all’indirizzo IP richiede l’aggiornamento di un solo record A per il dominio canonico, rendendo il processo di gestione dei cambiamenti molto più semplice e meno soggetto a errori.

Gestione Semplificata

Nei contesti aziendali o di hosting, dove i servizi possono essere migrati tra server o infrastrutture per manutenzione, scalabilità o ottimizzazione delle risorse, la gestione dei DNS può diventare complessa e onerosa. L’utilizzo dei record CNAME in queste situazioni semplifica enormemente il processo. Ad esempio, se un’applicazione viene spostata da un server fisico a un’istanza cloud, anziché aggiornare i record A di tutti i domini e sottodomini interessati, è sufficiente modificare l’indirizzo nel record A del dominio a cui i record CNAME fanno riferimento. Questo riduce il rischio di downtime dovuto a errori di configurazione e consente una gestione del DNS più agile e reattiva alle esigenze operative.

Load Balancing e Failover

I record CNAME trovano una delle loro applicazioni più critiche nelle architetture di load balancing e failover. In un contesto di load balancing, l’obiettivo è distribuire il traffico di rete in modo equo tra più server per ottimizzare le prestazioni e ridurre il rischio di sovraccarico di un singolo server. I record CNAME possono essere utilizzati per indirizzare i sottodomini a un endpoint DNS che a sua volta distribuisce il traffico tra vari server. Questo è particolarmente utile quando si utilizzano servizi cloud che gestiscono automaticamente il bilanciamento del carico.

Nelle configurazioni di failover, i record CNAME consentono di passare rapidamente il traffico da un server primario a uno secondario in caso di guasto. Invece di attendere la propagazione dei nuovi record A attraverso il sistema DNS globale, l’amministratore può semplicemente aggiornare il record A del dominio di destinazione del CNAME. Ciò permette una ripresa del servizio più rapida e una riduzione significativa del tempo di inattività, essenziale per applicazioni critiche e servizi online che richiedono alta disponibilità.

In sintesi, i record CNAME offrono vantaggi significativi in termini di flessibilità, gestione semplificata e efficienza operativa, particolarmente preziosi in ambienti dinamici e complessi. La loro capacità di ridurre la complessità della gestione DNS, minimizzare il downtime e supportare architetture di rete avanzate li rende un elemento chiave nella cassetta degli attrezzi di ogni amministratore di sistema.

Esempi di Utilizzo dei Record CNAME

  • Gestione di Più Servizi: Un’azienda potrebbe avere un sito web principale (www.esempio.com) e diversi servizi online come un blog (blog.esempio.com) o una piattaforma e-commerce (shop.esempio.com). Utilizzando i record CNAME, blog e shop possono essere configurati come alias che puntano al dominio principale, facilitando la gestione e l’aggiornamento.
  • Sviluppo e Testing: Durante lo sviluppo di nuove funzionalità o la messa in prova di ambienti, i record CNAME possono essere utilizzati per reindirizzare temporaneamente il traffico verso ambienti di staging o di test senza influire sul dominio di produzione.
  • Terzi e Servizi Cloud: Molte piattaforme cloud e servizi di terze parti richiedono la configurazione di un record CNAME per verificare la proprietà di un dominio o per collegare il tuo dominio ai loro servizi. Questo è comune per le piattaforme di e-mail marketing, sistemi di gestione dei contenuti, e soluzioni SaaS.

Conclusione

I record CNAME rappresentano un elemento cruciale nell’architettura del sistema DNS moderno, offrendo una combinazione unica di flessibilità e semplicità gestionale che si adatta perfettamente alle complesse esigenze delle infrastrutture di rete attuali. Mentre i record A mantengono la loro importanza fondamentale per l’associazione diretta tra nomi di dominio e indirizzi IP, i record CNAME estendono le capacità di gestione dei DNS, permettendo reindirizzamenti agili e manutenzione ridotta attraverso l’uso di alias di dominio. Questi vantaggi, distintivi e complementari rispetto ai record A, rendono i record CNAME strumenti indispensabili per gli amministratori di rete che mirano a una gestione del traffico web efficiente e a una risoluzione dei nomi di dominio ottimizzata.

La scelta tra l’utilizzo di un record CNAME o di un record A dipende da specifici requisiti di configurazione e dai casi d’uso previsti. Tuttavia, comprendere le funzionalità e le applicazioni ottimali di ciascuno può significare la differenza tra una gestione del DNS fluida e una costellata di sfide operative. In ultima analisi, la capacità di impiegare strategicamente i record CNAME, quando appropriato, può migliorare significativamente l’efficienza operativa, facilitare la gestione dei cambiamenti e assicurare che il traffico web sia gestito in modo efficace, garantendo un’esperienza utente fluida e senza interruzioni.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto