12 Febbraio 2024

Cloud Repatriation, ovvero rimpatriare le infrastrutture dal Cloud a sistemi proprietari On Premise.

Esplorazione delle sfide e delle motivazioni dietro al fenomeno del Cloud Repatriation, dalla crescita esponenziale alla riconsiderazione strategica delle infrastrutture IT.

Cloud Repatriation

Il termine “Cloud Repatriation” si riferisce al fenomeno per cui le aziende decidono di spostare le loro applicazioni, dati o carichi di lavoro dal cloud pubblico a soluzioni di infrastruttura IT on-premise o a cloud privati. Questo movimento può sembrare controintuitivo dopo anni in cui il cloud pubblico è stato celebrato come la soluzione definitiva per molti problemi IT, offrendo scalabilità, flessibilità e un modello di costo variabile basato sul consumo effettivo delle risorse. Tuttavia, diverse ragioni stanno spingendo le aziende a riconsiderare il modello cloud pubblico in favore di alternative che meglio si adattano alle loro esigenze specifiche.

La Crescita del Cloud e l’Esigenza di Repatriation

La crescita del cloud pubblico negli anni pre-covid è stata innegabile e spettacolare, alimentata da una serie di fattori chiave che hanno reso l’adozione del cloud una scelta ovvia per molte aziende. La promessa di riduzione dei costi operativi, unita alla flessibilità e alla scalabilità offerte da giganti tecnologici come AWS, Google Cloud Platform e Azure, ha portato a una corsa quasi frenetica verso il cloud. Questi fornitori hanno saputo attrarre un’ampia gamma di clienti, dalle startup alle grandi imprese, grazie a modelli di servizio come Software as a Service (SaaS), Platform as a Service (PaaS) e Infrastructure as a Service (IaaS), che promettevano di rivoluzionare il modo in cui le aziende accedevano e gestivano le risorse IT.

Fattori che hanno alimentato la crescita del cloud

  1. Costi variabili vs. costi fissi: La transizione da un modello di spesa in capitale (CAPEX) a uno di spesa operativa (OPEX) ha reso il cloud estremamente attraente per le aziende che desideravano ridurre gli investimenti iniziali in hardware e data center.
  2. Agilità aziendale: La capacità di scalare le risorse su richiesta ha permesso alle aziende di rispondere rapidamente alle esigenze di mercato in evoluzione, accelerando lo sviluppo e il lancio di nuovi prodotti e servizi.
  3. Miglioramenti nella continuità operativa e nel disaster recovery: Il cloud ha offerto meccanismi più robusti e convenienti per il backup dei dati e la ripresa delle attività in caso di emergenza, riducendo così i rischi aziendali.
  4. Focus sul core business: Delegando la gestione dell’infrastruttura IT a fornitori esterni, le aziende potevano concentrarsi maggiormente sulle loro attività principali, lasciando la gestione tecnologica agli esperti.

Sfide e limitazioni inaspettate

Nonostante questi vantaggi, il passaggio al cloud pubblico ha presentato delle sfide che hanno portato alcune aziende a riconsiderare la loro strategia cloud:

  1. Costi nascosti: Mentre il modello pay-per-use è attraente sulla carta, molte aziende hanno scoperto che i costi possono accumularsi rapidamente, soprattutto quando i dati o le applicazioni diventano più intensivi in termini di risorse. La gestione inefficiente delle risorse cloud può portare a spese inaspettate e significative.
  2. Complessità della gestione: La promessa di un’infrastruttura IT “senza preoccupazioni” si è talvolta rivelata illusoria, con le aziende che si trovano a navigare in configurazioni complesse, requisiti di integrazione e sfide di gestione delle prestazioni.
  3. Preoccupazioni per la sicurezza e la conformità: La governance dei dati e la conformità alle normative sono diventate preoccupazioni maggiori, soprattutto per le aziende in settori regolamentati. La percezione di perdere il controllo sui dati sensibili ha sollevato questioni sulla sicurezza dei dati nel cloud pubblico.
  4. Performance e latenza: Per alcune applicazioni critiche, le aziende hanno sperimentato problemi di performance e latenza che hanno influenzato l’esperienza utente e le operazioni aziendali, spingendo alla valutazione di alternative.

Perché le Aziende Optano per il Cloud Repatriation

Queste sfide hanno portato alla nascita del concetto di “Cloud Repatriation”, dove le aziende iniziano a spostare alcuni o tutti i loro carichi di lavoro dal cloud pubblico a soluzioni on-premise o a cloud privati. Le motivazioni dietro questo movimento includono il desiderio di un maggiore controllo sull’infrastruttura, costi prevedibili, miglioramenti nelle performance e considerazioni legate alla sicurezza e alla conformità. Sebbene il cloud pubblico continuerà a svolgere un ruolo fondamentale nell’architettura IT di molte aziende, la repatriation sottolinea l’importanza di un approccio bilanciato e personalizzato alla strategia cloud, che tenga conto delle specificità e delle esigenze uniche di ogni azienda.

  1. Controllo e Sicurezza dei Dati: La preoccupazione per la sicurezza dei dati e il controllo su di essi è una delle ragioni principali per la repatriazione al cloud. In alcuni settori, come quello finanziario o sanitario, le normative sulla privacy dei dati richiedono un controllo rigoroso, che può essere più difficile da garantire in un ambiente cloud pubblico.
  2. Costi Prevedibili: Sebbene il modello pay-per-use del cloud pubblico possa offrire vantaggi in termini di scalabilità, molte aziende hanno scoperto che i costi possono diventare significativi man mano che aumentano il loro utilizzo delle risorse. In alcuni casi, il mantenimento di un’infrastruttura on-premise o in un cloud privato può risultare più economico a lungo termine, soprattutto per carichi di lavoro stabili e prevedibili.
  3. Performance: Alcune applicazioni richiedono latenze molto basse o hanno requisiti di prestazione che il cloud pubblico può avere difficoltà a soddisfare costantemente, soprattutto in presenza di picchi di traffico imprevisti.
  4. Dipendenza da un Singolo Fornitore: Il rischio di lock-in con un singolo provider di cloud pubblico è una preoccupazione reale per molte aziende. La repatriazione offre l’opportunità di diversificare i fornitori di servizi o di adottare un approccio multicloud, riducendo così la dipendenza da un unico fornitore.

Implementazione del Cloud Repatriation

Il processo di cloud repatriation richiede un’attenta pianificazione e considerazione di diversi fattori:

  • Valutazione delle Esigenze Aziendali: È fondamentale comprendere le esigenze specifiche dell’azienda in termini di sicurezza, controllo dei dati, performance e costi per determinare se la repatriazione è la scelta giusta.
  • Selezione dell’Infrastruttura Giusta: Che si tratti di un ritorno al data center aziendale, all’adozione di un cloud privato o di una soluzione ibrida, è essenziale selezionare l’infrastruttura che meglio si adatta alle esigenze dell’azienda.
  • Gestione del Cambiamento: La migrazione di dati e applicazioni dal cloud pubblico a un’infrastruttura alternativa può essere complessa e richiede una gestione accurata del cambiamento per minimizzare le interruzioni.
  • Ottimizzazione e Monitoraggio: Una volta completata la migrazione, è cruciale ottimizzare le prestazioni dell’infrastruttura scelta e implementare soluzioni di monitoraggio per garantire che le esigenze aziendali siano soddisfatte efficacemente.

Conclusione

Il fenomeno del Cloud Repatriation sottolinea l’importanza per le aziende di valutare attentamente le proprie esigenze di infrastruttura IT e di non adottare il cloud pubblico come soluzione universale. Mentre il cloud pubblico continuerà a svolgere un ruolo cruciale nell’ecosistema IT di molte aziende, il movimento verso soluzioni più controllate, sicure e potenzialmente economiche dimostra l’evoluzione continua del panorama tecnologico e la necessità per le aziende di rimanere agili e informate sulle opzioni disponibili.

Hai dei dubbi? Non sai da dove iniziare? Contattaci !

Abbiamo tutte le risposte alle tue domande per aiutarti nella giusta scelta.

Chatta con noi

Chatta direttamente con il nostro supporto prevendita.

0256569681

Contattaci telefonicamente negli orari d’ufficio 9:30 – 19:30

Contattaci online

Apri una richiesta direttamente nell’area dei contatti.

INFORMAZIONI

Managed Server S.r.l. è un player italiano di riferimento nel fornire soluzioni avanzate di sistemistica GNU/Linux orientate all’alta performance. Con un modello di sottoscrizione dai costi contenuti e prevedibili, ci assicuriamo che i nostri clienti abbiano accesso a tecnologie avanzate nel campo dell’hosting, server dedicati e servizi cloud. Oltre a questo, offriamo consulenza sistemistica su sistemi Linux e manutenzione specializzata in DBMS, IT Security, Cloud e molto altro. Ci distinguiamo per l’expertise in hosting di primari CMS Open Source come WordPress, WooCommerce, Drupal, Prestashop, Joomla, OpenCart e Magento, affiancato da un servizio di supporto e consulenza di alto livello adatto per la Pubblica Amministrazione, PMI, ed aziende di qualsiasi dimensione.

Red Hat, Inc. detiene i diritti su Red Hat®, RHEL®, RedHat Linux®, e CentOS®; AlmaLinux™ è un marchio di AlmaLinux OS Foundation; Rocky Linux® è un marchio registrato di Rocky Linux Foundation; SUSE® è un marchio registrato di SUSE LLC; Canonical Ltd. detiene i diritti su Ubuntu®; Software in the Public Interest, Inc. detiene i diritti su Debian®; Linus Torvalds detiene i diritti su Linux®; FreeBSD® è un marchio registrato di The FreeBSD Foundation; NetBSD® è un marchio registrato di The NetBSD Foundation; OpenBSD® è un marchio registrato di Theo de Raadt. Oracle Corporation detiene i diritti su Oracle®, MySQL®, e MyRocks®; Percona® è un marchio registrato di Percona LLC; MariaDB® è un marchio registrato di MariaDB Corporation Ab; REDIS® è un marchio registrato di Redis Labs Ltd. F5 Networks, Inc. detiene i diritti su NGINX® e NGINX Plus®; Varnish® è un marchio registrato di Varnish Software AB. Adobe Inc. detiene i diritti su Magento®; PrestaShop® è un marchio registrato di PrestaShop SA; OpenCart® è un marchio registrato di OpenCart Limited. Automattic Inc. detiene i diritti su WordPress®, WooCommerce®, e JetPack®; Open Source Matters, Inc. detiene i diritti su Joomla®; Dries Buytaert detiene i diritti su Drupal®. Amazon Web Services, Inc. detiene i diritti su AWS®; Google LLC detiene i diritti su Google Cloud™ e Chrome™; Facebook, Inc. detiene i diritti su Facebook®; Microsoft Corporation detiene i diritti su Microsoft®, Azure®, e Internet Explorer®; Mozilla Foundation detiene i diritti su Firefox®. Apache® è un marchio registrato di The Apache Software Foundation; PHP® è un marchio registrato del PHP Group. CloudFlare® è un marchio registrato di Cloudflare, Inc.; NETSCOUT® è un marchio registrato di NETSCOUT Systems Inc.; ElasticSearch®, LogStash®, e Kibana® sono marchi registrati di Elastic N.V. Questo sito non è affiliato, sponsorizzato, o altrimenti associato a nessuna delle entità sopra menzionate e non rappresenta nessuna di queste entità in alcun modo. Tutti i diritti sui marchi e sui nomi di prodotto menzionati sono di proprietà dei rispettivi detentori di copyright. Ogni altro marchio citato appartiene ai propri registranti. MANAGED SERVER® è un marchio registrato a livello Europeo da MANAGED SERVER SRL Via Enzo Ferrari, 9 62012 Civitanova Marche (MC) Italia.

Torna in alto